‘Il modo più efficiente per distribuire i rifugiati in tutta Europa? Lascia che scelgano da soli’

Con la politica migratoria europea, dice Roberto Cortinovis, è come se l’intera guerra in Ucraina non avesse avuto luogo. Il ricercatore italiano sulla migrazione, affiliato al centro di studi di politica europea (CEPS) del think tank di Bruxelles, indica i 4,7 milioni di rifugiati ucraini che quest’anno sono stati accolti dai paesi europei. “È andata sorprendentemente bene. Ma non vogliamo imparare da questo quando si tratta di altri rifugiati”.

Per gli ucraini si applicano regole completamente diverse rispetto a siriani o afghani. Il primo gruppo può muoversi liberamente attraverso il continente, lavorare e vivere dove vuole. Altri rifugiati non sono autorizzati a lavorare fino a quando non hanno un permesso di soggiorno, possono solo registrarsi in uno Stato membro e soggiornare in un centro per richiedenti asilo. E mentre gli ucraini possono viaggiare in Europa in sicurezza, altri migranti attendono un viaggio pericoloso durante il quale subiscono regolarmente abusi da parte delle guardie di frontiera.

Il ricercatore sulla migrazione Roberto Cortinovis, affiliato al centro di studi di politica europea (CEPS) del think tank di Bruxelles.
Foto per gentile concessione del CEPS

I migranti non ucraini in Europa, che quest’anno sono circa 600.000, sono rifugiati di guerra e migranti economici. Questo secondo gruppo ha meno probabilità di ottenere un permesso di soggiorno rispetto al primo. Insieme, questi gruppi di migranti non ucraini stanno causando dall’estate un’atmosfera di crisi nei governi europei e nei centri candidati. Gli Stati membri stanno facendo tutto il possibile per ridurne il numero. Questo è un importante argomento di discussione per i ministri degli interni europei questo giovedì.

Oltre al numero di rifugiati, anche la loro distribuzione tra gli Stati membri è una questione spinosa. I paesi del sud come l’Italia e la Grecia sono i più sopraffatti dai rifugiati, ma l’Europa settentrionale e orientale si rifiuta di accogliere le persone. Un accordo di giugno per il reinsediamento di 10.000 boat people ha portato finora a non più di 100 collocamenti.

READ  Cristiano Ronaldo stregato da Pirlo: resterà alla Juve fino al 2022

Perché è così difficile per l’Europa concordare una politica migratoria basata sulla solidarietà?

Cortinovis: “Il problema è che non è nel loro interesse che gli Stati membri del nord e dell’est riformino la loro politica. Attualmente vige ancora la Convenzione di Dublino, la cui versione originaria risale al 1990. “Dublino” non riguardava la solidarietà. La convenzione mirava principalmente a identificare quale Stato membro è competente per i richiedenti asilo. In linea di principio, è il paese in cui entrano nell’Unione.

In tutta Europa, i partiti politici stanno giocando sulla paura dei rifugiati. Incoraggiare questa paura produce vantaggi politici

“Ma la convenzione non viene applicata. Gli stati di confine sono tenuti a registrare tutti i richiedenti asilo, ma non lo fanno. Questi richiedenti asilo si presentano quindi a uno Stato membro del nord, dopodiché il nord si lamenta che l’Europa meridionale sta trascurando il proprio dovere. Il sud, a sua volta, si sta pronunciando contro la mancanza di solidarietà del nord. Ed è così da anni, perché nessun nuovo accordo può essere raggiunto. Dublino è ipocrisia istituzionalizzata.

Cosa può imparare Bruxelles dal modo in cui sono stati accolti i rifugiati ucraini?

“Il caso degli ucraini dimostra che la libertà di stabilirsi dove si vuole è un modo efficace per ridistribuire i rifugiati tra gli Stati membri. Confrontalo con i siriani, che vengono criminalizzati quando si trasferiscono. Penso che la soluzione ucraina sarebbe anche molto più duratura per i siriani rispetto alla politica attuale.

La controargomentazione è che consentire ai siriani di viaggiare liberamente non è politicamente fattibile.

“Sì, e probabilmente ha a che fare con considerazioni razziali sottostanti. Ciò è stato particolarmente evidente in paesi come la Polonia e l’Ungheria, che vogliono pochi o nessun siriano all’interno dei propri confini. confini, ma sono aperti a centinaia di migliaia di ucraini, ma ci c’è anche poco appetito per la politica progressista nel Nord Europa.

READ  Storica sconfitta del Barcellona, ​​umiliato da 8 gol di un super Bayern che vola in semifinale di Champions League - la Stampa

Bruxelles è stata leggermente traumatizzata dai precedenti tentativi di sviluppare una politica migratoria solidale. È noto l’obbligo che l’UE ha imposto agli Stati membri dopo l’elevato numero di rifugiati nel 2015 di accogliere migranti dall’Italia e dalla Grecia. Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca hanno rifiutato categoricamente. Anche un condanna della Corte di giustizia europea non hanno cambiato idea. In parte a causa di quell’esperienza, dice Cortinovis, il Consiglio europeo è ora “riluttante a costringere gli Stati membri ad accettare qualcosa che è politicamente difficile nel proprio paese”.

Tuttavia, Bruxelles si è posta l’obiettivo di sviluppare una nuova politica migratoria entro il 2024 al più tardi. Qual è la probabilità che ciò accada?

“Il rischio di un tale ritardo è che riescano a raggiungere un accordo, ma che viola i diritti fondamentali dei migranti”.

È anche questo un fattore che i politici sembrano particolarmente noti con misure per tenere lontani i richiedenti asilo?

“Senza dubbio. In tutta Europa, i partiti politici stanno giocando sulla paura dei rifugiati. Promuovere questa paura porta un guadagno politico. Io chiamo questo strumentalizzare il tema della migrazione. Naturalmente, la migrazione è anche una vera preoccupazione per gli elettori. Ma se tu ascoltando la retorica del premier italiano Giorga Meloni e del suo ministro Matteo Salvini, a volte è come se l’Italia fosse sotto la pressione esistenziale dei boat people, e questo mentre quest’anno sono arrivati ​​90.000 rifugiati, in un paese di 59,3 milioni di persone, che rappresentano 0,15% della popolazione.

Leggi anche: La ricerca indica “centri di detenzione illegale” per migranti in Bulgaria, Ungheria e Croazia

READ  Usa: da oggi impeachment contro Trump per incitamento alla rivolta, ma il verdetto preoccupa Biden

Ma come risponde ai politici che invocano l’argomento che i cittadini non aspettano i richiedenti asilo?

“Se i cittadini non lo vogliono, vuol dire che possiamo abolire le regole? Che dire dello stato di diritto e della democrazia liberale, che hanno caratterizzato l’identità europea sin dalla seconda guerra mondiale? A volte senti un appello per legalizzare i respingimenti per tenere fuori i richiedenti asilo. Ma il diritto di asilo è una pietra miliare dei diritti umani. Le persone hanno il diritto di essere ascoltate prima di essere rimandate in una situazione potenzialmente pericolosa. A questo non si può rinunciare.

In Canada, ogni anno viene fissato un obiettivo per il numero di migranti, in parte basato sulle esigenze del mercato del lavoro. È possibile qualcosa di simile in Europa?

“Ammiro alcune parti del sistema canadese, ad esempio gli sforzi compiuti per integrare con successo i nuovi arrivati. Ma vedete che i sostenitori di questa politica a volte opportunamente trascurano il fatto che il Canada in realtà seleziona i rifugiati in base ai loro bisogni umanitari. La selezione dei migranti non dovrebbe mai essere una scusa per abolire il diritto di asilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *