Il post coronavirus? Lo psichiatra Gosio: “Non sarà dopoguerra, ma dovremo ribaltare tutte le prospettive”

Notizie | di Matteo Gamba |



Stiamo parlando con la psichiatra e psicoterapeuta Nicoletta Gosio del prossimo periodo, si spera il prima possibile. Tra rischi di shock, nuovi margini e nuovi danni psicologici per la fine della paura e il ritorno della socialità. Ma anche nuove opportunità: ecco come non perderle

“Quando l’emergenza pandemica e le serrate svaniranno, ci saranno nuovi rischi di danno psicologico ma anche nuove opportunità per ripensare la nostra vita. Possiamo e dobbiamo farlo solo capovolgendo molte prospettive ”.

Con il psichiatra e psicoterapeuta Nicoletta Gosio parliamo del prossimo periodo, si spera prima piuttosto che poi. Ad aprile abbiamo sentito parlare delle possibili ricadute della vita in quarantena, nell’intervista che trovate clicca qui, ora ci concentriamo sul “dopoguerra”: “Devo dirlo Non mi piace molto la metafora della guerra; i bombardamenti, le case e le famiglie distrutte, la fame, l’orrore dei combattimenti, non credo, sono paragonabili a quello che, nonostante la sua drammaticità, stiamo vivendo ”.

Come affrontare questo “dopo”?
“Molto dipenderà, anche in termini di effetti psicologici, dalle risposte che verranno date a tanti altri livelli, economico, istituzionale, sociale. Insieme, e prima ancora, dalla nostra capacità di chiedere le cose giuste, senza inseguire privilegi e aspettative di magici propositi. Ci saranno sicuramente, e in parte già ci sono, manifestazioni di sofferenza. Ma dobbiamo prima distinguere le difficoltà concrete, il dolore e i quadri clinici reali. Guardo con perplessità agli interventi generalizzati, come l’apertura di “ punti di ascolto ” alla pioggia, che rischiano di alimentare la passività e l’infantilizzazione, piuttosto che costruire alleanze con forza e fiducia nelle proprie risorse di fronte a nuove difficoltà e sfide. Tra l’altro, con la cosiddetta terapia di massa e il troppo facile ricorso alla diagnosi precoce, che può essere di moda, le caratteristiche dei singoli casi possono andare perdute. Ma dobbiamo sempre fare distinzioni ”.

READ  Clima marchigiano, ancora caldo poi piove: quando arriva - Cronaca

Il quale?
“Prima di tutto, il diversi livelli di sofferenza a cui sei stato esposto. Ad esempio, tra gli operatori sanitari, coloro che si sono ammalati o hanno perso una persona cara a vantaggio di Covid e della popolazione in generale. Poi ci sono quelli che sono ancora più propensi ad affrontare la post-pandemia ”.

Di chi stiamo parlando?
“Di persone più fragili. Coloro che in precedenza avevano disturbi psicologici o psichiatrici, disabilità o difficoltà di relazione possono trovarsi ancora più lontani. In questi casi, pandemie e blocchi amplificano i problemi già presenti ”.

E i giovani?
Conosciamo il disagio giovanile da decenni, ma ci sono molti malintesi su questo tema. È una domanda che in realtà riguarda tutti, compreso il mondo degli adulti con i modelli di ruolo e i messaggi che la nostra cultura – o non cultura – trasmette. Anche in questo caso bisogna insistere sulla capacità di reagire, di credere in se stessi e di affrontare il nuovo mondo. Può essere il momento giusto per dire addio a questa fragile ipertrofia dell’io troppi bambini sono cresciuti con esso ”.

Durante questo periodo, la tossicodipendenza è aumentata.
“Sì, un problema enorme, ancora mal risolto. L ‘abuso di droghe, alcol e psicotropi come fuga dalla fatica, dalla paura di affrontare il mondo e di stare con se stessi, è facile che si accentui ”.

Altre aree di rischio?
“Disturbi correlati aansia sembrano essere aumentati. Cresce il numero dei suicidi, con previsioni allarmanti, così come i rischi la depressione sono considerati alti. Ma la depressione è un termine sciolto, un grande contenitore. Eviterei di lanciarmi in stime pessimistiche. Piuttosto, va sottolineato che la vera prevenzione sta andando alla radice di molti di questi problemi, che spesso hanno ragioni economiche e sociali più che mentali. Dobbiamo prestare attenzione nuove disuguaglianze: Molti disturbi sono accentuati in quanto vi sono gruppi deboli di povertà e isolamento. Tutto, ripeto, dipenderà dalla nostra reazione: disagio, sofferenza e malanni ci hanno accompagnato prima ”.

READ  La psicologia del colore, cosa rivela sulla tua personalità

Anche “tornare in vita prima” è in discussione?
“Sì, la maggior parte delle difficoltà incontrate nell’affrontare la crisi attuale sono una conseguenza della “ vecchia vita ” e anche tratti psicologici e culturali perniciosi che hanno preso piede, per lo più di natura narcisistica, che di certo non ci hanno aiutato a sentirci felici oa stare bene con gli altri. Forse possiamo organizzarci modalità diverse e migliori, con meno requisiti e più coerenza con gli aspetti fondamentali dell’esistenza. Con la gradualità che sarà necessaria e compatibile con l’evoluzione della crisi. Anche da lì, senza impegnarci nella “frenesia” delle riunioni, o tentare di eludere le regole della prudenza, si comincia a misurare un possibile cambio di registro “.

Insomma, il “dopo” è un’opportunità.
“Stabilire rapporti con gli altri verso un maggiore rispetto reciproco e una maggiore tolleranza. Dopo aver perso gran parte della nostra socialità, sarebbe bene trovarne una, forse più sana, meno segnata dall’egoismo e dalla superficialità.. Un’utopia, forse, ma per la quale vale la pena impegnarsi. Perché la speranza non basta “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *