Hmm, suona familiare: è così che funziona il deja vu

Hmm, suona familiare: è così che funziona il deja vu

A seguire alcune teorie.

Avere un deja vu – che in francese significa “già visto” – è una strana sensazione. Ti ritrovi in ​​una situazione così riconoscibile o familiare che ti senti come se stessi vivendo di nuovo un evento. Anche se può sembrare che un momento specifico si stia ripetendo, non è così. Le opinioni sono divise su ciò che accade durante un deja vu. Perché arriva così all’improvviso, è difficile da imitare e cercare.

Il neuroscienziato Jordan Gaines Lewis una volta l’ha descritta come “disfunzione cerebrale”. Il tuo cervello elabora costantemente informazioni per dipingere un quadro completo del mondo che ti circonda. Se non è perfetto e la tua percezione sensoriale e la tua memoria si intersecano, potresti sentirti come se avessi già passato qualcosa. Tuttavia, questa teoria non è del tutto corretta, perché il deja vu non è sempre basato su una vera esperienza.

Secondo il neurologo Emile Couturier, potrebbe anche essere un cortocircuito nel cervello. “Tutto ciò che vedi con i tuoi occhi è immagazzinato nel cervello. Ma prima di memorizzarla, l’immagine viene interpretata dal cervello cosciente. Viene dato un significato e ad esso vengono attaccate delle etichette. A volte l’ordine cambia e il salvataggio dell’immagine avviene prima dell’interpretazione. Quando l’immagine arriva nell’ordine corretto, l’immagine è già lì e hai un deja vu”, ha detto in precedenza a LINDA. In breve: l’immagine viene prima immagazzinata nel nostro cervello, ma ne diventiamo consapevoli solo in seguito.

Sebbene siano state fatte poche ricerche scientifiche su questo argomento, i neuroscienziati dell’Università di St Andrews hanno fatto un tentativo nel 2016. Secondo loro, il déjà vu non ha nulla a che fare con la nostra memoria, ma con la risoluzione dei conflitti. Cerchiamo un ricordo che non c’è, che confonde il nostro cervello. Confrontalo con il vedere un treno in movimento, mentre sei tu stesso su un treno fermo. È quindi difficile sapere se è il tuo treno che sta funzionando o l’altro.

READ  il mondo non è in buona forma, ma molto meglio di due secoli fa

Un’altra spiegazione per il deja vu è che una memoria passa dalla memoria a breve termine a quella a lungo termine, facendo sembrare che tu stia ricordando qualcosa del passato, quando lo stai effettivamente vivendo in quel momento. E credi che il deja vu sia in realtà un ricordo di una vita passata? Allora sarai ingannato. Questo non è stato scientificamente provato e secondo l’American Professional Association of Psychologists non è vero.

Conclusione? Un deja vu non è stato ancora spiegato scientificamente. Eppure, secondo il neurologo Couturier, sono molto probabili due teorie. Ad esempio, è probabile che sia uno “stimolo non regolato”, che ti fa pensare che sia un ricordo, ma non lo è. Anche la teoria del cortocircuito è una buona spiegazione. Quindi non lo sappiamo (ancora) per certo. Soffri spesso di deja vu? È quindi una buona idea chiamare il medico. Secondo Couturier, le persone con epilessia ed emicrania hanno maggiori probabilità di soffrire di questo fenomeno.

primavera | Buono + BuonoHLN.beLINDA.

Maike AbmaGetty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *