Il ghiacciaio più alto del mondo ha perso 55 metri di ghiaccio in un quarto di secolo | All’estero

Un team di scienziati guidato dall’Università americana del Maine ha visitato questo ghiacciaio sul versante meridionale dell’Everest nel 2019. Hanno effettuato misurazioni a un’altitudine di 8020 metri, i cui risultati sono stati pubblicati giovedì sulla rivista Nature.

Il ricercatore capo Paul Mayewski ha detto alla CNN che “anche i ghiacciai più inaccessibili del mondo sono colpiti dai cambiamenti climatici”. Le conseguenze sono state “significative” dal 1990. Mai prima d’ora gli scienziati hanno dimostrato che anche i luoghi più alti del mondo stanno cambiando così tanto a causa del cambiamento climatico indotto dall’uomo.

Sciogli ottanta volte più velocemente

La calotta glaciale del ghiacciaio più alto del mondo si stava sciogliendo circa ottanta volte più velocemente della velocità con cui si era formata secoli fa. Non solo molto ghiaccio si è sciolto negli ultimi decenni, ma è cambiata anche la composizione della calotta glaciale. La quantità di neve è caduta, esponendo più ghiaccio. Poiché la neve riflette la luce solare e quindi ha un effetto rinfrescante, il “delicato equilibrio” tra neve e ghiaccio può essere disturbato.

Gli scienziati hanno già concluso da altri ghiacciai, come quelli in Antartide, che il processo di scioglimento sta guadagnando slancio. Gli orsi polari sono stati un simbolo iconico del riscaldamento globale. Ci auguriamo che ciò che è accaduto in cima all’Everest sia anche iconico e provochi proteste”, ha affermato Mayewski.

READ  Il rover Curiosity della NASA su Marte, visto dallo spazio grazie alla sonda MRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *