I disturbi di asma persistono a causa dell’uso improprio della pompa – Salute

I disturbi di asma persistono a causa dell’uso improprio della pompa – Salute

Sembra un gioco da ragazzi, ma inalare una medicina risulta essere molto più difficile che ingerire una pillola. La maggior parte degli asmatici usa la pompa troppo poco, troppo o semplicemente in modo errato.

È abbastanza spaventoso quando lo vedi accadere in compagnia – e soprattutto se succede a te: un attacco d’asma non è un’impresa da poco. Sibilo. fiato corto. Tosse. E poi la pompa si alza: un tiro profondo e il paziente può rilassarsi. Bene, sembra essere sotto controllo. Ma non è quello. In particolare, molti asmatici usano il tiralatte in modo errato. Ed è per questo che una malattia che non è curabile ma può essere mantenuta perfettamente vitale è nella top 20 delle “cause del carico di malattia”.

È abbastanza spaventoso quando lo vedi accadere in compagnia – e soprattutto se succede a te: un attacco d’asma non è un’impresa da poco. Sibilo. fiato corto. Tosse. E poi la pompa si alza: un tiro profondo e il paziente può rilassarsi. Bene, sembra essere sotto controllo. Ma non è quello. Molti asmatici usano la pompa in modo errato. Ed è per questo che una malattia che non è curabile ma può essere mantenuta perfettamente vitale è nella top 20 delle “cause del carico di malattia”. L’asma è un’infiammazione cronica delle vie aeree inferiori. Circa il 6-9% dei belgi ne soffre. In tre quarti dei casi, la diagnosi viene fatta prima dei 20 anni. La metà di loro è geneticamente predisposta, insieme a una serie di fattori ambientali che possono scatenare attacchi: le reazioni allergiche al polline, alla polvere domestica o ai peli di animali domestici sono le più comuni. Anche lo sforzo fisico, l’esposizione a fumo, aria fredda e aria inquinata possono essere fattori scatenanti. I reclami di solito diminuiscono con l’età, ma raramente scompaiono completamente. Sorprendentemente, la diagnosi è stata fatta più frequentemente negli ultimi decenni. Ciò potrebbe essere collegato a fattori ambientali mutevoli, tra cui l’esposizione all’aria inquinata e l’igiene notevolmente aumentata dei bambini nei primi anni di vita. I bambini hanno meno infezioni rispetto, diciamo, a venti o trent’anni fa, il che significa che il loro sistema immunitario è meno allenato. Quindi ci sono farmaci per questo, che devono essere inalati con una cosiddetta pompa. In questo modo vanno direttamente nelle vie aeree. Ed è qui che va storto. “Un paziente con asma su tre non usa il tiralatte. Due su tre lo fanno, ma un terzo di loro non usa la pompa correttamente”, spiega il pneumologo Geert Verleden, capo del dipartimento di malattie polmonari presso l’Ospedale universitario di Leuven. “Di conseguenza, molte persone soffrono di asma e alcune muoiono prematuramente, quando non dovresti perdere un solo anno di vita con questa malattia se segui correttamente il trattamento”. “Molti asmatici sbuffano solo quando si sentono a corto di fiato e usano farmaci che aprono rapidamente le vie aeree”, afferma Verleden. Questi broncodilatatori ad azione rapida appartengono alla classe dei “beta2-agonisti a breve durata d’azione”, noti come SABA. Dopo alcuni tiri, i muscoli della parete delle vie aeree si rilassano e ti senti “rilasciato” quasi immediatamente. Passato: “I puff SABA sono di gran lunga i farmaci per l’asma più popolari e vengono venduti di più anno dopo anno. Sono molto utili in caso di attacco d’asma, ma non dovresti usare più di due erogazioni all’anno. La ricerca mostra che l’uso frequente ea lungo termine dei puff SABA peggiora progressivamente l’asma – si hanno sempre più attacchi – e aumenta il rischio di morte prematura, a causa di effetti collaterali sul cuore. Tuttavia, ci sono linee guida per il trattamento dell’asma, ma non sono ben seguite. Secondo queste raccomandazioni internazionali, i puff SABA dovrebbero essere usati solo da persone con asma lieve che solo occasionalmente soffrono di distress respiratorio e che altrimenti hanno una normale funzione polmonare. Se non appartieni a questa categoria, perché la tua funzionalità polmonare è ridotta o hai attacchi regolari, dovresti passare al trattamento di mantenimento. Ci sono richieste per un ulteriore rafforzamento delle linee guida e per sostituire SABA anche nell’asma lieve con una combinazione di altri farmaci per via inalatoria. Secondo Past, non basta sbuffare quando si ha il fiato corto. “Il trattamento dell’asma di solito dura tutta la vita. Confrontalo con un farmaco per la pressione sanguigna: lo prendi anche per il resto della tua vita in modo da non avere un infarto o un ictus. Un secondo problema riguarda le persone che inalano i farmaci in tempo, ma lo fanno in modo errato. Uno su tre eroga in modo errato e quindi il farmaco non raggiunge le vie aeree o non abbastanza. Esistono diversi sistemi di somministrazione che richiedono tutti la propria tecnica di inalazione. Ad esempio, dovresti tenere una pompa classica in posizione verticale con l’apertura verso il basso, espirare profondamente e poi inspirare lentamente e profondamente con il boccaglio in bocca mentre premi la pompa. Spremere e inalare allo stesso tempo spesso causa problemi. Esistono altri sistemi con un “distanziatore” in cui prima si spreme la dose nella camera e poi si inspira ed espira profondamente. Dovrebbe essere un po’ più semplice, ma richiede anche un po’ di lavoro extra, come la pulizia delle parti. Ci sono anche inalatori di polvere secca e nebulizzatori elettrici, ognuno con le proprie istruzioni per l’uso che devono essere padroneggiate. “L’uso di una pompa o di un sistema correlato dovrebbe sempre essere adeguatamente spiegato e insegnato. Altrimenti, sarebbe uno sforzo sprecato”, afferma Verleden. “Questo è il compito di pneumologi, medici di base, farmacisti e infermieri. Hai dei dubbi come paziente? Quindi chiedi una spiegazione. Ci sono video che ne spiegano bene l’uso, e c’è l’applicazione pratica MyPuff, lanciata dalla Belgian Respiratory Society, l’associazione dei pneumologi belgi. “Un ulteriore svantaggio dell’uso errato è che il paziente pensa che il farmaco non funzioni”, afferma Verleden. “Di conseguenza, le persone abbandonano e interrompono il trattamento”. Il problema è che 1 asmatico su 3 non prende i farmaci prescritti e nemmeno li va a prendere in farmacia. “Queste persone trascurano il trattamento e lo considerano inutile finché non si lamentano”, conclude Verleden. Anche il fatto che il trattamento di mantenimento debba essere inalato non giova nemmeno alla compliance al trattamento. “I farmaci in forma di pillola di solito sono meglio presi. Ma nel caso di malattie polmonari, come l’asma, sono ancora preferiti i sistemi di inalazione. A volte vedo asmatici che vengono indirizzati “perché il trattamento non funziona”, o a cui sono stati somministrati farmaci diversi o dosi più elevate, mentre i disturbi si ripresentano. Poi dico sempre ai miei assistenti: “Controllate se questo paziente sta usando il suo tiralatte e lasciate che vi mostri come lo fa”. Questa è spesso la causa di lamentele ricorrenti.

READ  Lo zucchero sui tuoi broccoli fa miracoli per la tua salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *