Henk Hilbolling è molto in anticipo sui tempi: già in Italia

Henk Hilbolling è molto in anticipo sui tempi: già in Italia

Henk Hilbolling è molto in anticipo sui tempi: già in Italia - Foto: foto fornita

Foto: foto fornita

DALFSEN – Giovedì pomeriggio (18 maggio), Henk è arrivato a Ellwangen dopo un breve viaggio di 50 chilometri. Le ripide colline hanno reso il viaggio difficile.

Questo giovedì era il giorno dell’Ascensione in Germania, ma anche la festa del papà e si festeggia bevendo molta birra e mangiando salsicce. Henk ha partecipato a questa tradizione la sera.

Venerdì il viaggio è andato a Dillingen sul Donau. Henk, siccome non si è alzato prima delle 8:45, è uscito alle 10:30. È stato un modo speciale di svegliarsi durante questa “vacanza” a Roma, perché quando Henk si è svegliato, all’inizio non si è reso conto di dove si trovasse e di cosa doveva fare. Henk avrebbe potuto celebrare la festa del papà tedesca in modo troppo generoso? A Dillingen ha trovato un campeggio vicino al Danubio che, secondo Henk, in realtà non era blu.

Fortunatamente Henk ha trascorso una serata/notte tranquilla a Dillingen, poiché ha dovuto percorrere un lungo tragitto in bicicletta (106 chilometri) prima di trovare un posto in un campeggio sull’Ammersee. Henk si è sentito un po’ solo tutto il giorno, perché non aveva compagnia di visitatori a Roma.

Domenica 21 maggio ha pedalato con André, un insegnante di sport in pensione di Vlissingen, e si vedeva nel ritmo. La specialità ciclistica di André è: mountain bike; è una vera “capra rampicante”. Per Henk, Murnau am Staffelsee era il punto di arrivo della sua gita di un giorno, mentre André proseguiva per Garmisch.

A causa di problemi con il cambio e la catena, lunedì Henk ha dovuto cercare un’officina per la riparazione di biciclette a Seehausen am Staffelsee. Solo il quinto riparatore di biciclette (altri erano a corto di personale) è stato in grado di completare quasi immediatamente le riparazioni della bicicletta per Henk. Con le montagne che ti vengono incontro, hai bisogno di una bici con marce che funzionino bene e la catena rimanga sulla bici. Nel frattempo gli piaceva sedersi su una terrazza (ora niente birra per Henk, solo una tazza di caffè).

READ  Arrestato in Pakistan il padre di un adolescente italiano scomparso

La cena e la notte si sono svolte questa volta in un hotel di lusso con sauna e piscina. Dopo la sua breve corsa di 45 chilometri, quel pomeriggio Henk si è divertito a galleggiare nella piscina riscaldata.

Martedì 23 maggio Henk ha attraversato il confine con l’Austria. Con una bici in buone condizioni, ha finalmente percorso 92 chilometri. In realtà sarebbe stato un po’ troppo pesante e quindi mercoledì sarà una tranquilla giornata di ciclismo. Sebbene il ciclismo sia la sfida per Henk, può davvero godersi lo splendido scenario.

Il percorso in Austria è un percorso con molti saliscendi. Henk ha pedalato – senza camminare nemmeno una volta – sul Passo Resia. Ha applicato con successo il consiglio di André (ciclismo con la marcia più bassa) nella pratica. Durante il giorno faceva freddo (8-12 gradi!) con molta pioggia. Henk quindi non ha dormito in tenda, ma a Nauders ha quindi optato per una lussuosa camera con colazione in albergo.

Giovedì 25 maggio Henk ha varcato il confine con l’Italia a Curon Venosta. Tutto ciò che gli accade da giovedì sarà su Dalfsennet la prossima settimana nella quarta parte del resoconto del viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *