Guarda il video di questo spettacolare paesaggio alieno ripreso dalla cometa 67P

Il cometa “67P / Churyumov-Gerasimenko”, meglio conosciuto come 67P, è il piccolo ma affascinante corpo roccioso protagonista di una delle missioni spaziali più emozionanti degli ultimi anni: La missione Rosetta dell’ESA.

Lo sappiamo tutti l’incredibile avventura della sonda Rosetta e del lander Philae, è arrivato vicino alla cometa nel 2014. Durante il lungo viaggio per agganciare la cometa ed entrare in una traiettoria stabile, la navicella ha catturato diverse immagini della cometa, molto spesso regalandoci foto e video di impressionante bellezza.

Il video che trovate in calce alla notizia, e che puoi apprezzarlo ancora meglio su questo link in formato GIF, ha una storia eccezionale e ci permette di dare uno sguardo concreto a un vero e proprio paesaggio alieno, tanto affascinante quanto surreale.

Le foto che compongono il film sono catturato nel 2016, durante l’ultimo sorvolo di Rosetta verso 67P, prima di schiantarsi (volontariamente) sulla superficie della cometa. È una sequenza molto breve, ma in realtà rappresenta oltre 25 minuti di osservazione totale.

Il filmato è stato rilasciato dall’ESA nel 2018, ma è stato trasformato in animazione da una star amatoriale e Utente di Twitter noto come landru79. Da allora, il video ha fatto il giro del mondo, incuriosindo fan e persone di tutte le età.

Molto riconosciuto nel video quella che sembra essere “neve”, ma in realtà è semplicemente la grande quantità di polvere che vortica intorno al corpo centrale della cometa. Inoltre, sembra così spesso e ingombrante perché le particelle di polvere sono retroilluminate dal sole. effetti dei raggi cosmici sui sensori telecamere, che spesso interferiscono e generano lampi di luce.

READ  Quanto tempo ci vuole per arrivare a Urano? Scopriamolo insieme

Nel video si possono ammirare – sul lato destro dell’immagine – le stelle della costellazione del Cane Maggiore, mentre nell’angolo in alto a sinistra dell’immagine (solo per pochi decimi di secondo) compaiono dei punti molto più luminosi marcati: questo è l’ammasso stellare NGC 2362.

Una storia spaziale del recente passato, che ci ricorda quante cose incredibili e quante scoperte sensazionali ancora ci aspettano negli infiniti colpi di scena del cosmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *