“Draghi ha formato due governi: uno per i partiti e uno per se stesso”

“Il M5S? Il partito più piccolo. Il Pd? Non potrà porre il veto. Berlusconi? Il politico più abile”. Così commenta per ilGiornale.it il politologo Alessandro Campi la nascita del governo Draghi.

Questo governo è un’edizione allargata di Conte-bis o è davvero una novità?

“Molti si chiedono se ne valesse la pena, ma una cosa molto semplice non viene presa in considerazione: Mario Draghi è in carica. Questo è il vero elemento di frattura e discontinuità. Il direttore fa la differenza. Perché, con le stesse orchestre, lui può giocare una partitura completamente diversa e può anche decidere di giocare la stessa partitura di Conte, ma la prestazione sarebbe diversa. Il fatto che ci siano ministri che provengono dal governo precedente non “non è un segno di trasformazione. Allora tu si vede chiaramente la mano del Capo dello Stato che, proprio perché l’operazione Draghi è stata così traumatica, ha deciso di addolcire la pillola con significativi segni di continuità. Considerando anche che siamo di fronte a un’emergenza, quindi svolte troppo brusche su terreni estremamente delicati con la salute , difesa e interni non erano neppure desiderabili, dopodiché il fatto che Draghi sostituisca Conte fa a e enorme differenza “.

Perché?

“Vede, Draghi ha fatto due governi: uno per i partiti e uno per se stesso. Da un lato, il presidente del Consiglio giustamente doveva arbitrare con i partiti che gli davano voti e doveva tenere conto dell’equilibrio dei partiti con il Cencellis manuale alla mano e dall’altra c’è il Draghi-bis. Le questioni strategiche riguardanti l’economia, la gestione del piano di ripresa e le relazioni con l’Europa sono figure di sua fiducia, basti pensare che il Sottosegretario di il presidente del Consiglio è suo. È un governo che, nella continuità necessaria per ragioni politico-istituzionali, in realtà innova molto e l’elemento principale dell’innovazione è lo stesso Draghi “.

READ  Enrico Vaime - Corriere.it è morto

Come faranno Brunetta, Speranza e Di Maio a convivere nello stesso governo?

“Sanno già che dovranno convivere. Non è una cosa che scopriranno nel primo CDM. È un governo fortemente voluto dal Presidente della Repubblica e guidato da una forte personalità per gestire una situazione di emergenza, dopo un clamoroso fallimento da parte dei partiti, che non sono stati estromessi sulla base di un colpo di stato. Alcuni dicono che questo governo ricorda governi di unità nazionale o grande coalizione, ma questi sono paragoni che non reggono. Se è così, è su alle parti per decidere e volerlo. Qui, le parti sono state costrette a mettersi d’accordo, è stata una scelta decisa dall’esterno. lo sanno benissimo e, se avessero i capricci, avrebbero qualche paese contrario. Sarebbe un boomerang per loro. “

Tuttavia, ieri, si è detto che il Pd e il M5S stavano facendo pressioni su LeU perché si unisse al governo per ridurre il peso del centrodestra … Secondo lei, la sinistra dovrà raccogliere diversi rospi?

“Eh bien, en théorie, le centre-droit pourrait aussi avoir ce problème. Je le répète: on savait au départ que les deux côtés devraient avaler des crapauds amers. D’un autre côté, il y avait une indication très claire du chef de État: il s’agissait d’un gouvernement qui devait naître avec la participation de tous, sans veto de personne, sauf pour le choix de quelqu’un de se rappeler volontairement comme l’a fait Meloni. Les tentatives un peu bizarres du Parti démocrate pour empêcher la Ligue de sortir n’ont rien apporté et trouvé un mur à la fois à Draghi et à Mattarella. Alors disons-le clairement: LeU est entré parce qu’autrement Speranza, son représentant le plus autoritaire serait resté à la casa “.

READ  Silvio Berlusconi e i figli Luigi e Barbara risultano positivi al coronavirus: "Ex premier asintomatico e isolato"

Ma un parlamentare come Zan ha già chiesto l’approvazione della legge sulla transomofobia …

“Qui siamo i partiti che naturalmente continuano ad alzare la posta in gioco per non ammettere pubblicamente di aver fallito. Tutti devono dichiarare di aver rinunciato al salario minimo. Non si può chiedere a un politico di dire che la lista dei ministri ha fatto Draghi con Mattarella. Anche Grillo ha inventato che Cingolani l’avrebbe segnalato a Draghi, ma chi conosceva la storia dell’Istituto Tecnologico di Genova che Cingolani stesso gestiva sa che il progetto è nato con il finanziamento e il contributo fondamentale della Banca d’Italia quando Draghi era governatore. , il presidente del Consiglio non aveva bisogno di Grillo per sapere chi fosse Cingolani, fisico di fama internazionale … Le vacanze ormai sono come i cavalli che, al Palio di Siena, cercano di partire in vantaggio Questa affermazione di Zan C’è anche da mettere in difficoltà la Lega, ma continuo a pensare che la vera differenza sarà nel mediazione tra Draghi. alle parti e nella scelta dei soggetti in cui impegnarsi. . Ci sono chiare priorità economiche e sociali e tutto il resto verrà dopo. Non possiamo far saltare in aria il governo con una legge sulla transomofobia … Chi la pensa così finge di non capire perché è nato questo governo che, nella migliore delle ipotesi, ha solo due anni da fare.

Quali parti sono le più ridimensionate?

“Certamente il Movimento Cinque Stelle, se non altro perché il presidente del Consiglio lo ha espresso per la prima volta”.

La Lega, invece, colloca al Mise Giorgetti, vero sostenitore della svolta europeista del Carroccio. Si può parlare di una vera promozione?

Giorgetti ha sempre ricoperto il ruolo di mediatore e che anche i suoi avversari lo riconoscono. Non ha quindi avuto una conversione dell’ultimo minuto come quella di Salvini poiché da tempo sostiene sia l’ipotesi Draghi che la svolta europeista della Lega. Giorgetti, finalmente. , ha avuto un rapporto personale con Draghi per anni. Infine, senza dubbio, la Lega ha fatto bene la sua partita, abbandonando ministeri come Affari Esteri o Affari Interni e concentrandosi su questioni Il vero risultato della Lega non ha fatto. Giorgetti e Garavaglia al Turismo che diventerà un ministero con un portafoglio ed è il settore più in crisi. Fino ad ora il turismo era una delegazione nelle mani di Franceschini, che in questo campo ha fatto pochissimo. Era una richiesta molto intelligente della Lega che, comunque , non sarai nemmeno in grado di porre troppi veti. Se esci da una logica unitaria, il governo salta e l’unica alternativa non sono le elezioni, ma il fallimento “.

READ  Ora Conte sconfessa le regole di sicurezza. Ma li ha firmati

L’ultima grande novità di questo leader è il ritorno di Forza Italia. Molti dicono che siamo tornati nel 2008. Cosa ne pensate?

“Berlusconi si è rivelato molto intelligente. Aveva già espresso la necessità di allargare la maggioranza e, appena la crisi si è materializzata, ha offerto la sua disponibilità. Forza Italia, all’interno del centrodestra, è il partito più schierato sulle posizioni europeiste”. ed è un pezzo di volgarismo europeo. Sarebbe stato strano che non avesse preso parte a questa partita e l’unico ruolo che Berlusconi può svolgere in questa fase è quello del vero responsabile, essendo anche il politico più anziano. gli avversari continuano a giocare. insultandolo e prendendolo in giro, ma ha dimostrato di avere più talento politico di molti che continuano a considerarlo un alieno quando in realtà gli alieni sono altri. È stato in politica per oltre 30 anni con grande abilità. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *