Il James Webb ha dimostrato che il Big Bang non è avvenuto?

Il James Webb ha dimostrato che il Big Bang non è avvenuto?

Nelle ultime settimane, sono circolate voci secondo cui i cosmologi stanno “impazzendo” poiché le prime immagini scattate dal telescopio spaziale James Webb mostrano che il Big Bang non è mai avvenuto. Ma questo rapporto è corretto?

La teoria di il big Bang afferma che l’universo ha avuto origine circa 13,8 miliardi di anni fa da un enorme hotspot con una densità quasi infinitamente grande. Non è ancora chiaro perché o come sia successo, ma la teoria, ideata nel 1931 dal sacerdote e fisico belga Georges Lemaître, ha resistito bene alla prova del tempo. Per quasi un secolo, la teoria è stata utilizzata per spiegare una serie di fenomeni che si verificano nell’universo, con grande successo.

La maggior parte dei cosmologi concorda sul fatto che la teoria descriva ciò che è accaduto nella realtà. Tuttavia, non tutti sono d’accordo. Nelle scorse settimane è stato pubblicato un articolo in cui si affermava che le prime foto inviate da il James Webb sono stati fatti per dimostrare che la teoria era sbagliata. L’autore, Eric Lerner, afferma addirittura che le foto causano “panico” tra i cosmologi. Ma mentre approfondisci ciò che dice il ricercatore, diventa presto chiaro che semplicemente non ci sono prove per questo. Almeno secondo Don Lincoln, fisico del Fermilab, il più grande laboratorio americano di fisica delle particelle.

“Il Big Bang non è successo”

Lerner lo fa le vendicazioni in un articolo pubblicato l’11 agosto su L’Istituto delle Arti e delle Idee (IAI), un’organizzazione filosofica britannica. Nell’articolo, intitolato semplicemente “The Big Bang Never Happened”, lo scienziato spiega perché pensa che la teoria sia sbagliata, affermando che le foto scattate da James Webb stanno causando una diffusa preoccupazione tra gli scienziati.

READ  Colonna | La parola più difficile da pronunciare

Ma questo è fuorviante, Lincoln crede in a articolo dettagliato, in cui schiaccia le idee di Lerner. Sebbene sia dovere degli scienziati scavare e cercare costantemente per vedere se una teoria è corretta e per confutarla, qui non sembra essere il caso. Lerner cita (erroneamente) una serie di studi scritti da cosmologi nelle ultime settimane.

Ad esempio, il titolo dell’articolo a cui fa riferimento, in cui l’autore dice “Panico”, è semplicemente un gioco di parole su “Panico!” In discoteca’. Secondo quanto riferito, un’altra scienziata a cui si riferisce Lerner ha affermato che non riusciva a dormire perché si chiedeva se “tutto ciò che ho fatto è sbagliato”. La scienziata in questione, Allison Kirkpatrick, ha ripetuto più volte che Lerner aveva abusato della sua affermazione e che non stava affatto parlando del Big Bang.

In altre parole, gli scienziati che secondo Lerner sono in preda al panico non sono affatto in preda al panico, crede Lincoln. Ma non è un caso che Lerner faccia queste affermazioni. Questa non è la prima volta che Lerner afferma che il Big Bang non è accaduto. Ne ha anche scritto un libro nel 1991, con quasi lo stesso titolo dell’articolo pubblicato allo IAI.

Nel libro, Lerner offre una teoria alternativa secondo cui l’universo esiste per sempre. Per questo, attinge al lavoro del premio Nobel per la chimica Ilya PrigoGine, in cui descrive come l’ordine può emergere dal caos. Tuttavia, ciò contraddice la seconda legge della termodinamica, che afferma che un sistema non è in equilibrio finché non ha raggiunto la sua massima entropia.

READ  CLIMA DISTRUTTO, alta pressione Azzorre per anni nascosta, NON TORNERA'? »ILMETEO.it

Il libro è stato raso al suolo dalla maggior parte dei cosmologi e dei fisici. Lerner avrebbe commesso errori cruciali nelle sue interpretazioni e anche il suo modello alternativo sarebbe instabile.

Nel suo articolo, però, Lerner parla di una cultura della censura. Negli ultimi anni in particolare, la comunità scientifica non vuole più pubblicare articoli sulla teoria che il Big Bang non sia mai avvenuto. Parla di una “crisi” della cosmologia e chiama la teoria un “fallimento”. Lerner difenderà le sue opinioni in un dibattito che si svolgerà a settembre avrà luogo a Londra.

(jvdh)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *