Il “grande disco” della nostra Via Lattea risulta essere molto più vecchio di quanto pensassimo

Il “grande disco” della nostra Via Lattea risulta essere molto più vecchio di quanto pensassimo

Sembra essersi formato circa 13 miliardi di anni fa, solo 0,8 miliardi di anni dopo il Big Bang.

La nostra Via Lattea ha un cosiddetto disco spesso e un disco sottile. Il disco sottile contiene la maggior parte delle stelle della nostra galassia, che riconosciamo dalla banda di luce nebbiosa nel cielo notturno. Il disco spesso, d’altra parte, ospita molte meno stelle. In un nuovo studio, i ricercatori hanno studiato stelle insolite chiamate “sottogiganti” in entrambi i dischi. Ciò ha permesso ai ricercatori di costruire una linea temporale della formazione della Via Lattea. E questo porta a una scoperta sorprendente.

Ulteriori informazioni sul disco sottile e sul disco spesso
La Via Lattea ha quindi un disco spesso e un disco sottile. Ma cosa dovresti esattamente immaginare con questo? Se osservi la Via Lattea in una notte limpida, lontana dall’inquinamento luminoso, vedi principalmente il disco sottile della nostra galassia. È largo 100.000 anni luce, ma spesso solo 1.000 anni luce, e ospita la maggior parte delle stelle della nostra galassia. Queste stelle sono relativamente giovani. Il nostro sole fa parte del disco sottile, così come lo sono praticamente tutte le stelle vicine che puoi vedere ad occhio nudo. Il disco spesso contiene molte meno stelle e non puoi vederlo ad occhio nudo. Queste stelle si estendono più in alto e al di sotto del disco sottile; il disco spesso ha uno spessore di circa 3000 anni luce e quindi molto più spesso del disco sottile. E all’interno di questo disco spesso ci sono stelle più antiche.

Illustrazione della Via Lattea con i dischi spessi e sottili in particolare. Foto:
Stefan Payne-Wardenaar / MPIA

I ricercatori sono molto interessati alle diverse fasi che la nostra Via Lattea ha attraversato. Ma per conoscere i dettagli di questo, devi anche conoscere l’età delle stelle. Tuttavia, l’età di una stella è uno dei parametri difficili da determinare.

READ  Il pianeta Terra ha ufficialmente un nuovo oceano

sub-giganti
C’è un’eccezione. Perché solo l’età dei cosiddetti “sottogiganti” è più facile da conoscere. Le subgiganti sono stelle in cui non viene più generata energia e che si trasformano in stelle giganti rosse. Poiché la “fase subgigante” è relativamente breve, la sua età può essere determinata con grande precisione. Ma… dove troviamo queste stelle? Fortunatamente, il telescopio spaziale Gaia può dare una mano.

Età
Il telescopio spaziale Gaia ha scansionato il cielo per anni, cercando di registrare la posizione, la distanza e i movimenti delle stelle. Con l’aiuto di Gaia, i ricercatori sono stati in grado di localizzare, studiare e dedurre l’età di 250.000 stelle subgiganti. “Con i dati di Gaia, possiamo determinare con precisione l’età di un subgigante”, ha affermato Maosheng Xiang, ricercatore dello studio. Armati dell’età precisa di un quarto di milione di subgiganti sparsi per la Via Lattea, i ricercatori sono stati quindi in grado di stabilire una linea temporale di come si è formata la Via Lattea.

disco spesso
Porta a una scoperta sorprendente. Perché l’analisi mostra che parte della Via Lattea conosciuta come il “disco spesso” iniziò a formarsi 13 miliardi di anni fa, appena 0,8 miliardi di anni dopo il Big Bang. Ed è inaspettato. Perché ciò significa che il disco spesso è di circa 2 miliardi di anni più vecchio di quanto si pensasse.

due fasi
L’analisi mostra che la formazione della Via Lattea può essere divisa in due fasi diverse. Nella prima fase, iniziata 0,8 miliardi di anni dopo il Big Bang, lo spesso disco iniziò a formare stelle. Questo processo accelerò due miliardi di anni dopo, quando una galassia nana si fuse con la Via Lattea. Questa “esplosione di formazione stellare” – causata dalla fusione – ha fatto sì che il nascente disco spesso formasse la maggior parte delle sue stelle e continuasse a formarsi fino all’esaurimento del gas circa sei miliardi di anni fa, dopo il Big Bang. Il disco sottile si è formato durante la seconda fase della formazione della Via Lattea.

READ  Cadono i nuovi contagi ma meno del previsto, 5 morti nella regione di Rimini

Nel complesso, il nuovo studio ci offre un quadro migliore del corso della nostra vita nella Via Lattea. Ciò significa che i presupposti di vecchia data, come quelli relativi all’età del disco adiposo, devono essere riconsiderati. E forse ci aspettano altre meravigliose scoperte. Perché un nuovo dataset Gaia è atteso per giugno. “Con ogni nuova analisi e set di dati di Gaia, siamo in grado di comprendere la storia della nostra Via Lattea in dettagli ancora più senza precedenti”, ha affermato il ricercatore Timo Prusti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *