I funzionari della città di Almere sono in sciopero per un migliore contratto collettivo di lavoro, altre città seguiranno

PAPÀ

Notizie ONSModificato

I funzionari della città del servizio di pulizia di Almere sono in sciopero da due giorni. La spazzatura non viene raccolta e le strade non vengono spazzate. Partecipano anche gli impiegati del reparto pulizie.

Gli attivisti sono partiti questa mattina presto. Scioperano per un contratto collettivo di lavoro migliore, con un aumento salariale del 12%, a causa dell’alta inflazione. Le trattative si sono bloccate a dicembre perché i sindacati hanno ritenuto troppo bassa l’offerta salariale dei comuni e ora sono in stallo.

Oltre al 12% in più di salari per quest’anno, i sindacati chiedono una compensazione automatica dei prezzi nel contratto collettivo di lavoro per il 2024. I comuni hanno proposto un aumento salariale del 5% per quest’anno e del 3% per il prossimo anno. Più di 187.000 dipendenti comunali sono coperti da questo contratto collettivo di lavoro.

Anche in altre città

I lavoratori comunali sono in sciopero anche in altre città. Per mercoledì pomeriggio sono previste brevi interruzioni del lavoro a Tilburg e Rotterdam. Il prossimo lunedì mattina, i dipendenti pubblici di Amsterdam entreranno in sciopero.

“L’inflazione è ora a un livello elevato e i salari devono solo seguire”, dice un netturbino di Almere che ha scioperato per due giorni interi contro il NOS Radio 1 Notizie. “Penso davvero che la gente se ne accorgerà. Cerchiamo di non prendere troppo in giro il pubblico, ci sono camion della spazzatura in uscita e probabilmente ci saranno dei giorni di recupero”.

“Un sacco di preparazione per l’azione”

“Se vuoi mantenere in ordine le strutture per i cittadini, dovrai anche investire nel tuo personale. Soprattutto in questo mercato del lavoro ristretto”, afferma Marieke Manschot, negoziatrice per i contratti collettivi di lavoro presso la FNV. “C’è molta voglia di agire”.

Una manifestazione nazionale seguirà a Utrecht il 15 febbraio. Se i comuni non cambiano rotta, secondo la FNV, ci saranno scioperi ancora più duraturi a Utrecht e L’Aia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *