Il settore dell’aviazione punta a zero emissioni nette di gas serra entro il 2050, reazioni al piano contrastanti

Il settore dell’aviazione punta a zero emissioni nette di gas serra entro il 2050, reazioni al piano contrastanti

Il segretario ai trasporti del Regno Unito Anne-Marie Trevelyan ha persino parlato alla BBC di una “pietra miliare storica”: la Gran Bretagna è stato uno dei primi paesi a includere le emissioni dell’aviazione nei suoi obiettivi climatici nazionali. Alla conferenza sul clima dell’anno scorso, hanno fatto una campagna per bagnare il settore dell’aviazione con la creazione del Ambition Climate Aviation Coalition.

Ma l’accordo non contiene obiettivi specifici per paesi o compagnie aeree. “Il lavoro non è finito”, ha affermato Mark Brownstein dell’Environmental Defense Fund. Alcuni gruppi climatici lo vedono positivamente e credono che potrebbe portare rapidamente a combustibili più rispettosi del clima per gli aerei. Ma avvertono che sarà difficile trattenere e “spingere” i paesi.

L’intenzione è, tra l’altro, di allontanarsi dal cherosene come combustibile e di lavorare maggiormente con i biocarburanti a base di grassi, piante o energie rinnovabili. L’industria aerea statunitense è soddisfatta dell’accordo, ma definisce “ambiziosa” la scadenza del 2050. Vuole agire in fretta per carburanti più rispettosi del clima, ma non dice una parola sul volare di meno.

READ  Addio al fotografo Paolo Gallo: aveva 62 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *