“Il Belgio accoglie proporzionalmente più persone dell’Italia”

“Il Belgio accoglie proporzionalmente più persone dell’Italia”

La rigida politica di asilo dei paesi scandinavi contribuisce al fatto che oggi le nostre domande di asilo sono di nuovo in aumento. Lo afferma il commissario generale per i rifugiati e gli apolidi Dirk Van den Bulck.

La crisi dell’accoglienza a Bruxelles non sarà risolta. Le famiglie con bambini che desiderano chiedere asilo dormono per strada. Nell’ultimo anno il numero dei richiedenti asilo è ulteriormente aumentato. Il mese scorso erano addirittura più di 4000. Il commissario generale di Dirk Van den Bulck dovrebbe giudicare le domande.

Perché il numero dei richiedenti asilo è di nuovo in forte aumento?

Dirk Vanden Bulck: La risposta onesta è che nessuno lo sa esattamente. È chiaro che la migrazione verso l’Europa è di nuovo in aumento, ma contrariamente alla credenza popolare, i grandi eventi nel mondo non sono direttamente collegati ad essa. La guerra in Ucraina è ovviamente un’altra storia: questo paese confina con l’Europa. Ma la guerra in Etiopia, ad esempio, non ha quasi causato un aumento del numero di profughi da lì. Di solito non vediamo un tale effetto fino a molti anni dopo: le persone fuggono e si stabiliscono da qualche parte nella zona, e solo se non riescono a costruirsi una nuova vita lì se ne vanno. Nel frattempo, le reti criminali, che lo siano o meno, si sono spesso formate per aiutare in questo.

I paesi che infrangono le regole hanno un vantaggio.

Qual è il motivo per cui così tanti afgani si stanno riversando in Belgio?

Van den Bulck: Vengono in gran numero, certamente minori non accompagnati. Nelle Fiandre ricevono il pacchetto crescita e un’indennità scolastica (questa indennità scolastica ammonta a circa 3400 euro, ndr), un altro motivo per cui molti adulti desiderano essere riconosciuti minorenni. Sono anni che diciamo che il pacchetto crescita nelle Fiandre è tanto allettante, ma ora il ministro fiammingo Bart Somers ha finalmente deciso di adattarlo (Somers propone che due terzi dell’indennità scolastica vadano all’accoglienza del minore rifugiato, ndr. ).

READ  TERREMOTO CALABRIA, scossa di magnitudo 4.3 a Briatico, tutti i dettagli “3B Meteo

Il sistema sociale dell’Europa nordoccidentale è ovviamente più sviluppato di quello dell’Europa meridionale. Un rifugiato riconosciuto riceve un salario di sussistenza in Belgio, ma in Grecia non esiste un salario di sussistenza.

La distribuzione in Europa sarà quindi sempre sbilanciata?

Van den Bulck: Le differenze sono ancora maggiori. Perché Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Austria e Germania vedono aumentare le loro domande di asilo? Nel 2015, i richiedenti asilo si sono riversati in paesi scandinavi come Finlandia, Norvegia, Svezia e Danimarca. Oggi non è più così: il numero di richieste in alcuni di questi paesi è ogni anno inferiore ai nostri dati mensili. Ciò ha a che fare con una serie di cambiamenti di rotta, come una politica di rimpatrio molto più integrata ed efficiente. La percezione tra i richiedenti asilo è ora che non conviene più andare.

Quindi i politici che lo vogliono davvero possono effettivamente ridurre i numeri di asilo?

Van den Bulck: Puoi davvero prendere provvedimenti per ridurre l’afflusso. Ma anche Finlandia e Norvegia hanno preso decisioni che hanno chiaramente oltrepassato i confini. A un certo punto, la Norvegia ha rimandato i siriani oltre il confine con la Russia perché la considerava un paese sicuro. La Finlandia ha già annunciato che non riconoscerà gli obiettori di coscienza russi come rifugiati. Mi acciglio a questo.

A volte è ironico che i paesi che stanno facendo del loro meglio vedano più richiedenti asilo rispetto ai paesi vicini. Da molti anni il Benelux dispone di un sistema di accoglienza ben sviluppato con standard elevati per i richiedenti asilo. La Francia – si dice raramente – non garantisce più l’accoglienza dei richiedenti asilo da trent’anni. Tira il tuo piano dicono a queste persone. Gli Stati membri che non prendono sul serio le regole, o addirittura le violano deliberatamente, godono quindi di un vantaggio. Penso in particolare ai paesi dell’Europa orientale e meridionale, i paesi dell’Europa orientale non vogliono che le persone vengano inviate da loro, i paesi dell’Europa meridionale stanno annegando in un afflusso massiccio negli ultimi anni. Questo può essere messo in prospettiva: il Belgio riceve proporzionalmente più persone dell’Italia, a volte l’afflusso qui è ancora maggiore in cifre assolute. È solo più spettacolare vedere una barca piena di persone ormeggiate che se si presentassero qui al Klein Kasteeltje.

READ  Commissione Europea: prestito italiano da 400 milioni ad Alitalia illegale

Quindi cosa potrebbe fare il Belgio per ridurre l’afflusso?

Van den Bulck: Rafforzamento del rispetto delle regole di Dublino: la disposizione europea secondo la quale i richiedenti asilo devono presentare domanda nel Paese attraverso il quale sono entrati nell’UE. I paesi scandinavi sono molto meglio in quest’area. Il segretario di Stato Nicole De Moor ora si sta concentrando maggiormente su questo, ma al momento non ne stiamo ancora vedendo l’impatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *