I medici sostengono un nuovo campo della “cardiologia climatica”

I medici sostengono un nuovo campo della “cardiologia climatica”

Immagini di dominio pubblico/Pixabay

Secondo un gruppo di esperti di Giornale medico britannico† “Climate Cardiology”, chiamano la nuova specializzazione che può avvantaggiare sia i pazienti che il pianeta.

Le emissioni di gas serra sono le più alte da almeno 800.000 anni. La maggior parte delle emissioni umane proviene dalla combustione di combustibili fossili, dall’agricoltura, dalla deforestazione e dalla produzione di carne. Ma anche il settore sanitario rappresenta quasi il 4,5% del totale. Negli Stati Uniti, il settore sanitario emette addirittura quasi il 10% del totale, scrivono gli autori.

Gli impatti ambientali e sociali del cambiamento climatico aumenteranno i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari in questo secolo, avvertono.

Effetti sulle malattie cardiovascolari

Il cambiamento climatico porta a eventi meteorologici estremi, inquinamento atmosferico, collasso dell’ecosistema, riduzione della produzione alimentare e minore qualità nutrizionale di importanti colture di cereali. Tutti questi fattori hanno effetti diretti e indiretti sulla salute cardiovascolare, spiegano gli autori.

Nel 2019, le alte temperature sono state responsabili di circa 93.000 decessi cardiovascolari in tutto il mondo.

Le cifre parlano da sole: nel 2019 le alte temperature sono state responsabili di circa 93.000 decessi cardiovascolari nel mondo.

Le condizioni meteorologiche estreme sono state anche collegate a traumi, stress e depressione, tutti fattori di rischio per malattie cardiovascolari. L’inquinamento atmosferico, le emissioni industriali e gli incendi boschivi sono anche responsabili di quasi un decesso cardiovascolare su cinque (3,54 milioni) in tutto il mondo.

La siccità, la desertificazione, il riscaldamento e l’acidificazione degli oceani influiscono sull’approvvigionamento alimentare e le diete povere di prodotti freschi, cereali integrali e pesce causano oltre 3 milioni di morti cardiovascolari ogni anno in tutto il mondo.

READ  Più attenzione alla salute dei giovani a Nieuwegein

Inoltre, gli effetti del cambiamento climatico stanno guidando la migrazione di centinaia di milioni di persone, spesso verso luoghi non sufficientemente preparati per fornire un’adeguata assistenza sanitaria cardiovascolare.

meno carne

Tuttavia, ci sono opportunità per ridurre contemporaneamente le emissioni di gas serra e ridurre le malattie cardiovascolari, affermano gli autori.

In primo luogo, un cambiamento nella nostra dieta, con più cibi vegetali e meno carne rossa. È ricco di grassi saturi, un noto fattore di rischio per le malattie cardiache e responsabile di centinaia di migliaia di decessi cardiovascolari ogni anno.

Passare a più passeggiate a piedi e in bicicletta migliorerebbe anche la nostra salute cardiovascolare e ridurrebbe le emissioni di gas serra.

Passare a più passeggiate a piedi e in bicicletta migliorerebbe anche la nostra salute cardiovascolare e ridurrebbe le emissioni di gas serra.

Più verde nelle aree residenziali aiuta a ridurre lo stress e rimuove la CO2 dall’atmosfera. Inoltre, il passaggio da carbone, petrolio e gas a solare, eolico e idroelettrico potrebbe prevenire milioni di morti negli anni a venire, secondo gli autori.

Cardiologia climatica

Infine, l’assistenza sanitaria stessa può anche ridurre l’impronta ecologica facilitando la consultazione da remoto, promuovendo l’assistenza ambulatoriale locale e la cura della persona e riducendo il trattamento eccessivo e gli interventi non necessari.

I sistemi sanitari dovrebbero anche investire in una migliore pianificazione e sistemi di allerta precoce per prepararsi a un numero maggiore di pazienti a causa del cambiamento climatico. Le scuole di medicina dovrebbero anche prestare maggiore attenzione alla ricerca sulla salute ambientale e alle pratiche sanitarie sostenibili, affermano gli autori.

“Il settore sanitario deve intraprendere un’azione urgente per evitare che la crisi climatica minacci la salute cardiovascolare”, avvertono. “Un nuovo campo della cardiologia climatica può esplorare e implementare queste capacità per proteggere i pazienti e il pianeta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *