Il cosmo cosmetico della NASA è indicativo dello spirito dei tempi

Il cosmo cosmetico della NASA è indicativo dello spirito dei tempi

Mi sono piaciute anche le prime spettacolari foto scattate da James Webbtelescopio spaziale? Erano di nuovo belle, anche più belle delle foto di Hubbletelescopio spaziale con cui siamo stati viziati dal 1994. Ma cosa vediamo veramente?

All’inizio del secolo, ero un addetto alle informazioni per il Nova National Astronomical Institute, e in tale veste una volta ho visitato il quartier generale di Baltimora da cui opera il telescopio spaziale Hubble. Decine di scienziati e il loro supporto tecnico erano presenti virtualmente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per elaborare i dati in arrivo. Un grande telescopio spaziale opera giorno e notte, perché le sue ore di osservazione sono troppo scarse per essere sprecate nel sonno della Terra.

Ma sono stato più sorpreso dal loro dipartimento di pubbliche relazioni, che impiegava specialisti web e video, grafici, animatori ed editori oltre a gestori di informazioni, ed era di dimensioni che in precedenza associavo a uno studio cinematografico di Hollywood.

Le fotografie a colori nitidissime dell’universo di Hubble erano allora senza precedenti e nuove per il grande pubblico, trasformando quasi tutto ciò che riguarda Hubble in oro pubblicitario. Curiosamente, il direttore delle pubbliche relazioni, con il quale quel giorno avevo un appuntamento, sembrava piuttosto esausto. A quel tempo, erano già iniziati i preparativi per il successore di Hubble, il James Webb Telescope.

Fine dell’era del pubblico d’oro

Qual era il problema, secondo questo regista? Il James Webb diventerebbe – per indiscusse ragioni scientifiche – un telescopio a infrarossi, che non fornirebbe immagini utilizzabili dall’occhio umano, ma solo mappe in scala di grigi, poiché non possiamo vedere la luce infrarossa.

READ  Psicologia della folla, opinione degli esperti: un desiderio pericoloso per la normalità e il cinismo

Predisse che l’età d’oro dell’astronomia sarebbe finita con la chiusura di Hubble. Aveva sostenuto senza successo l’aggiunta di una fotocamera ottica al telescopio Webb in modo che il pubblico potesse almeno vedere qualcosa di ciò che stava facendo Webb. Ma la sua richiesta era stata appena definitivamente respinta, perché una macchina fotografica così divertente era scientificamente solo una zavorra. Non puoi farlo con i soldi dei contribuenti.

Completamente risucchiato

avanti veloce vent’anni: questo regista è probabilmente in pensione da molto tempo, e martedì scorso il telescopio James Webb ha consegnato le sue prime spettacolari immagini dell’universo. Ancora più colorato delle foto di Hubble. Questo regista era completamente confuso in quel momento? O una fotocamera ottica è stata incorporata nel Webb in seguito?

Né. Il James Webb Infrared Telescope produce fotografie a colori completamente inventate dal dipartimento di pubbliche relazioni di Baltimora. Si presenta così: per la ricerca scientifica, il Webb scatta varie immagini di una parte del cielo, ogni volta in una diversa lunghezza d’onda della luce infrarossa. Gli scienziati iniziano a lavorare con i dati originali, ma le persone PR si divertono ad assegnare i colori di base (additivi) blu e/o verde e/o rosso a ciascuna lunghezza d’onda, quindi incollando tutte queste foto colorate separatamente una sopra l’altra in una miscela che dà il risultato più sexy.

Conoscendo un po’ gli americani, se ne parla anche tanto, e poi si raffina. Un obiettivo importante sembra essere che le foto di Webb assomiglino il più possibile alle foto di Hubble dello stesso pezzo di cielo in termini di colorazione, in modo che tutti possano essere convinti che le foto di Webb siano ancora migliori.

READ  Covid, per gli esperti la situazione è preoccupante, sono necessarie nuove misure - Fisica e Matematica

Assegnazione casuale del colore

All’epoca non era nemmeno venuto in mente a questo direttore delle pubbliche relazioni che le foto in bianco e nero che non sono abbastanza sexy per il consumo pubblico dovrebbero essere colorate in modo creativo. All’epoca era ancora considerato sbagliato, oggi sembra che lo sia una migliore formazione. Non sono discreti neanche alla Nasa: raccontano i loro specialisti in un video sul proprio sito web che è necessaria una “miscela di arte e scienza” per “estrarre la bellezza” dalle foto di Webb.

Poiché questa assegnazione del colore a un’immagine a infrarossi è essenzialmente arbitraria, ho anche iniziato a giocare con l’immagine della Nebulosa Carina rilasciata dalla NASA. Le foto allegate sono altrettanto “vere” o “reali” come la versione della Nasa.

Anche nel periodo di massimo splendore di Hubble, l’aspetto “reale” dei corpi celesti era problematico. Hubble scatta anche foto in bianco e nero attraverso diversi filtri di colore. Questi sono sintonizzati per ottenere quante più informazioni scientifiche possibili, ma poiché Hubble è principalmente un telescopio ottico, ha anche filtri in tutti e tre i colori di base. Ecco perché si crederebbe ancora che le foto di Hubble ci diano un’immagine dell’universo che vedremmo anche noi stessi se avessimo occhi super sensibili. Con il telescopio James Webb, anche quella linea sottile con la realtà quotidiana è stata infranta.

Realizzato come semilavorato

Quando ho parlato con questo regista, le fotocamere consumer contenevano ancora una pellicola e prevaleva l’idea che le foto rappresentassero la realtà. Al giorno d’oggi, quasi tutti considerano i pixel della propria fotocamera come semilavorati digitali dai quali è possibile creare l’immagine desiderata con tutti i tipi di manopole rotanti. I selfie sono generalmente levigati esteticamente con un filtro “abbellisci”. Tutti i fotografi naturalisti in questi giorni aumentano il colore e il contrasto delle loro foto a un livello che non vedrai mai in natura.

READ  SECONDA ONDA di contagi, il virologo CAPUA ha la ricetta per contrastarlo. Ecco come »ILMETEO.it

Fino a poco tempo, la NASA affermava chiaramente nella didascalia delle immagini colorate a infrarossi e UV: immagine in falsi colori. A quanto pare non è più necessario rimanere credibili. Nel caso dell’astronomia piacere per gli occhi potrebbe non far male. È ancora un fantastico pezzo di ingegneria, questo James Webb Telescope, e quando le persone sognano la maestosa bellezza dell’universo, è meno probabile che sparino ai loro vicini a testa in giù, spero.

Ma questo è tipico dei tempi: fatti sotto forma di semilavorati, che puoi colorare completamente secondo le tue esigenze.

giornalista scientifico Arnout Jaspers scrive colonne e altri articoli pratici per la settimana di Wynia ogni sabato. La settimana di Wynia è resa possibile grazie ai donatori. Possiamo valutarti? Che può QUA. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *