Finalmente più tempo per il paziente, ma non tutti i MMG sono stati aiutati

Finalmente più tempo per il paziente, ma non tutti i MMG sono stati aiutati

L’idea è che i medici generici avranno più tempo per i loro pazienti lavorando in modo diverso e più efficiente. Ciò ridurrebbe il carico di lavoro dei medici di medicina generale, i pazienti dovrebbero sentirsi più ascoltati e riceverebbero consigli adeguati più spesso. Gli assicuratori sanitari si aspettano inoltre che i ricoveri ospedalieri non necessari siano meno frequenti.

I medici di medicina generale chiedono da anni più tempo per i pazienti, ma c’è ancora una certa resistenza a questo regolamento. Pochi miglioramenti nel nuovo schema, affermano i generalisti di RTL Nieuws. Inoltre, secondo loro, porta solo a ulteriori problemi amministrativi.

Per lavorare in modo più efficiente

Secondo gli assicuratori sanitari, il nuovo regime potrebbe effettivamente funzionare in modo più efficiente. Esempi forniti per questo sono le possibilità di appuntamenti digitali con il paziente o il contatto tramite chat.

I medici di base potrebbero anche elencare le domande frequenti, ad esempio, sul vaccino antinfluenzale sul loro sito Web, riducendo così il carico di lavoro e gli oneri amministrativi.

Più tempo per il paziente

Da oggi, la medicina generale passerà gradualmente a Più tempo per il programma paziente (MTVDP). Questo è distribuito su quattro trimestri, con il 25 percento inferiore delle pratiche che non cambierà fino al 1 gennaio 2024. È determinato dalla lotteria quale pratica cambierà e quando.

Il piano nasce dal nuovo patto di assistenza integrata. È stato concordato che d’ora in poi i medici generici riceveranno un rimborso aggiuntivo per paziente. Gli assicuratori sanitari stabiliscono una serie di condizioni per questo rimborso. Ad esempio, i medici generici devono adattare il loro modo di lavorare nella pratica con l’intenzione di lavorare in modo più efficiente e devono valutare questo metodo con i colleghi della regione.

READ  Il divieto di acquisto aiuta i nuovi arrivati ​​nel mercato immobiliare, ma danneggia gli affittuari

Per poter beneficiare di queste commissioni aggiuntive, le aziende devono considerare quali modifiche desiderano apportare e perché. Per conformarsi al regolamento, i medici generici devono apportare almeno cinque adeguamenti alla loro pratica in due anni.

“I medici generici hanno avuto bisogno di consultazioni di 15 minuti per anni”, afferma il medico generico Arjen Göbel di Amstelveen. “Dubito che i piani attuali offrano più tempo. La maggior parte dei medici di base sta già lavorando in modo molto efficiente. Sebbene suggerimenti come la digitalizzazione migliorino l’assistenza sotto alcuni aspetti, la domanda è se questo porterà effettivamente a più tempo per il paziente”.

Secondo lui, l’unica vera soluzione è aggiungere più medici e ambulatori, ma praticamente non ce ne sono. “Fortunatamente, ho già assunto un altro medico di base due giorni alla settimana e sono anche un istruttore di medici generici. Ciò significa che impieghiamo un medico di base in formazione che può parlare con i pazienti in modo indipendente. In questo modo possiamo dedicare più tempo ai pazienti”.

Risultati positivi

Nella pratica generale di Christof Zwart ad Haarlem, stanno già lavorando con appuntamenti più lunghi. “Facciamo consulenze da dieci a venti minuti. Se una signora anziana vuole raccontare la sua storia, devi fare domande, spogliarti, esaminarti e vestirti, non si può fare in così poco tempo. Usiamo anche e -consulenze, quindi discutiamo i reclami dei pazienti non più solo nella sala di consultazione, ma anche digitalmente.”

Tuttavia, Black dubita di voler partecipare al Più tempo per il monitoraggio del paziente (MTVDP). “Ci sono tutti i tipi di momenti di misurazione collegati, in cui dobbiamo valutare. Come pratica, dobbiamo fare piani e riferire costantemente su noi stessi. In breve, tutto questo è tempo ed energia che non vanno a il paziente. Ci era già stato promesso questo rimborso extra per paziente nel 2018, ora finalmente arriva con condizioni extra. Non è ragionevole.”

READ  Nuotare è ancora sconsigliato nonostante il caldo, chiama il 112 se vedi un bambino in macchina rovente | interno

L’anno scorso abbiamo realizzato il video qui sotto spiegando perché i tempi di attesa del GP a volte sono così lunghi:

Ton van Houten, membro del consiglio dell’associazione Zorgverzekeraars Nederland, è molto positivo. “Abbiamo eseguito prima tutti i tipi di piloti e i risultati che ne sono emersi sono stati molto buoni”.

“In definitiva, il paziente si sente più ascoltato, riceve consigli adeguati e il medico di base prova più soddisfazione sul lavoro”.

Pertanto non riesce a riconoscere la critica secondo cui i cambiamenti che i medici di base devono apportare implicherebbero molta amministrazione. “Ci sono anche cambiamenti che non comportano alcun onere amministrativo aggiuntivo. I progetti pilota mostrano anche che i cambiamenti alla fine portano a un carico di lavoro ridotto, una maggiore soddisfazione sul lavoro e pazienti più soddisfatti”.

meglio aiutato

Anche il medico generico Hedwig Vos, dell’Aia, è entusiasta del programma. “Inizieremo da oggi. Il fatto che siamo facilitati a dedicare più tempo al paziente è ovviamente molto piacevole. Spero che dia ai pazienti l’idea che vengono ascoltati di più, che vengono aiutati meglio”.

“In precedenza avevamo assunto un altro medico di nostra iniziativa e l’infermiere stava già lavorando più ore”, afferma Vos. “Molti studi di medicina generale stanno già lavorando con consultazioni più lunghe, ma di propria iniziativa ea proprie spese. Ciò va a scapito delle pause o del tempo libero o comporta spese aggiuntive”.

Non solo positivo

Ma Vos non è solo entusiasta. “È un peccato che tutti i tipi di condizioni siano impostati come cerchi che dobbiamo superare. I medici di base conoscono i loro pazienti e si esercitano meglio, è un peccato che non dipenda da loro come soddisfarlo. .”

READ  Scontro all'incrocio San Nicolò con un'ambulanza della Croce Rossa, due feriti gravi

Un altro grosso problema, secondo Vos, è che diversi colleghi della sua regione che volevano partecipare al programma sono stati esclusi. “Stanno già concedendo tempo extra per i loro pazienti di propria iniziativa e sono delusi. Ora devono aspettare mesi per questo rimborso extra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *