FROST come un’ancora di salvezza per le condizioni meteorologiche

In un’epoca governata, manco a dirlo, dal riscaldamento globale e dai cambiamenti climatici, l’unica possibilità di salvezza è il gelo. Sì, perché nel nostro mondo, il tempo ovviamente, quando si sente parlare di gelatina, sta succedendo qualcosa di incredibile.

gelo italia 1 - FROST come ancora meteo

Tutti corrono per informarsi, tutti leggono articoli, guardano mappe, tutti cercano di interpretare modelli previsionali. Chissà perché questo è un evento tanto atteso, soprattutto nella comunità degli appassionati di meteo. Ma anche chi non ama il congelamento dovrebbe essere informato.

Sì, perché condizioni climatiche di questo tipo richiedono una preparazione. Sfortunatamente, essere colti alla sprovvista, sarebbe un grosso errore. Uscire di casa senza sapere che la temperatura esterna sarà sotto lo zero non è salutare, e nemmeno piacevole (se non si è sufficientemente coperti).

Gelo quindi, gelo come ancora di salvezza. Ma la salvezza di cosa? Ebbene, salvezza dalla frenesia del clima moderno, da tutto questo caldo anomalo che puntualmente ci viene a trovare quando dovrebbe essere in altri luoghi. Ovviamente non il caldo estivo, ma quando in inverno si iniziano a registrare temperature massime sopra i 15°C, peggio ancora vicine ai 20°C, dimenticate che questo è normale.

Non ci stancheremo mai di ripeterlo: anomalie di questo tipo non sono mai buone, né d’estate né d’inverno. Ma nemmeno in primavera e in autunno. Perché poi, lo sappiamo, il calore in eccesso ha un prezzo elevato. Ricordi ottobre? Ricordi novembre? Qui, se il caldo estivo è eccessivo, paghiamo una caparra con piogge decisamente fastidiose.

Non pensare che l’inverno sia diverso. Sarà bene tenere lontano la voglia di aria fresca, la voglia di sole, la voglia di bel tempo perché si rischia di dover pagare diritti per le prime incursioni di aria fredda. Meglio che arrivi il freddo, o anche il gelo, perché è la normalità invernale, non la frequente mitezza degli ultimi decenni.

READ  dopo 7 mesi, meno di mille ricoveri in terapia intensiva. Contagi e morti stabili - Libero Quotidiano

Gli inverni del passato, piaccia o no, sono finiti. Ma chissà, nonostante tutto quello che sappiamo sul riscaldamento globale, quest’anno non sta succedendo qualcosa che possa metterci nelle vere mani invernali. Vedremo, il tempo la farà da padrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *