Focolaio mortale del virus Marburg in Ghana

Focolaio mortale del virus Marburg in Ghana

Salute19 lug ’22 14:42Autore: Marc van Harreveld

I primi casi del raro e mortale virus Marburg sono stati confermati in Ghana, nell’Africa occidentale. Lo riporta l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OMS. Il virus di Marburg è una malattia altamente contagiosa che appartiene alla stessa famiglia del virus responsabile dell’Ebola. L’OMS accoglie con favore la rapida risposta delle autorità ghanesi.

2014: focolaio di Ebola a Beni, Nord Kivu, Repubblica Democratica del Congo
2014: focolaio di Ebola a Beni, Nord Kivu, Repubblica Democratica del Congo (ANP/EPA)

Secondo il governo ghanese, i due pazienti, due uomini, di 51 e 26 anni, sono morti di recente in un ospedale nella regione meridionale di Ashanti. Questo fine settimana, un laboratorio senegalese ha confermato che il virus era stato trovato nei campioni di sangue dei due. Funzionari sanitari del Ghana affermano che 98 persone sono ora in quarantena come sospetti contatti. Questi includono familiari, medici e operatori dell’obitorio che hanno avuto contatti con i due pazienti.

“Questa è una buona cosa perché se non si interviene immediatamente e in modo decisivo, Marburg potrebbe facilmente sfuggire al controllo”, ha affermato Matshidiso Moeti, direttore dell’OMS per l’Africa. Secondo il Ghana Health Service, il Ghana ha inviato un team multidisciplinare per risalire alla fonte del virus.

zoonosi

L’infezione da virus Marburg, come l’infezione da Ebola, provoca febbre emorragica con sanguinamento. Altri sintomi includono diarrea, dolori muscolari e vomito. Il virus Marburg è una zoonosi e si trasmette all’uomo tramite i pipistrelli (il pipistrello della frutta egiziano, ndr). Come con l’Ebola, le persone possono essere infettate attraverso fluidi corporei come sangue e saliva. È un virus potenzialmente mortale per il quale non esiste una cura, nelle precedenti epidemie il tasso di mortalità era compreso tra il 24 e l’88%. Tuttavia, i medici affermano che bere molta acqua e trattare sintomi specifici aumenta le possibilità di sopravvivenza di un paziente.

READ  questo effetto ha la transizione (ed è quello che fai contro di esso)

Carne ed escrementi

I funzionari del Ghana avvertono le persone di stare lontano dalle caverne e di cucinare accuratamente tutti i prodotti a base di carne prima di mangiarli. Si pensa che la trasmissione da animale a uomo avvenga attraverso l’ingestione di carne contaminata o escrementi di pipistrello nelle caverne. Nel 2008 è morto un turista olandese che aveva visitato una grotta di pipistrelli in Uganda.

Questa è la seconda volta che Marburg viene identificata nell’Africa occidentale. C’è stato un caso confermato in Guinea l’anno scorso, ma l’epidemia è stata dichiarata chiusa a settembre, cinque settimane dopo la sua scoperta. Al di fuori dell’Africa occidentale, focolai precedenti e casi sporadici sono stati segnalati in Angola, Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Sud Africa e Uganda, ha affermato l’OMS. Il virus ha ucciso più di 300 persone in Angola nel 2005, l’epidemia più mortale fino ad oggi.

suricati verdi

La prima vera epidemia di Marburg ebbe luogo in Germania nel 1967, dove furono contagiati 37 lavoratori di laboratorio nelle città tedesche di Marburg e Francoforte sul Meno ea Belgrado (allora Jugoslavia, ndr). I tecnici di laboratorio avevano lavorato con il tessuto infetto di scimmie verdi africane dell’Uganda che è stato utilizzato per sviluppare vaccini contro la poliomielite. Dei 37, 7 morirono.

Leggi anche | “Il farmaco Ebola a portata di mano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *