Gli anziani isolati con insufficienza cardiaca diminuiscono più rapidamente rispetto ai cardiopatici socialmente vitali

Gli anziani isolati con insufficienza cardiaca diminuiscono più rapidamente rispetto ai cardiopatici socialmente vitali

Per le persone anziane è importante che si sentano utili al mondo o alle persone che le circondano. Altrimenti, la loro salute si deteriorerà molto più velocemente rispetto a quando sono più “socialmente vitali”.

I pazienti con insufficienza cardiaca diminuiscono più rapidamente se provano un senso di inutilità, ad esempio perché non possono più prendersi cura della famiglia e degli amici. Questo è il risultato di un nuovo studio sul legame tra alcune forme di interazione sociale e una prognosi peggiore nei pazienti con scompenso cardiaco.

Principal Investigator Satoshi Katano del Sapporo Medical University Hospital in Giappone spiega in un’intervista a Scientias.nl Come? “O” Cosa Il suo studio può migliorare l’aspettativa di vita e la qualità della vita per i pazienti con scompenso cardiaco. “Siamo i primi a dimostrare un chiaro legame tra un ridotto senso di utilità sociale e un declino accelerato nei pazienti anziani con scompenso cardiaco. Il nostro studio mostra quanto sia importante sviluppare un ampio programma che si concentri su un approccio sociale alla cura di questi pazienti”, afferma Katano. Una qualche forma di vulnerabilità sociale è presente in due terzi delle persone anziane con insufficienza cardiaca. La prognosi di questi pazienti è peggiore che nelle persone senza fragilità sociale.

Utilità sociale
“Non è il grado di isolamento sociale, ma il modo in cui l’anziano fragile vede il proprio ruolo sociale sembra essere il più importante predittore di cattive condizioni di salute. Diversi studi precedenti si sono concentrati sull’influenza dell’isolamento sociale sui pazienti anziani con insufficienza cardiaca, ma fino ad oggi nessuno ha studiato la sensazione di “essere utili” in questo gruppo di pazienti. Questo è un risultato affascinante. Possiamo utilizzare questa nuova conoscenza per progettare metodi di trattamento efficaci”, afferma il dott. Katano.

READ  VENTO IN INTENSIFICAZIONE NEI PROSSIMI GIORNI, UVA UVA A 80 km/h in arrivo. AREE A RISCHIO »ILMETEO.it

La fragilità sociale è ampiamente riconosciuta come un rischio per la salute delle persone anziane. Il concetto racchiude vari aspetti, come la mancata esecuzione di un ruolo sociale, la mancanza di attività sociali, la perdita di una rete sociale e la conseguente solitudine.

Vulnerabilità sociale
“La fragilità sociale non è solo legata allo scompenso cardiaco, ma anche ad altre condizioni. La nostra ricerca mostra che la sensazione di “essere inutili” o “non essere visti” gioca un ruolo importante come indicatore di vulnerabilità sociale. Gli anziani che vivono in casa e si ritengono poco “utili” sono più spesso disabili, più spesso soffrono di disturbi progressivi e più spesso muoiono prematuramente. Coloro che sentono di non contribuire in alcun modo al mondo o al loro ambiente sociale hanno meno contatti sociali, meno autonomia, sentono meno sostegno e controllo sociale e hanno meno resilienza di quelli che si sentono più utili”, spiega Katano.

“Studi precedenti hanno già dimostrato che un ridotto senso di utilità porta ad evitare le cure e ad un minore coinvolgimento nelle attività di promozione della salute. Porta anche a un declino accelerato della salute mentale e fisica. Inoltre, è stato dimostrato che la mancanza di un senso di scopo sociale ha un effetto dannoso sul funzionamento del sistema nervoso centrale, dei neurotrasmettitori e del sistema immunitario. Ciò aumenta il rischio di malattie, disabilità e altre condizioni legate all’età.

Componente sociale nel piano di trattamento
Lo studio è stato condotto in Giappone. L’intensità e l’estensione delle interazioni sociali possono variare da cultura a cultura, ma gli scienziati sospettano che la vulnerabilità sociale in tutte le società abbia un impatto negativo sulla salute dei pazienti anziani con insufficienza cardiaca. Ecco perché Katano ritiene fondamentale includere un aspetto sociale nel piano di trattamento.

READ  Luciferase, la bufala del vaccino di Bill Gates che ci rende fluorescenti

“Siamo in procinto di sviluppare un ampio programma di esercizio sociale e fisico composto da diversi elementi. Puntiamo completamente sul digitale per raggiungere e aiutare quante più persone possibile. Ricerche precedenti hanno già dimostrato che un ampio programma di allenamento incentrato su temi come resistenza, forza, coordinazione, equilibrio e flessibilità ha un effetto positivo sulla forma fisica, cognitiva ed emotiva, nonché sulla rete sociale dei partecipanti”, spiega Katano. .

Museo virtuale
“Negli ultimi tre anni, le misure del coronavirus hanno significato che ci sono state molte meno opportunità per le persone di prendere parte ad attività sociali. Pertanto, le nuove tecnologie come le applicazioni per smartphone, le videochiamate, la comunicazione sui social network e l’uso di realta virtuale opzioni molto promettenti a nostro avviso. Mi aspetto che anche le opzioni interattive online, come i tour virtuali dei musei, possano essere una buona soluzione per affrontare il problema della vulnerabilità sociale nella società in futuro, una volta che il pericolo del coronavirus sarà completamente scomparso”, afferma Katano.

Vede anche un gatto o un robot interattivo svolgere un ruolo di assistenza nella casa di una persona anziana socialmente vulnerabile. “Anche gli animali domestici, i peluche interattivi o i robot sociali possono essere strumenti utili per ridurre o prevenire la vulnerabilità sociale”, conclude Katano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *