“Grandi preoccupazioni per la salute di Dani Alves nel carcere di Barcellona”

“Grandi preoccupazioni per la salute di Dani Alves nel carcere di Barcellona”


La salute di Dani Alves desta grande preoccupazione. Il terzino destro è incarcerato a Barcellona e si ritiene sia in sciopero della fame. È “completamente devastato e molto spaventato” dopo sua moglie Joana Sanz ha deciso di chiedere il divorziodetto canale televisivo quattro in Spagna.

Fino a poco tempo fa, Alves, 39 anni, aveva un compagno di cella, ma da allora se n’è andato. In parte a causa di ciò, secondo quanto riferito Alves si sente solo e “vuole stare seduto nella sua cella tutto il giorno”. Ci sono giorni in cui non mangia proprio niente, a quanto pare. Alves non aveva previsto la decisione della moglie di divorziare. Da quando è in prigione, ha detto ai suoi compagni di reclusione che sua moglie lo sostiene.

quattro scrive che Sanz, una modella di 29 anni con cui Alves era sposato dal 2017, è in realtà l’unica persona in Spagna che aveva ancora Alves; il resto della sua famiglia vive in Brasile. Era la sua ancora nel paese dove è imprigionato. Alves sarebbe particolarmente scioccato dal modo in cui Sanz ha annunciato la sua decisione: tramite una lettera scritta a mano sui social. “Le fa particolarmente male che l’abbia pubblicato.”


Alves è in custodia perché sospettato di stupro. Il mese scorso avrebbe saputo che c’era penetrazione della donna che lo accusa di stupro. Ha cambiato la sua dichiarazione più volte. Nella sua prima dichiarazione, il terzino destro avrebbe affermato di non conoscere la presunta vittima, una donna di 23 anni. Poi ha ammesso che c’era stato contatto, poi ha confermato il contatto fisico e ora avrebbe ammesso che c’era stata penetrazione. La sua dichiarazione potrebbe essere stata modificata per consentire ai suoi avvocati di sostenere che vi era un consenso reciproco.

READ  Fotografie degli astronauti della ISS della nave "Ever Given" arenata nel Canale di Suez

Leggi anche: “Dani Alves arriva con una nuova confessione su un caso di stupro”

Alves e la presunta vittima sono rimasti nel bagno di una discoteca di Barcellona per circa sedici minuti. La donna ha raccontato di essere stata costretta da Alves a “sedersi sopra di lui”. Alla fine, Alves l’avrebbe gettata a terra e costretta a fare sesso orale. Ha resistito, dopodiché Alves presumibilmente “l’ha penetrata fino a quando non ha eiaculato”.

I fatti sono avvenuti il ​​31 dicembre, quando Alves era in discoteca con diversi amici. Le accuse sono venute alla luce il giorno successivo, ma Alves era già partito per il Messico, dove ha giocato un’altra partita per i Pumas dell’UNAM. Il brasiliano è poi tornato brevemente in Spagna per partecipare al funerale della suocera ed è stato successivamente arrestato. Da allora è detenuto in una prigione di Barcellona.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *