Perché meno persone stanno mordendo contro la corona (e potrebbe comunque essere utile)

Perché meno persone stanno mordendo contro la corona (e potrebbe comunque essere utile)

Perché meno persone stanno mordendo contro la corona (e potrebbe comunque essere utile)

Perché perché prendere un altro colpo se il numero dei contagi diminuisce, non ci sono misure di contenimento e non emergono nuove varianti che sembrano problematiche? Con la prima serie di vaccinazioni, l’83% delle persone è stato vaccinato, ma “ora vediamo che il tasso di partecipazione è molto più basso ad ogni iniezione di follow-up”, RIVM scrive in uno studio.

Perché le persone non hanno un’altra possibilità?

Nello studio di metà agosto molte persone affermano di non farsi vaccinare perché al momento sembra che nella zona corona stia succedendo poco. Ma se le cose peggiorano, più persone dicono che avranno un’altra possibilità. RIVM: “La stragrande maggioranza degli intervistati che ha ancora dubbi su una vaccinazione di follow-up si dice pronta a prenderla ‘se la situazione peggiora'”.

Un folto gruppo ha anche affermato che non opterebbe per un richiamo perché “non è possibile monitorare le vaccinazioni” e molti credono che “le vaccinazioni precedenti forniscano una protezione sufficiente”.

RIVM pubblicò alcuni passaggi dalle interviste, perché la gente non va (o magari va dopo). Un trio:

“Ora sto pensando a settembre o ottobre per riprendere il ritmo, a seconda di come vanno le cose. Se le infezioni stanno già aumentando, posso andare prima”.

Vaccinare due volte, ok. Ho ricevuto anche il sollecito. Ma la quarta volta che penso di essere già stato vaccinato, per quanto tempo funzionerà? Quindi ho messo da parte il quarto per un po'”.

“L’inverno scorso, quando ho avuto un richiamo, la situazione era più grave, gli ospedali erano molto più pieni. D’estate è meglio, ci sono anche meno rischi e bisogna ‘vaccinare’ di meno”.

Perché uno scatto dovrebbe essere utile?

Non sappiamo se la situazione peggiorerà in autunno. “Omikron ci ha attaccato anche nell’autunno dello scorso anno”, afferma il virologo Gorben Pijlman dell’Università di Wageningen. “Una nuova iniezione in autunno ti protegge ancora di più per alcuni mesi da infezioni e malattie gravi. Ma per molti ora è come se fosse finita”.

READ  La ricezione richiede un po' più di tempo a causa del supplemento di plastica | Economia

Pijlman afferma che uno scatto è utile, soprattutto se non hai mai avuto un omikron. “Puoi prenderlo in autunno e un colpo ti aiuterà a combatterlo.”

Quest’ultimo è dovuto anche al nuovo tipo di iniezione che sarà presto somministrata nei Paesi Bassi. È un cosiddetto vaccino bivalente di Pfizer e Moderna. Un vaccino mirato alla variante originale e alla variante omikron, versione BA.1.

“E questo ha un valore aggiunto, spiega il vaccinologo Ben van der Zeijst del Leiden University Medical Center (LUMC). “Con questo vaccino non solo sei protetto contro le varianti che contiene, ma anche contro altre varianti e forse anche varianti che sono ancora venire. Perché spesso non differiscono molto”.

Van der Zeijst vede anche la volontà calante per i colpi di richiamo e, per quanto lo riguarda, le informazioni sul nuovo vaccino dovrebbero essere menzionate più spesso. “Non è ancora molto sotto i riflettori. Immagino che il governo continuerà a concentrarsi su questo”, dice.

Ma cosa succede se non ci sono nuove varianti?

Il fatto che la comunicazione del governo possa aiutare è evidente anche dalla ricerca RIVM e dal grafico mostrato sopra. La gente dice che è più probabile che venga vaccinata quando si tratta di un nuovo vaccino che funziona meglio contro le varianti recenti. Quando il rapporto RIVM è stato pubblicato a metà agosto, il nuovo vaccino non era ancora stato approvato, cosa che da allora è avvenuta.

Una nuova variante patogena potrebbe mettere a dura prova l’assistenza sanitaria. Per questo è stata lanciata la prossima campagna di vaccinazione. L’azienda ha scritto in a lettera al parlamento: “Sebbene non sia facile da prevedere, l’OMT-V indica che è necessario tenere conto di un aumento dei contagi a fine estate e del relativo carico crescente sulla catena assistenziale e sociale”. L’OMT-V è stato creato “per valutare se è necessaria una ripetizione dell’iniezione e, in caso affermativo, con quale vaccino e per quali gruppi”.

READ  I turisti sono di nuovo i benvenuti sull'Isola di Pasqua da questa estate | ADESSO

Ma è anche possibile che non ci sia una nuova variante, che i contagi non aumentino e che la situazione rimanga quella attuale. Van der Zeijst: “Forse è davvero estenuante. Che si fermerà da solo per quest’anno. Ma non lo sappiamo, quindi è utile vaccinarsi. Potrebbe essere l’ultima volta”.

Il virologo Pijlman si concentra principalmente sull’influenza in questo scenario. “A volte è anche dolce per un anno e poi piccante un altro anno. Possiamo fare un colpo annuale per un gruppo di persone che lo vogliono”.

Aspetta una nuova versione?

Ma Pijlman punta ancora su un altro argomento pungente: il polmone covid, oggi chiamato anche sindrome post-covid. “I numeri variano molto, ma un grande gruppo soffre molto tempo dopo essere stato infettato. Soffrono di una stanchezza tremenda, a volte annebbiamento del cervello. Perché dovresti rischiare?”

Le persone non ne hanno davvero paura, dice Pijlman. Pensa che ciò sia dovuto al fatto che la sindrome non è ancora ben definita e i sintomi sono diversi. “Il meccanismo non è ancora chiaro, il che rende più difficile spiegare di cosa si tratta”.

Il video qui sotto con Joris dimostra che può essere molto intenso. Ha 27 punti immaginari in un giorno. Lo supererà? Può quindi contare su febbre, mal di testa o peggio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *