Forse ci sono resti di un pianeta alieno sulla Terra e stanno sfondando il campo geomagnetico

“Questa cosa è chiamata a crescere in futuro”, ha detto Julien Aubert, esperto di geomagnetismo presso l’Institut de physique de la Terre di Parigi. Ma siamo chiari, questo non è un problema per noi al momento poiché il campo magnetico del pianeta continua a proteggerci dalla radiazione solare, ma se un satellite o un’astronave passa questo punto, sta accadendo qualcosa.

L’area si trova nella parte meridionale dell’Oceano Atlantico tra il Sud America e l’Africa, alcune particelle solari filtrano attraverso questa “fessura” e possono ad esempio causare malfunzionamenti nei circuiti di alcuni velivoli.

Non si sa cosa abbia causato questo, ma il professor Aubert ritiene che l’urto potrebbe avere una connessione con due gigantesche lastre di roccia densa sepolte a 2897 chilometri nella Terra. A causa della loro composizione, le macchie disturbano il metallo liquido nel nucleo esterno che genera il campo magnetico.

QUESTAGetty Images

Un’altra ipotesi arriva invece dal team di studio di Qian Yuan che studia geodinamica all’Arizona State University, secondo il professore 4,5 miliardi di anni fa ci fu una collisione con un altro pianeta delle dimensioni di Marte e che alcuni pezzi di esso sono ancora “in noi “. Questa idea fa riferimento alla teoria di Theia, che sarebbe il nome di questo antico pianeta, che con i suoi pezzi avrebbe dato forma anche alla Luna.

Il punto è che l’orientamento del campo magnetico terrestre dipende dalla direzione in cui il ferro si muove all’interno. Per avere un forte campo magnetico, tutto deve essere orientato allo stesso modo. Pertanto, qualsiasi area che devia dal modello usuale indebolisce l’integrità complessiva del campo.

READ  Il drone dell'elicottero dell'ingegno si è svegliato su Marte, con la perseveranza

Alcuni studi suggeriscono che la superficie totale della regione è quadruplicata negli ultimi 200 anni e continua a crescere di anno in anno. L’anomalia si è inoltre indebolita dell’8% dal 1970.

Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni su questo e contenuti simili su piano.io

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *