Gli esperti vogliono maggiore attenzione per possibili danni cerebrali nei sospetti

Gli esperti vogliono maggiore attenzione per possibili danni cerebrali nei sospetti

tempo di notizie

  • Cecile van de Grift

    Giornalista dell’ora delle notizie

  • Cecile van de Grift

    Giornalista dell’ora delle notizie

Gli scienziati del Pieter Baan Center (PBC) ritengono che si presti troppa poca attenzione al cervello del sospettato. Secondo la ricerca scientifica, una grande percentuale di detenuti ha danni cerebrali ricercareche potrebbe in parte spiegare il comportamento criminale.

Ogni anno, la PBC conduce ricerche sul cervello di un piccolo gruppo di sospetti, ma ritiene che il numero dovrebbe essere aumentato. Soprattutto con l’avvento di tutti i tipi di nuove tecnologie.

Di recente, abbiamo dimostrato che non c’era demenza in un sospetto che affermava di avere un’amnesia.

Thijs van de Kant, psicologo clinico PBC

Qualsiasi danno cerebrale può essere visto su una risonanza magnetica del cervello. Il Centro Pieter Baan esegue queste scansioni su circa 45 sospetti all’anno.

“Il danno cerebrale derivante, ad esempio, da un colpo alla testa, da un tumore o da una demenza può essere reso visibile”, spiega Thijs van de Kant, psicologo clinico della PBC. “Queste anomalie cerebrali potrebbero svolgere un ruolo nella commissione di crimini”.

tempo di notizie

Al centro Pieter Baan, fanno scansioni cerebrali dei sospetti

Viene spesso scritto un rapporto sospetto, in cui uno psichiatra o uno psicologo indaga se un sospetto ha un disturbo mentale. Il giudice terrà conto di questo rapporto nel determinare il verdetto.

Una risonanza magnetica non fa parte del kit di strumenti standard di uno psichiatra, ma dovrebbe esserlo quando ci sono segni di danno cerebrale, affermano gli esperti di PBC. “La neurotecnologia si sta sviluppando rapidamente”, afferma Van de Kant. “Ci sono prove crescenti che esiste una relazione tra anomalie cerebrali e comportamento. Inoltre, la popolazione sta invecchiando. Di conseguenza, abbiamo sempre più persone anziane che entrano in contatto con il sistema giudiziario. .la demenza, ad esempio, è maggiore e dobbiamo affrontarlo.

READ  I ricercatori olandesi scoprono come può piegarsi un filamento di DNA

Caso di estorsione alla famiglia De Mol.

Un noto caso criminale in cui una tale scansione cerebrale era di grande importanza è il caso di estorsione della famiglia De Mol.. Lì, è stata eseguita una risonanza magnetica del cervello dell’autore del reato di 70 anni per valutare la responsabilità. Quello che è successo ? La TAC ha mostrato chiaramente che soffriva di una rara forma di demenza, che influiva gravemente sulla sua capacità di empatizzare e portava a comportamenti compulsivi. Di conseguenza, non ha dovuto andare in prigione, ma è stato sottoposto a trattamento e monitoraggio obbligatori.

Potresti avere la stessa anomalia cerebrale di un criminale, ma essere perfettamente in grado di controllare determinati comportamenti.

Sjors Ligthart, esperto di diritto neurologico

Quindi può fare davvero la differenza guardare il cervello di un sospetto. Eppure non dovremmo concentrarci su questo alla cieca, dice Sjors Ligthart dell’Università di Tilburg. Si è specializzato in neurodiritto. “È sempre bene avere più fonti di informazioni su un sospetto, ma devi anche stare attento”.

“Un’anomalia cerebrale non dice nulla sulla responsabilità predefinita. Potresti avere la stessa anomalia cerebrale di un criminale condannato, ma sei perfettamente in grado di controllare determinati comportamenti”.

“Il mio cervello ce l’ha fatta”

Il pericolo si nasconde quando i sospetti usano le scansioni cerebrali per incolpare i loro cervelli. Ma gli scienziati del Pieter Baan Center non hanno paura di farlo perché esaminano non solo il cervello, ma anche il comportamento dei sospetti. Van de Kant: “Il comportamento corrisponde alle anomalie della scansione cerebrale o c’è un’altra spiegazione per il comportamento?”

READ  Ships e sua moglie, che sta combattendo lei stessa contro un tumore al cervello, possono donare 65.000 euro alla ricerca scientifica grazie a un benefit | Waregem

“Inoltre, noi – come professionisti – decidiamo se è rilevante eseguire una scansione cerebrale. Non puoi semplicemente forzare una risonanza magnetica come paziente dal dottore. Un sospetto o un avvocato non possono determinarlo per lui. – lo stesso.”

Tale indagine può anche essere a danno del sospettato. “Qualche tempo fa, ad esempio, siamo stati in grado di dimostrare con una scansione cerebrale e test che non c’era demenza in un sospetto che affermava di avere un’amnesia”, afferma Van de Kant.

Di recente, la PBC ha aperto uno speciale Neurodesk dove psichiatri e psicologi possono andare a fare ulteriori ricerche sul cervello dei sospetti. Con i risultati, possono consigliare meglio i giudici su possibili disturbi neurologici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *