Ecco il nuovo responsabile antiriciclaggio di Rabobank (con CV sciatto)

Ecco il nuovo responsabile antiriciclaggio di Rabobank (con CV sciatto)

Perché Rabobank ha chiamato Vollot?

All’inizio di ottobre, Rabobank ha nominato il 56enne francese Chief Financial Economic Crime Officer. Per questo, la banca ha dovuto attingere alle proprie tasche, sia in termini di stipendio che di benefici finanziari. Vollot ha quindi un compito importante: è responsabile di mettere ordine nella politica antiriciclaggio di Rabobank.

Cosa c’è che non va?

Negli ultimi anni, è diventato evidente che Rabobank non ha fatto abbastanza per impedire i flussi di denaro criminale all’interno della banca. Quasi cinque anni fa, nel settembre 2018, Rabo è stata multata di 1 milione di euro dalla Nederlandsche Bank (DNB) per questo. Il regolatore ha anche chiesto alla banca di sistemare la questione entro aprile 2020. Non ha funzionato.

La scorsa primavera, uno studio di NRC Handelsblad ha mostrato che Rabobank sapeva dal 2014 che le misure antiriciclaggio della banca erano inadeguate. Uno dei difetti è che la banca non sa abbastanza bene chi sono i suoi clienti. Di conseguenza, Rabo non può valutare correttamente i rischi del denaro criminale.

Quali sono le conseguenze?

Quando si è scoperto che Rabobank non aveva rispettato la scadenza fissata dal regolatore, ha dovuto pagare una multa di mezzo milione di euro. L’anno scorso, Rabobank è stata nuovamente rinviata alla fine del 2024. Più di 8.000 impiegati di banca stanno ora lavorando al lavoro.

Le multe non sono così gravi, allora?

No, perché potrebbe non finire qui. Lo scorso dicembre, il Pubblico Ministero ha annunciato a investigazione criminale perché Rabobank sospetta di aver violato la legge sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo (Wwft). La durata di questa indagine è incerta.

È chiaro che questo potrebbe essere molto costoso per Rabobank. Le altre due principali banche olandesi hanno dovuto pagare ingenti importi di liquidazione in casi simili. ING si è accordata per 775 milioni di euro nel 2018, ABN Amro ha dovuto pagare 480 milioni tre anni dopo. La stessa Rabobank ha raggiunto un accordo di 298 milioni di euro negli Stati Uniti nel 2018 a causa di controlli antiriciclaggio inadeguati presso una filiale al confine con il Messico.

READ  Il Festival della Liberazione di Groningen ha ricevuto un centinaio di e-mail minacciose: "Una banda di fascisti"

Che multa rischia Rabobank?

Tuttavia, una stima può essere effettuata sulla base dei rapporti tra gli importi dei precedenti regolamenti e la dimensione di tali banche. Un calcolo di RTL Z (vedi riquadro sotto) mostra che ING ha pagato poco meno di 1 promessa del suo totale di bilancio di allora, e ABN Amro poco più di 1 promessa. Ciò porterebbe a una cifra tra i 550 e i 750 milioni di euro per Rabo. Ma l’importo finale – se si raggiunge un accordo o una multa – può variare a seconda che Rabo sia più o meno colpevole.

Perché Rabo ha scelto Vollot?

Quando nel febbraio dello scorso anno si è scoperto che Rabobank non soddisfaceva ancora i requisiti, la banca ha annunciato che ora stava prendendo le cose sul serio. Rabo ha stanziato un ulteriore quarto di miliardo per potenziare le misure antiriciclaggio e ha promesso di ancorare al vertice l’approccio al crimine finanziario attraverso la nomina di un direttore speciale. È diventato Vollot, che aveva un curriculum impressionante come combattente del riciclaggio di denaro.

Cosa lo rende così esperto?

Nato nel nord della Francia nel 1967, Vollot ha studiato giurisprudenza a Parigi negli anni 80. Ha iniziato la sua carriera nel 1991 nell’ufficio legale del regolatore di borsa COB. Sei anni dopo entra a far parte della filiale francese di Deutsche Bank nel dipartimento di compliance, cioè il dipartimento che controlla se la banca rispetta leggi e regolamenti.

Dopo un breve periodo presso Barclays Bank, è tornato in Deutsche Bank nel 2003, dove è diventato capo dei dipartimenti legali e di conformità in Francia. All’interno della banca tedesca, ha scalato in quindici anni diversi incarichi fino a diventare il responsabile globale della lotta alla criminalità finanziaria e al riciclaggio di denaro.

READ  Il governo studia il superpass verde: "Scuole, ristoranti, supermercati"

Deutsche Bank, scandali?

È davvero ironico che negli ultimi dieci anni Deutsche Bank abbia regolarmente fatto notizia con tutti i tipi di scandali finanziari. Ma questo non ha danneggiato la carriera di Vollot. Forse gli ha anche dato più esperienza con casi difficili.

Alla fine del 2018, è stato attratto da banco da ballo come minimarket. La banca danese è stata coinvolta in un doloroso scandalo di riciclaggio di denaro, per il quale alla fine ha dovuto pagare miliardi di euro tra risarcimenti e multe. Sono queste esperienze che rendono Vollot così prezioso per Rabobank.

Curriculum impressionante?

Senza dubbio. È tuttavia sorprendente, soprattutto nel contesto della necessità di Rabobank di regolarizzare i registri dei clienti, che essa lasciarsi andare è nel curriculum vitae van Vollot sul sito web della banca. Il documento perde i primi dieci anni della sua carriera e afferma erroneamente che ha lavorato per il regolatore del mercato azionario COB tra il 2001 e il 2003. Tra il 2003 e il 2005 è stato sia alla Barclays che alla Deutsche Bank, secondo il RESUME.

Su precedenti curriculum e da solo Pagina Linkedin la sua carriera è dichiarata correttamente, quindi non c’è dubbio sulla volontà. Ma è un po’ doloroso che l’uomo che si occupa, tra l’altro, di mettere ordine nelle cartelle dei clienti, non abbia visto il lassismo nel proprio curriculum vitae.

Secondo il portavoce della Rabobank Joris Hoff, gli errori non possono essere imputati a Vollot o al suo dipartimento, e sono quindi indipendenti dalle qualità del manager. “Forse qualcuno del reparto comunicazione è stato un po’ sciatto nella traduzione del CV in olandese.”

READ  L'inflazione colpisce i fornai, i prezzi salgono fino al 20%

Cosa può pagare Rabo?

Nessuno sa quanto un’eventuale multa o importo di liquidazione Rabobank potrebbe dover pagare a causa di controlli inadeguati per impedire flussi di denaro criminale. Nella sua ultima relazione annuale, la banca scrive quindi che “non è possibile fare una stima attendibile della natura e dell’importo di una sanzione o di altra transazione, salvo l’osservazione che questi possono essere significativi”.

Tuttavia, sulla base dei rapporti tra gli importi che ING e ABN Amro hanno dovuto sborsare in precedenza e la dimensione di queste banche, si può fare una stima approssimativa.

L’importo complessivo della transazione di ING consisteva in una sanzione di 675 milioni e una confisca di 100 milioni. Quest’ultima è la cifra che la banca ha risparmiato per anni sul personale che avrebbe dovuto garantire il rispetto delle regole. ING aveva un totale di bilancio di 887 miliardi di euro quell’anno. Ciò significa che l’importo totale rappresentava lo 0,87 per mille del totale di bilancio.

Ad ABN Amro, l’accordo consisteva in una multa di 300 milioni di euro e una confisca di 180 milioni di euro. Quell’anno, la banca aveva un totale di bilancio di 399 miliardi di euro. L’importo totale liquidato è quindi buono per l’1,2 per mille del totale di bilancio.

550-750 milioni

Calcolato con le percentuali del totale di bilancio di ING e ABN Amro e Rabobank alla fine dello scorso anno (628 miliardi di euro), un possibile accordo potrebbe ammontare – arrotondato – a 550-750 milioni di euro.

Il portavoce di Rabobank, Joris Hoff, ha dichiarato di non poter dire altro sulle indagini dell’accusa o sull’importo della transazione prevista fino a dicembre nel comunicato stampa stava in piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *