Gli anelli di Saturno si sono formati dalla luna schiantata

Gli anelli di Saturno si sono formati dalla luna schiantata

Ci sono più pianeti con lune che senza. Ma quanti hanno anche gli anelli? Saturno ha dovuto farne a meno per molto tempo. Finché una delle sue criniere non si smarrisce.

E se il nostro pianeta, come Saturno, avesse degli anelli? Sarebbe un bel spettacolo. La vista della luna che ci è così familiare svanirebbe. Alla nostra latitudine, avremmo una visione obliqua degli anelli continuamente, notte e giorno, poiché si sarebbero poi allineati ordinatamente attorno all’equatore. Insieme formerebbero un enorme arco bianco brillante che illumina il cielo. Potresti anche vedere un LP bianco come la neve lì.

L’idea di una terra inanellata non è così folle, si scopre nuova ricerca agli anelli di Saturno, apparsi sulla rivista specializzata la scorsa settimana Scienza. Perché gli anelli conosciuti potrebbero essersi formati dopo che una luna di Saturno si è avventurata troppo vicino al suo pianeta genitore ed è stata fatta a pezzi nel processo. Si dice che da allora alcuni dei resti lunari abbiano fluttuato intorno a Saturno, in sette anelli concentrici. Inoltre, gli anelli sarebbero di fabbricazione relativamente recente, databile al massimo a duecento milioni di anni. Questo mentre Saturno, come la Terra e il resto del sistema solare, ha 4,6 miliardi di anni.

Gli anelli di Saturno si sono formati dalla luna schiantata


Come sarebbe la Terra con gli anelli.

Foto: rr

Torniamo un attimo sulla Terra, perché lo scenario della formazione dell’anello ricorda un evento simile nella storia del nostro stesso pianeta. Secondo la cosiddetta teoria di Theia, un protopianeta errante (Theia) si sarebbe schiantato sulla giovane Terra 4,5 miliardi di anni fa, proprio all’inizio del sistema solare. Durante questo impatto, grandi quantità di materiale dalla terra (e da Theia, che non è sopravvissuta all’impatto) sono state fatte esplodere nello spazio. La luna sarebbe stata creata da questo. Ma: se questo materiale non si fosse aggregato nel nostro satellite naturale, avrebbe potuto anche formare degli anelli. Anche se questo non è il caso nel Scienzaarticolo, ma ci sembra una valida deduzione. E mentre siamo sulla strada speculativa, ciò che non è potrebbe ancora accadere. Se la luna perdesse l’equilibrio e schiacciasse la terra, gli anelli potrebbero ancora formarsi, anche se non è una buona cosa per tutti noi sopravvivere.

Ghiaccio, non roccia

Ma Saturno. L’età degli anelli è stata a lungo discussa. Un’ipotesi afferma che gli anelli siano sempre stati lì – leggi: dalla nascita del pianeta – e che abbiano dato i natali a molte delle lune più piccole del pianeta (Saturno non mancano di lune con 53 lune confermate, tra l’altro). Un difetto in questa ipotesi è che gli anelli oggi sono costituiti in gran parte da grandi e piccoli gruppi di ghiaccio, mentre una formazione lunare richiede che ci siano anche molti pezzi di roccia tra di loro. L’altra ipotesi afferma che gli anelli sono molto più giovani, qualche centinaio di milioni di anni al massimo, supportato dalle misurazioni della quantità di polvere di meteorite che hanno accumulato. Questa seconda ipotesi è attualmente Scienza una spinta decisa alla schiena. Perché una delle conclusioni dell’articolo è che gli anelli hanno al massimo 200 milioni di anni. Ma è soprattutto lo scenario ivi descritto ad essere decisivo. In essa nessuna luna proviene da anelli, come nella prima ipotesi, ma viceversa, da anelli di lune. O meglio: di una luna.

Pendenza raddrizzata

Tuttavia, gli autori dell’articolo, ricercatori planetari americani, non si sono concentrati direttamente sugli anelli, ma sull’angolo di inclinazione con cui Saturno ruota sul suo asse rispetto al piano orbitale della sua orbita attorno al sole. Quell’angolo è di quasi 27 gradi, un po’ più inclinato della Terra, ma potrebbe non essere sempre stato così, secondo un nuovo modello che i ricercatori hanno sviluppato per Saturno, basato in parte sui dati della missione Cassini sul pianeta. Una volta riformato, Saturno si sarebbe inclinato di meno di 10 gradi. Ma la combinazione della lenta fuga della luna Titano, la cui orbita attorno al suo pianeta genitore si sposta di dieci centimetri ogni anno, e le fluttuazioni nell’orbita del lontano pianeta Nettuno, avrebbe spinto Saturno sempre più obliquamente. Finché il metro non ha raggiunto i 36 gradi e deve essere successo qualcosa che ha causato una drastica inversione di tendenza: Saturno ha improvvisamente ripreso a raddrizzarsi. Secondo i ricercatori, l’inversione è stata quindi causata da una luna che si è allontanata. Ciò ha causato instabilità nel sistema finemente sintonizzato del pianeta e delle sue lune, consentendo a Saturno di sfuggire all’influenza di Nettuno.

La luna perduta sarebbe stata simile per dimensioni e composizione a Giapeto, una delle più grandi lune di Saturno fatta quasi interamente di ghiaccio. La palla di ghiaccio potrebbe aver volato nello spazio, ma è anche caduta preda della gravità del gigante gassoso. Alcuni dei detriti della luna sono scomparsi su Saturno, quindi un’altra parte potrebbe aver ricevuto nuova vita come anello planetario.

READ  Forse ci sono resti di un pianeta alieno sulla Terra e stanno sfondando il campo geomagnetico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *