Gli scienziati misurano la nostra temperatura cerebrale e fanno una scoperta straordinaria

Gli scienziati misurano la nostra temperatura cerebrale e fanno una scoperta straordinaria

Il nostro cervello risulta essere molto più caldo del previsto; in alcune aree del cervello, a volte il mercurio sale fino a quasi 41 gradi Celsius!

“Per decenni, i medici hanno ritenuto che la temperatura sana del cervello fosse costante e uguale alla temperatura corporea”, afferma la ricercatrice Nina Rzechorzek. Scientias.nl di. “Ma diversi studi clinici hanno dimostrato che le misurazioni della temperatura corporea non possono dirci quali sono le temperature nel cervello. Quindi dobbiamo anche misurare questa temperatura cerebrale. E viene fatto regolarmente anche per i pazienti che sono in terapia intensiva con danni cerebrali. “La nostra comprensione della temperatura del cervello umano si basa principalmente sulla ricerca su pazienti con lesioni cerebrali, in cui un foro nel cranio consente misurazioni abbastanza accurate della temperatura in un’unica posizione nel cervello”. Tuttavia, quando interpretano queste misurazioni, i medici incontrano sempre un problema: non sanno quale sia una normale temperatura cerebrale. “Il risultato è che alcuni pazienti con lesioni cerebrali vengono ora trattati per raggiungere una temperatura cerebrale ‘normale’, quando non sappiamo davvero cosa sia veramente ‘normale’. È quindi importante sapere qual è una normale temperatura cerebrale e quanto può variare nelle persone sane. In questo modo, i medici possono determinare se la temperatura cerebrale che stanno misurando nei loro pazienti è anormale o meno e se è necessario un trattamento.

SIG.RA
Ed è esattamente quello che hanno fatto Rzechorzek e i suoi colleghi. Hanno raccolto 40 soggetti sani e hanno monitorato la temperatura cerebrale di questi soggetti per un periodo di tempo. Per inciso, non ha comportato esercizio; Da tempo è possibile determinare la temperatura cerebrale utilizzando una tecnica chiamata spettroscopia di risonanza magnetica, che prevede la scansione del cervello. Utilizzando questa tecnica, i ricercatori hanno ora determinato la temperatura di varie regioni del cervello di persone sane e hanno anche esaminato come questa temperatura fluttua nel tempo. E in che misura questo differisce anche da persona a persona. Questo porta ad alcune conclusioni molto sorprendenti.

conclusione
Si scopre che la temperatura del cervello umano sano può aumentare molto più di quanto si pensasse. “Ci aspettavamo che questa temperatura fosse superiore alla temperatura corporea”, afferma Rzechorzek. Ma le cavie sono comunque riuscite a sorprendere i ricercatori. “La temperatura più alta che abbiamo misurato è stata di 40,9 gradi Celsius”. Notevole, secondo il ricercatore John O’Neill. “Per me, la scoperta che il cervello umano sano può raggiungere temperature che verrebbero diagnosticate come febbre in altre parti del corpo è molto sorprendente. Temperature così elevate sono state misurate in precedenza in persone con danni cerebrali, ma si pensa che siano il risultato di questo danno cerebrale.

READ  Covid, la fine della pandemia grazie alla variante Omicron? L'ipotesi spiegata dal virologo Arnaldo Caruso

“In passato, si pensava che tali temperature sarebbero state dannose per le cellule cerebrali”, ha aggiunto Rzechorzek. “Ma nessuna delle persone scansionate aveva una temperatura corporea elevata – erano tutte sane e senza febbre – e non ci sono prove che una temperatura di 40,9 gradi Celsius sia anormale per il cervello umano o che sia direttamente dannosa per le cellule cerebrali umane. . »

fluttuazione
“A proposito, è importante notare che solo alcune parti del cervello raggiungono temperature così elevate. E di certo non stiamo nemmeno suggerendo che queste aree del cervello siano così calde tutto il tempo”. In effetti, uno degli altri risultati sorprendenti è che la temperatura del cervello delle persone fluttua un po’ nel tempo. “La temperatura del cervello sano cambia dappertutto il giorno.” Si scopre che la temperatura cerebrale oscilla fino a 1 grado Celsius durante il giorno. Le temperature cerebrali più alte sono state misurate nel pomeriggio e le più basse la notte.

le donne sono più calde
Per le donne, risulta che la loro temperatura cerebrale è influenzata dal loro ciclo mestruale. Nel periodo tra l’ovulazione e le mestruazioni, la loro temperatura cerebrale è solitamente di 0,4 gradi Celsius più alta rispetto alle donne che si trovano nella prima parte del ciclo.

Età
“Un’altra sorpresa è stata che le temperature erano più alte nei cervelli più anziani”, ha detto Rzechorzek. Sebbene la differenza di età tra i soggetti studiati fosse piccola (il più anziano aveva 40 anni e il più giovane 20), c’era una chiara differenza di temperatura tra il cervello più giovane e quello più vecchio. Rzechorzek e i suoi colleghi hanno anche idee su come spiegare il cervello più caldo delle persone anziane. “Poiché il flusso sanguigno nel cervello è molto importante per la dissipazione del calore, ipotizziamo che l’invecchiamento dei vasi sanguigni nel cervello influenzi il metodo principale che gli esseri umani hanno a nostra disposizione per raffreddare il cervello. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo, ma il riscaldamento del cervello l’età potrebbe contribuire a condizioni legate all’età, come la demenza.

READ  "Visita in ospedale, l'odissea è vissuta per nostra figlia"

danno cerebrale
Oltre a studiare 40 persone sane, i ricercatori hanno anche esaminato i dati precedentemente raccolti da 114 persone ricoverate in ospedale con lesioni cerebrali. Anche la temperatura del cervello variava lì, devono concludere i ricercatori. E molto più forte che nei soggetti sani: da 32,6 a 42,3 gradi Celsius. Erano disponibili dati sufficienti da 100 dei 114 pazienti per determinare come la temperatura cerebrale cambiasse durante il giorno. E fornisce anche informazioni interessanti. Ad esempio, i ricercatori hanno trovato una correlazione tra le variazioni giornaliere della temperatura cerebrale e le possibilità di sopravvivenza dei pazienti. I pazienti la cui temperatura cerebrale cambiava in modo prevedibile durante il giorno avevano meno probabilità di morire rispetto ai pazienti la cui temperatura cerebrale non cambiava a una velocità fissa durante il giorno. Ciò solleva una domanda interessante, dice Rzechorzek. “Il ripristino del ritmo quotidiano della temperatura cerebrale può aumentare le possibilità di sopravvivenza per i pazienti con danni cerebrali?” Ulteriori ricerche dovrebbero dimostrarlo.

Domande di follow-up
Quello che ora sappiamo, grazie ai 40 soggetti sani del test, è che la temperatura cerebrale è molto più dinamica e quindi più eccitante di quanto si pensasse in precedenza. Detto questo, tuttavia, la ricerca solleva ancora più domande. “Ciò che la nostra recente ricerca mostra chiaramente è che le cellule cerebrali umane si trovano in un ambiente con temperature dinamiche; temperature che cambiano nel corso della giornata. E se quel ritmo quotidiano viene perso – o espresso in modo meno forte – potrebbe contribuire a malattie cerebrali legate all’età. Abbiamo idee su come potrebbe funzionare e le stiamo attualmente testando. Quindi resta sintonizzato!” Ma ci sono altri aspetti che necessitano di ulteriori indagini. “Sebbene sappiamo abbastanza su come viene regolata la temperatura corporea (il cervello gioca un ruolo importante in questo), sappiamo relativamente poco su come viene regolata la temperatura cerebrale, quindi è qualcosa a cui guardare anche in futuro”. E quindi ci sono ancora più domande da porre a seguito della ricerca “In che modo le variazioni della temperatura normale del cervello umano influenzano il funzionamento delle cellule cerebrali? Come agisce il cervello funzionare a temperature ottimali e cosa succede quando la temperatura non è ottimale?Come varia la temperatura del cervello in caso di disturbi del sonno, epilessia, ictus, tumori cerebrali, demenza, malattie mentali e infiammazioni o infezioni del cervello?E come fa il cervello umano la temperatura varia durante il sonno, quando le persone lavorano a turni, invecchiano, sono in gravidanza o entrano in menopausa? Rezechorzek elenca semplicemente alcune domande di follow-up quando vengono poste.

READ  Dopo l'ondata di Omikron: "Molti residenti di Bruxelles ora sono immuni dal corona"

Preludio a altro
La ricerca più recente sulla temperatura del nostro cervello è quindi soprattutto il preludio di altro. “L’attività delle cellule cerebrali dipende dalla temperatura”, sottolinea Rezechorzek. “Lo sappiamo da molto tempo, e questo vale anche per altre specie di mammiferi. In generale, le cellule cerebrali inviano segnali più velocemente a temperature più elevate e più lentamente a temperature più basse. A temperature estreme, le cellule cerebrali smettono completamente di funzionare. Quindi esiste un intervallo di temperatura ottimale in cui le cellule cerebrali danno il meglio di sé, ma fino a quando non abbiamo iniziato a fare questa ricerca, non sapevamo come fosse quell’intervallo di temperatura per gli esseri umani. Ora che lo sappiamo, stiamo usando le temperature trovate in laboratorio per vedere come influenzano il funzionamento delle cellule cerebrali umane che coltiviamo lì.

L’ultima parola non è stata di certo ancora detta sulla temperatura del nostro cervello. E ulteriori ricerche sono estremamente importanti. “Dobbiamo cambiare il modo in cui pensiamo alla temperatura del cervello umano”, afferma Rzechorzek. “Non solo a beneficio dei pazienti con lesioni cerebrali, ma anche per capire meglio come funziona il cervello, in modo da poter aiutare meglio anche i pazienti con altri problemi cerebrali in futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *