Gli studenti ottengono un aiuto extra con la lingua, l’aritmetica e la matematica più velocemente | ADESSO

Nel prossimo anno scolastico, gli alunni dell’istruzione primaria e secondaria riceveranno ulteriore sostegno per migliorare le competenze di base in lingua, aritmetica/matematica, cittadinanza e alfabetizzazione digitale. Circa cinquecento scuole riceveranno fondi aggiuntivi per questo e un “team di assistenza di esperti” è pronto per le istituzioni educative che non possono organizzarlo, ha riferito giovedì il ministro Dennis Wiersma (Istruzione primaria e secondaria).

Diversi rapporti hanno già dimostrato che troppi studenti sono significativamente indietro nella lettura, nella scrittura e nell’aritmetica. “Non importa quanto bene gli insegnanti facciano del loro meglio, vediamo che questa fondazione deve essere rafforzata. Ecco perché sosterremo meglio insegnanti e dirigenti scolastici e aiuteremo in modo specifico gli studenti a progredire”, afferma Wiersma.

Con i soldi, le scuole possono, ad esempio, dedicare un’ora in più al giorno alle competenze di base per alunni specifici nel prossimo anno scolastico.

Per le scuole che non possono organizzarlo con il loro team esistente, un team ausiliario deve essere pronto per il prossimo anno scolastico. “Vanno nelle scuole per attuare un piano su misura con il team di insegnanti. Mani in più per il lavoro nella scuola, sotto la direzione della scuola stessa. Decine di migliaia di studenti possono essere aiutati nel prossimo anno scolastico .’

Non è ancora chiaro chi farà parte della squadra di soccorso. Queste possono essere persone con un background scolastico oltre che scientifico, ha detto un portavoce del ministro a NU.nl quando gli è stato chiesto. Anche gli esperti che sono già in pensione sono un’opzione. La premessa principale “è la necessità della scuola stessa”.

READ  Il rover Perseverance ha estratto il primo campione di rocce marziane che poi svaniscono nell'aria: incredula NASA

Wiersma dice in un’intervista con il ANNO DOMINI che le squadre non dovrebbero “lanciare un piano nella scuola e poi vedere come la scuola lo attuerà”. “Questo è un vero aiuto”, ha detto il ministro. Spiega che i team, ad esempio, contribuiranno a restituire ai bambini il piacere della lettura oa ridurre gli oneri amministrativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.