Gli scienziati danno alcune perle ai giovani bombi e poi vedono accadere qualcosa di molto speciale

Gli scienziati danno alcune perle ai giovani bombi e poi vedono accadere qualcosa di molto speciale

I bombi ci giocheranno. E sì, ci sono foto di quello. E sì, sono garantiti per farti sorridere.

Gli innumerevoli libri giocattolo che cadono sul tappeto in questo periodo dell’anno lo rivelano già: i bambini adorano i giocattoli. Possono divertirsi per ore con una palla, blocchi, bambole o altri attrezzi da gioco e non sono soli; ricerche precedenti hanno dimostrato che anche altre specie di mammiferi e diversi tipi di uccelli possono mostrare comportamenti giocosi. Ma nuova ricerca – pubblicata sulla rivista comportamento animale – ora rivela che possiamo aggiungere un nuovo straordinario concorrente a questo elenco dominato da mammiferi e uccelli. Anche i bombi sembrano essere in grado di “giocare”.

Esperienze
I ricercatori britannici traggono questa conclusione sulla base di esperimenti. In un primo esperimento, hanno posizionato 45 bombi in una stanza. I bombi hanno quindi potuto attraversare questo spazio – senza incidenti – per raggiungere una seconda stanza dove li aspettava il cibo. Ma potevano anche allontanarsi dal percorso e fermarsi in parti della stanza dove c’erano dei tronchi. Abbastanza sorprendentemente, i bombi sembravano fare questa sosta regolarmente, quindi hanno iniziato a spingere contro i proiettili. C’era persino un calabrone che fece rotolare le perle 117 volte.

Quello che mi ha colpito è che sono soprattutto i giovani bombi a prendersi cura delle perle. Inoltre, i maschi rotolavano le perle più a lungo delle femmine.

Preferenza per le perle
Il fatto che i bombi abbiano ripetutamente spinto le perle suggerisce che il comportamento ha ripagato o in qualche modo ha beneficiato i bombi. Ciò è ulteriormente supportato da un secondo esperimento in cui 42 bombi hanno avuto accesso a due stanze, ciascuna con un colore diverso. Le perle si trovavano sempre in una stanza. L’altra stanza era vuota. Non appena i bombi lo seppero, anche la stanza delle perle fu svuotata e ai bombi fu nuovamente data la possibilità di scegliere tra le due stanze. Si scoprì che i bombi avevano una forte preferenza per la stanza in cui si trovavano precedentemente le perle.

READ  Heidi d'Essen cerca un acquirente per la sua mensa: "La mia salute non mi permette più questo tipo di lavoro"

Giocare paga
Gli esperimenti, progettati in modo che i bombi non dovessero spostare le perline per ottenere cibo o aumentare le loro possibilità di sopravvivenza o accoppiamento, indicano che i bombi stavano effettivamente giocando. E il fatto che i bombi lo facciano ripetutamente indica che li fa sentire bene. In altre parole: giocare paga. E poiché, come accennato, non fornisce cibo ai bombi o una migliore possibilità di sopravvivenza, dobbiamo cercare quella ricompensa da una prospettiva diversa, affermano i ricercatori con cautela. Ad esempio, gli esperimenti indicherebbero che i bombi provano qualcosa di simile ai “sentimenti” positivi.

Nessuna creatura robotica
“È certamente impressionante – e talvolta divertente – vedere i bombi mostrare un comportamento simile a un gioco”, ha affermato il ricercatore Samadi Galpayage. “Si avvicinano ripetutamente e maneggiano il ‘giocattolo’. E mostra – ancora una volta – che, nonostante le loro piccole dimensioni e il cervello piccolo, sono più che creature robotiche. Possono davvero sperimentare qualcosa da uno stato emotivamente positivo – forse rudimentale – proprio come altri grandi animali soffici o meno morbidi. Il collega Lars Chittka concorda. “Questa ricerca suggerisce fortemente che i cervelli degli insetti sono molto più avanzati di noi. Ci sono molti animali che giocano solo perché gli piace, ma la maggior parte degli esempi sono giovani mammiferi e uccelli.

Ricerca precedente

L’idea di testare se i bombi possono giocare è nata diversi anni fa. Quindi, lo stesso gruppo di ricerca ha dimostrato che era possibile insegnare ai bombi a “segnare un obiettivo”. In queste esperienze i bombi venivano premiati quando facevano rotolare una palla in un punto segnato. Durante questo studio, però, i ricercatori hanno scoperto che anche i bombi hanno iniziato a giocare con le palline quando l’esperimento era già terminato e quindi non c’era più alcuna ricompensa. I nuovi esperimenti dimostrano che i bombi in effetti fanno rotolare le perline ripetutamente, spontaneamente e senza essere ricompensati con il cibo. Questo è il classico esempio di comportamento ludico, affermano i ricercatori, come abbiamo visto prima in specie molto diverse.

READ  Dopo l'ondata di Omikron: "Molti residenti di Bruxelles ora sono immuni dal corona"

È straordinario che i bombi, con il loro piccolo cervello, possano anche provare una “sensazione” positiva durante il comportamento giocoso. E potrebbe cambiare radicalmente la nostra visione degli insetti e quindi avere un impatto importante su come affrontiamo gli insetti, afferma Chittka. “Ci sono prove crescenti a sostegno del fatto che dobbiamo davvero fare tutto il possibile per proteggere gli insetti che sono davvero a miglia di distanza dalle creature insenzienti che tradizionalmente pensiamo a loro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *