Il voto VVD rimane molto buono |  Interno

Il voto VVD rimane molto buono | Interno

Questo non dovrebbe rovinare il divertimento. È un’atmosfera di festa vecchio stile alla serata dei risultati del Liberal, come se il corona non fosse mai accaduto. “In una fabbrica di birra. È ancora il VVD, non è vero “, ha detto raggiante il responsabile della campagna Thierry Aartsen, birra speciale alla mano, prima dei primi exit poll.

Il birrificio De Prael a L’Aia è una combinazione di politici locali della fazione dell’Aia, membri del VVD e qua e là un noto volto nazionale. Il leader del VVD Mark Rutte ride ampiamente tra i membri e posa qua e là per un selfie con i presenti.

guerra ombra

Il presidente del partito ad interim Onno Hoes dà il via alla serata. La guerra in Ucraina sta gettando un’ombra su queste elezioni, deve ammettere Hoes. “Molte cose che volevamo fare, non le abbiamo fatte, per rispetto delle persone che stanno attraversando un momento difficile. Per rispetto dei profughi ucraini. Ma indipendentemente dal risultato, abbiamo eliminato tutto dalla campagna”, afferma Hoes, accogliendo il responsabile della campagna Aartsen tra gli applausi dei presenti. “Nessun problema. Presto le persone davvero importanti avranno voce in capitolo”, scherza.

“Torniamo ad essere di nuovo fianco a fianco” è stato l’appello con cui il leader del VVD, Mark Rutte, ha lanciato la campagna per le elezioni comunali. “Siamo ancora un paese fantastico, un paese dolce”. Era un riferimento alla crisi del corona, in cui la polarizzazione ha prevalso sempre più durante la partita finale. Ma ora che la pandemia è quasi dichiarata finita e la guerra in Ucraina incombe, Rutte sembra più a suo agio ora che può assumere il suo ruolo di “statista”.

READ  Bollo auto 2021, chi non lo deve pagare e chi ha diritto al rimborso

Tuttavia, le cose non sono andate esattamente lisce per il VVD nei mesi precedenti le elezioni comunali. Rutte ha ricevuto critiche diffuse per essere stato con Jinek all’inizio della campagna, mentre il leader russo Putin ha riconosciuto le regioni ucraine di Donetsk e Luhansk come “indipendenti” in quel momento. L’inizio della guerra in Ucraina.

Rivolta Soumaya Sahla

La recente rivolta che circonda l’appartenenza al partito e le attività dell’ex membro della cellula terroristica del gruppo Hofstad Soumaya Sahla sono anche impresse nella memoria di molti all’Aia per il VVD. Il leader del PVV, Geert Wilders, è riuscito a realizzare un intelligente profitto politico e ne ha parlato più volte con Rutte, sia in interrogazioni parlamentari che durante un dibattito sulla dichiarazione del governo.

La presidente del partito Sophie Hermans è stata determinante in questo. Parlando apertamente dei suoi dubbi e della sua “lotta” per la posizione di Sahla all’interno del suo partito, Hermans ha inconsapevolmente alimentato di nuovo la rivolta a febbraio. Questo alla fine ha portato Sahla a rinunciare alla sua posizione di consigliere nel VVD.

Ci sono anche critiche da vari lati delle espressioni di Hermans, che ha un talento per enfatizzare ciò che è giusto invece di riflettere su ciò che è sbagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *