Eni e Shell mining gas in Basilicata, i residenti si comprano a gas gratis

Eni e Shell mining gas in Basilicata, i residenti si comprano a gas gratis

Il bellissimo parco nazionale Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri – Lagonegrese è solo uno dei monumenti naturali della Basilicata, una parte d’Italia che pian piano viene scoperta dal turismo, soprattutto dagli amanti della natura. Ma petrolio e gas in Basilicata sono una grande riserva, ora i locali ottengono gas gratis.

Valdagri2

Antichi borghi in un immenso parco naturale

La Basilicata ha all’incirca le dimensioni di Groningen, Frisia e Drenthe messe insieme e conta poco più di 500.000 abitanti. È una regione di boschi e montagne, vasta e quasi disabitata, alcuni borghi medievali e ovviamente la conosciamo dalla città di Matera, nota per il suo quartiere dei Sassi, un complesso di abitazioni rupestri situate sulle colline millenarie. Il capoluogo della Basilicata è Potenza; un altro importante parco regionale è quello di Gallipoli e confina anche con il parco del Cilento in Campania. Ha due coste, sul Mar Tirreno, un piccolo tratto con la famosa località turistica di Maratea incastonata tra Campania e Calabria, e un tratto più ampio lungo il Mar Ionio, famoso per i suoi numerosi campeggi e villaggi di pescatori. Ok, ora sappiamo di quale parte d’Italia stiamo parlando.

maratea

Come zona turistica potrebbe avere molto potenziale, soprattutto se le infrastrutture venissero ripulite un po’. L’ho scritto 10 anni fa quando sono arrivato lì per la prima volta e ho visto con i miei occhi le magnifiche creste, le valli e le vaste colline di fronte a me.

valdagri6

Petrolio e gas in Basilicata, ma nel frattempo non è successo molto

L’ho chiamata una bella addormentata turistica che non si era ancora svegliata. Ma nel frattempo è successo ben poco, tranne quello matera città culturale dell’anno 2019. Questo è stato un bene, ma i soldi coinvolti avrebbero potuto essere spesi meglio per promuovere l’interno a causa della natura travolgente, avrebbe potuto fare qualcosa anche per il resto della popolazione; Penso che Matera si prenderà cura di sé.

READ  Il team di Memoria di Loïs partirà per le Dolomiti tra 9 settimane. Il team organizza ancora una serie di azioni nel comune di Staphorst per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro

matera

Matera e Potenza

La popolazione di oltre 500.000 abitanti è composta principalmente da poveri lavoratori agricoli. Delle due città, Matera ha un’università e vive di turismo. I burocrati risiedono a Potenza. Petrolio e gas furono scoperti in Basilicata all’inizio del XX secolo, ma ricerche approfondite furono condotte solo dopo la seconda guerra mondiale. Si è scoperto che la Basilicata si trovava in cima al più grande giacimento di petrolio e gas d’Europa.

aliano valdagri2

Eni e Shell

Ah, è un registratore di cassa, pensavano i poveri Lucani (la zona si chiamava Lucania), la Basilicata è una delle regioni più povere d’Italia, quindi potrebbe consumare qualche rendita in più. I giacimenti petroliferi sono sfruttati da 20 anni da ENI e Shell, che hanno pagato una specie di affitto per i terreni. Purtroppo tutto quel gas in Basilicata non ha reso più saggio l’uomo comune. Anzi.

aliano valdagrico

Scandalo dopo scandalo e nessuno sa dove sia l’oleodotto

Eni era desiderosa di far parte di quello che si preannunciava un miracolo economico per il Mezzogiorno di tutto quel gas in Basilicata. Un rappresentante dell’azienda, Walter Rizzi, affermava già nel 1991 che la qualità dell’olio è particolarmente elevata, il che significa che i costi di raffinazione sono bassi. L’azienda in partnership con Shell e Basilicata ha raggiunto rapidamente oltre il 60% della produzione petrolifera italiana. Nel 2019 i giacimenti hanno fornito il 47% di tutta la produzione Eni in Italia. Il greggio estratto da ventiquattro pozzi viene inviato al Centro Olio Val d’Agri (COVA) di Viggiano per la prima lavorazione e poi, tramite un oleodotto, alla raffineria di Taranto sulla costa orientale della Puglia, anch’essa sconosciuta. come una delle città più pulite d’Italia.

READ  Covid Toscana, Giani: "A inizio dicembre potremmo essere nel girone degli arancioni"

basilicata1

Uno studio dimostra che la regione non beneficia del gas in Basilicata

Dal 1996 la regione Basilicata riceve circa il 10% degli incassi. Ma un recente studio pubblicato in Scienze dirette afferma: “L’analisi mostra che l’evoluzione dello sfruttamento del petrolio non ha prodotto miglioramenti apprezzabili nell’occupazione, in una serie di misure sociali o nel livello di istruzione. L’assenza di effetti benefici misurabili è accompagnata da effetti negativi su altre dimensioni dello sviluppo più difficili da stimare, in particolare sull’ambiente e sulla salute umana.

caduta da agri1

Eni ha posato gasdotti sulla costa ea Taranto, tra l’altro, ma nessuno sa dove siano questi gasdotti e di certo non se rappresentino un pericolo. Già nel 2008 i principali quotidiani nazionali (Corriere della Sera, 22 settembre 2008, p. 8) e locali (Il Resto) segnalavano una significativa contaminazione da acido solfidrico (H2S) derivante dal processo di raffinazione del petrolio. Il 3 febbraio 2017 ENI ha comunicato che presso il Centro Petrolifero Val d’Agri (COVA) era stato rinvenuto a 6 metri di profondità un liquido contenente idrocarburi, a seguito di una perdita da un serbatoio di greggio proveniente dallo stabilimento. Contemporaneamente, nelle acque del lago artificiale Pertusillo, si vedeva un “pennacchio” di liquido nero anomalo, somigliante a olio minerale.

Complesso Eni

I residenti ottengono gas gratis dopo il caso giudiziario

È stata intentata una causa contro Eni e il suo management, accusandoli di un disastro ambientale causato dal pompaggio nel terreno delle acque reflue del processo di raffinazione. Parti in causa erano lo Stato italiano, il Regione Basilicata e i comuni intorno al Val d’Agri giacimenti petroliferi, altro Legambiente (l’organizzazione ambientale), WWF Italiae WWF Potenza. L’anno scorso ENI è stata condannata per colpa grave, in particolare per quanto riguarda lo scarico dell’acqua dalla pompa, che ha avvelenato non solo il terreno, ma anche il Serbatoio del Pertusillo che fornisce acqua potabile alle regioni Basilicata, Puglia e parte della Campania. La maggior parte degli abitanti ne è consapevole, ma poiché molti di loro sono dipendenti della raffineria della Val d’Agri, esitano a chiedere spiegazioni agli alti signori e la situazione persiste. Ora sembra che il tasso di cancro nei villaggi intorno alle raffinerie sia significativamente più alto che altrove. Siamo ormai a un anno dalla sentenza e nulla è cambiato strutturalmente.

READ  Ihattaren sfrutta appieno la vita notturna olandese prima di tornare in Italia

Valdagri4

Dopo molti avanti e indietro, ENI-Shell si è ora dimostrata disposta a farlo compenso consegnare, ma resta da vedere se dobbiamo accontentarci di questo. Al momento sembra ancora una manovra di resa, dopo di che tutto resta come prima. La gente della regione ha poca scelta, avrà la benzina gratis mentre il resto d’Italia vede quadruplicare il prezzo della benzina. Ma questo ancora non riporta la loro salute, l’ambiente e la natura di questo bel pezzo d’italia anche questo non ha aiutato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *