Il carbonio proviene dalle comete?

Il carbonio è un elemento chiave per l’evoluzione della vita come lo conosciamo. Tuttavia, la Terra primordiale e gli altri pianeti terrestri nel sistema solare interno erano così caldi al momento della loro formazione che elementi come il carbonio andarono persi o esauriti.

Ma allora come sono diventati me i pianeti rocciosi interni mondi ricchi di carbonio che conosciamo oggi?

I ricercatori ritengono che il merito vada ai giganti gassosi più freddi come Giove e Nettuno, che si dice abbiano trattenuto il carbonio nel sistema solare esterno, bloccandolo a causa della loro potente forza gravitazionale.

Ciò avrebbe permesso ai piccoli precursori delle comete di farlo indossare carbonio dalle regioni esterne alle regioni interne, consentendo così a pianeti rocciosi come la Terra e Marte di incorporarlo.

A sostegno di questa ipotesi, le recenti osservazioni diOsservatorio astronomico stratosferico a infrarossi (SOFIA) durante il passaggio effimero del la cometa Catalina, avvenuta all’inizio del 2016.

Derivato da nube di Oort – l’area dello spazio oltre Nettuno situata ai margini del sistema solare – l’oggetto celeste congelato durante la sua visita ha attraversato la Terra, passando davanti al Sole e poi scomparendo nuovamente nell’oscurità dello spazio.

A questo punto, Sofia, mirando a uno dei suoi strumenti a infrarossi, è stata in grado di rilevare unimpronta familiare dentro il bagliore polveroso della coda della cometa: quello della carbonio.

Di NASA / JPL-Caltech –

Secondo i dati presentati nello studio pubblicato su Giornale di scienze planetarieLa cometa Catalina sarebbe infatti molto ricca di carbonio, il che suggerisce che si sia formata nelle regioni esterne del primo sistema solare, dove l’elemento doveva essere presente in grandi quantità.

READ  Crisanti: "Non farei il primo vaccino a gennaio". Tempesta sul virologo. Aifa: notte in campagna

Il sistema solare esterno funzionerebbe quindi come a Carro armato, che, attraverso comete e asteroidi, avrebbe alimentato il sistema solare interno.

“Il carbonio è la chiave per conoscere le origini della vita”, ha detto l’autore principale dell’articolo. Charles Woodward, astrofisico e professore all’Università del Minnesota. “Non sappiamo ancora se la Terra sia stata in grado di sequestrare una quantità sufficiente di carbonio da sola durante la sua formazione, quindi le comete potrebbero essere state una fonte importante di questo elemento essenziale che ha portato alla vita come la conosciamo.”

“Tutti i mondi terrestri sono soggetti agli impatti di comete e altri piccoli corpi, che trasportano carbonio e altri elementi”, ha detto Woodward. “Ci stiamo avvicinando a come questi impatti sui primi pianeti potrebbero aver catalizzato la vita”.

Saranno necessarie ulteriori osservazioni per confermare l’effettiva presenza di molti altri comete ricca di carbonio nella nuvola di Oort. Ciò rafforzerebbe ulteriormente il loro ruolo nel fornire carbonio e altri elementi di supporto vitale ai pianeti terrestri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *