I cervelli di polpo sono ancora più strani di quanto pensassimo

Occupano un posto speciale nel regno animale, i polpi intelligenti. I ricercatori di Leuven attribuiscono la loro capacità di pensiero al fatto che non solo hanno molte cellule cerebrali, ma anche cellule cerebrali rare e diverse.

I polpi sono disadattati nel regno animale. Sebbene non abbiano una spina dorsale – invertebrati che sono – i molluschi sono incredibilmente intelligenti. Possono manipolare oggetti e diventare maestri di fuga. Anche la loro abilità mimetica fulminea è leggendaria.

Il documentario Netflix Il mio insegnante di polpo ha realizzato qualche anno fa un’immagine commovente del riavvicinamento tra un essere umano e una curiosa creatura a otto braccia. Il film ha quindi creato un piccolo clamore di polpo.

Possiamo imparare molto dal polpo. I biologi sanno da tempo quanto sia intrigante la mente di questo mollusco. I polpi hanno cellule cerebrali sparse in tutto il corpo: in tutte e otto le braccia e in un cervello centrale. Ma poco si sapeva sull’identità di queste cellule.

Un team di biologi di Leuven attorno alla professoressa Eve Seuntjens ha quindi esaminato e mappato le cellule centrali in modo più dettagliato. Il gruppo di ricerca ha già pubblicato le sue scoperte sulle somiglianze tra umani e polpi nello sviluppo del cervello. I loro ultimi risultati sono ora apparso in Comunicazione Natura.

Abbiamo più cose in comune con il polpo di quanto pensi

Il team ha applicato una tecnica relativamente nuova (sequenziamento dell’RNA a singola cellula) a. Ciò ha rivelato che molte cellule cerebrali di polpo sono simili a quelle di altri animali ben documentati, in particolare moscerini della frutta e topi. I loro neuroni e le cosiddette cellule gliali, cioè le cellule ausiliarie dei neuroni, mostrano un ottimo rapporto.

READ  Veneto tra le regioni con i migliori dati...

“Ma ciò che ci ha sorpreso è stato scoprire molti altri tipi di cellule rare”, afferma Ruth Styfhals, che sta dedicando a questo la sua ricerca di dottorato. “Nella misura in cui assumiamo che sia proprio questa diversità che conferisce all’animale la sua notevole capacità di pensare”.

Sono stati esaminati polpi appena nati. Hanno già cellule cerebrali mature, ma se ne aggiungeranno mille volte di più man mano che crescono fino all’età adulta. Un esemplare adulto ne ha 500 milioni, gli stessi di un piccolo primate. La mosca della frutta deve accontentarsi di 200.000 monete.

I moscerini della frutta hanno un ago della bussola

Del mezzo miliardo di cellule del polpo, 25 milioni sono coinvolte nella memoria e nell’apprendimento, rispetto alle 2.500 con la stessa firma nel moscerino della frutta.

Ulteriori ricerche esamineranno come si formano i circuiti cerebrali, a quale funzione contribuiscono e “come i polpi percepiscono il mondo”. “Una volta che sappiamo come vengono messi insieme e costruiti, il passo successivo è scoprire come funzionano i cervelli complessi”, afferma Styfhals.

Evolvendosi, i polpi vanno per la loro strada da 600 milioni di anni. Eppure Styfhals pensa che, nonostante questa distanza, possiamo anche imparare qualcosa sui cervelli dei mammiferi e degli umani studiando i loro cervelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *