I giovani stanno più a lungo con i genitori, ma meno bambini “boomerang”.

I giovani stanno più a lungo con i genitori, ma meno bambini “boomerang”.

I giovani stanno più a lungo con i genitori, ma meno bambini “boomerang”.
Janno Rook (24) di Bovensmilde vive con i suoi genitori dal 2020.

Notizie ONS

Successivamente, i giovani iniziano a vivere da soli. Questo è chiaro dai nuovi dati di Statistics Netherlands. Nel 2011 più della metà dei cosiddetti giovani adulti lavorava già quando hanno lasciato la casa dei genitori, nel 2019 questa cifra era salita a due terzi.

Una volta soli, sono tornati meno spesso alla casa dei genitori. Questo gruppo, noto anche come “bambini boomerang”, è leggermente diminuito dal 5,4% nel 2017 al 4,6% nel 2020.

Lonneke van den Berg è un demografo presso l’Istituto demografico interdisciplinare olandese ed è coautore del rapporto CBS. Non si stupisce dei numeri: “Diventa sempre più difficile per i giovani poter vivere da soli. Ha a che fare con il mercato immobiliare, ovviamente. I prezzi delle case stanno aumentando drasticamente e ci sono sempre meno unità in affitto. proprietà.”

Inoltre, gli studenti spesso accumulano enormi debiti a causa del sistema di prestito studentesco. Van den Berg: “Gli studenti poi decidono se andare all’università, il che significa che si indebitano. Poi continuano a vivere a casa per non sostenere costi aggiuntivi, ad esempio per affittare il proprio alloggio”.

bambini boomerang

Sembra sorprendente che ci siano meno bambini boomerang. “Ma può anche essere spiegato”, dice Van den Berg. “Perché le persone se ne vanno più tardi, sono un po’ più grandi e la loro situazione è spesso più stabile. In termini di lavoro, in termini di relazioni. Di conseguenza, hanno meno motivi per tornare dai genitori”.

Debito studentesco di 40.000 euro

Uno di questi “bambini boomerang” è Janno Rook (24) di Bovensmilde a Drenthe. Dopo aver vissuto per diversi anni in stanze a Nijmegen (ha studiato scienze politiche), è tornato alla casa dei genitori nel 2020.

“Ovviamente era molto noioso durante il parto, da solo in una stanza per studenti. Ma anche i costi sono aumentati enormemente. Ora ho un debito studentesco di circa 40.000 euro e affittare una stanza può facilmente costare 800 o talvolta 1000 euro in questi giorni.” no”, dice Rook.

Si salva soprattutto adesso. Rook: “Ora sto studiando a Groningen e riducendo un po’ il mio debito studentesco con un lavoro. Potrei vivere qui per altri tre anni o più, ma preferirei gestire la mia famiglia”.

Ai suoi genitori piace molto. “Ha il suo studio, la sua camera da letto. Tanto spazio. Certo non è un buon sviluppo, il problema è il mercato immobiliare, no?” dice padre Marco. “Bene, è il benvenuto qui. Non dobbiamo sbarazzarci di lui, lo sai.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *