Gli stessi scienziati della ExxonMobil conoscevano già in dettaglio il cambiamento climatico alla fine degli anni ’70

Gli stessi scienziati della ExxonMobil conoscevano già in dettaglio il cambiamento climatico alla fine degli anni ’70

La sala di controllo della ExxonMobil nel 1970. Immagine Fairfax Media tramite Getty Images

La sala di controllo della ExxonMobil nel 1970.Immagine Fairfax Media tramite Getty Images

Mentre i vertici del gruppo sono stati informati dai propri scienziati almeno dal 1977, la dirigenza ha continuato a seminare dubbi sui cambiamenti climatici fino a qualche anno fa, secondo uno studio pubblicato giovedì sera sul giornale scientifico Scienza. È noto da tempo che ExxonMobil era consapevole della minaccia del riscaldamento globale, ma questo nuovo studio evidenzia quanto fossero buoni i suoi modelli climatici e dettagli che la compagnia petrolifera conosceva in anticipo sugli impatti dei combustibili fossili.

Gli scienziati della ExxonMobil, che usano i propri modelli come “all’avanguardia‘, ad esempio, ha previsto con precisione quando il cambiamento climatico indotto dall’uomo sarebbe diventato visibile (intorno al 2000, con un margine di incertezza di cinque anni). Hanno anche respinto una teoria di una possibile nuova era glaciale in una fase iniziale. Inoltre, hanno fatto una stima corretta di quanta CO2 il mondo potrebbe ancora emettere prima che si verifichi un pericoloso riscaldamento.

“I nostri risultati mostrano che ExxonMobil non solo sapeva ‘qualcosa’ sul riscaldamento globale decenni fa, ma ne sapeva tanto quanto gli scienziati che lavorano per le università e le agenzie governative”, scrivono i ricercatori nel nuovo studio. “Ma ExxonMobil ha cercato di negare il cambiamento climatico”.

Risultati già discussi internamente

Lo studio di Science si basa, tra l’altro, su 32 documenti interni datati dal 1977 al 2002, pubblici da diversi anni. Ha anche esaminato 72 studi Exxon che sono stati anche esaminati da scienziati indipendenti, chiamati Peer-reviewed Ricerca. Per esaminare la qualità della ricerca di ExxonMobil, il Scienzai ricercatori hanno confrontato le serie temporali della temperatura originale con i cambiamenti di temperatura osservati. Nel complesso, le previsioni di ExxonMobil corrispondono molto da vicino al riscaldamento effettivo. I risultati furono già discussi internamente nel 1982 e nel 1984.

Man mano che aumentavano le prove del cambiamento climatico, l’allora CEO Lee Raymond scrisse nel 2000 che “attualmente non disponiamo di una comprensione scientifica sufficiente del cambiamento climatico per fare previsioni ragionevoli e giustificare un’azione drastica”. Secondo Raymond, la scienza del cambiamento climatico era semplicemente “troppo incerta”, sebbene i suoi collaboratori lo contraddissero. Nel 2013, l’ex amministratore delegato e segretario di Stato dell’amministrazione Donald Trump, Rex Tillerson, ha ribadito questa posizione.

Mentre aziende come Shell hanno già abbandonato la lobby contro il cambiamento climatico, Exxon ha continuato a seminare dubbi per un tempo relativamente lungo, afferma Jan Paul van Soest, consulente climatico e autore del libro La squadra dei dubbi, in cui vengono confutate le argomentazioni dei negazionisti climatici. “Perché Exxon ha continuato a seminare dubbi per così tanto tempo? Perché ogni euro che spendi per negare il clima annulla, per così dire, 1.000 euro per la ricerca sul clima.

ExxonMobil nega

Secondo Van Soest, sono soldi effettivamente spesi. Sebbene ExxonMobil abbia smesso di usare questa tattica circa sei anni fa, la compagnia petrolifera l’ha fatta franca per molto tempo, dice.

La stessa Exxon lo nega. “Questa domanda è emersa molte volte nel corso degli anni, e ogni volta la nostra risposta è la stessa: coloro che dicono ‘Exxon sapeva’ si sbagliano”, ha detto un portavoce della compagnia petrolifera del Texas.

Leo Meyer, climatologo e visiting lecturer affiliato all’Università di Utrecht, autore principale dell’IPCC e consulente scientifico di quindici vertici sul clima delle Nazioni Unite, parla di uno studio approfondito. “Le conclusioni sembrano solide. Anche se non riesco a calcolare i numeri, non vedo nulla che possa destare sospetti.

Meyer vede che l’industria petrolifera ora riconosce il cambiamento climatico. “Se guardi a come pensavano negli anni ’90 e ora, puoi dire che sono andati a zero emissioni nette”. Questo cambiamento è troppo lento e molto probabilmente troppo tardi per rispettare l’accordo sul clima di Parigi, dice, “ma stai vedendo dei cambiamenti e questo è un progresso”.

READ  Tempo, piogge ancora e freddo nei fine settimana: situazione instabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *