Rafforzare la salute mentale dei bambini in modo scientificamente supportato

Rafforzare la salute mentale dei bambini in modo scientificamente supportato

“Attraverso i nostri anni di esperienza, stiamo sviluppando strumenti per aiutare professionisti, bambini e genitori ad aumentare la resilienza dei bambini. Con le nostre diverse linee di ricerca, siamo al passo con i tempi”, afferma Minne Fekkes, professore incaricato di abilità sociali e resilienza presso UvA e ricercatore presso TNO.

Un bambino resiliente trova la sua strada migliore nella società e nella vita adulta. La resilienza ha grandi benefici sia per il bambino, che rimette in carreggiata la propria vita, sia per la società. I bambini resilienti sono meno colpiti dalle battute d’arresto che incontrano, come problemi fisici e psicologici, paure, immagine di sé negativa o comportamenti inappropriati. Adattarsi e risolvere questi problemi più tardi nella vita è spesso complesso, come dimostrano i problemi del sostegno ai giovani.

Importanza della ricerca basata sull’evidenza

“C’è molto da fare nell’area del sostegno alla salute mentale dei bambini, ma sfortunatamente non tutti i programmi di intervento sono basati sulla scienza. Pertanto, le informazioni sull’efficacia e l’efficienza di questi interventi sono limitate. È importante avere esperienza pratica con la ricerca scientifica. Inoltre, è importante che un programma sia composto da elementi che si sono dimostrati efficaci, al fine di promuovere realmente la salute mentale ed evitare sprechi di tempo e denaro.

Un intervento deve anche soddisfare i bisogni dei bambini a cui è destinato (ad esempio, in termini di età o background). Abbiamo le conoscenze e l’esperienza per sviluppare interventi basati sull’evidenza che siano efficaci nel migliorare la resilienza dei bambini e adattati alle esigenze degli utenti (finali). In questo caso, gli utenti sono professionisti e insegnanti, ma anche genitori e i bambini stessi”, spiega Fekkes, che terrà la sua conferenza inaugurale il 17 maggio 2023, dal titolo “Rafforzare la resilienza dei giovani. La chiave della felicità?‘, pronunciato.

READ  Come i criminali informatici hanno bloccato la nostra visione del cosmo per mesi

Sostieni la salute mentale, il divorzio…

Vari argomenti su cui lavora TNO includono il bullismo, lo stress degli studenti, le abilità sociali e la resilienza dopo il divorzio. “Tutti i bambini dovrebbero poter crescere in modo sicuro, sano e promettente. Le grandi esperienze dell’infanzia come il divorzio possono avere un impatto importante su questo. Per questo lavoriamo da 15 anni sul sostegno preventivo ai bambini di diverse fasce d’età (tra cui le Tartarughe Stoere 4-6 anni, i 6-8 anni di Dappere Dino), ma anche sul sostegno alla genitorialità dopo il divorzio (ad esempio Divorzio ATLANTE). I genitori svolgono un ruolo importante quando si tratta della salute mentale dei propri figli. Ecco perché stiamo cercando un modo per sostenere una genitorialità positiva.

Inoltre, con il consorzio “Support (step)parenting in blended families”, ci concentriamo sullo sviluppo di un quadro teorico per la genitorialità acquisita, promuovendo competenze per i professionisti che lavorano con famiglie miste e un adeguato orientamento a bassa soglia per le famiglie miste”, afferma Klein Veldermann.

… alle molestie

TNO sviluppa interventi antibullismo da oltre 20 anni. “NOSTRO Approccio PRIMA è un approccio scolastico riconosciuto e raccomandato per prevenire e ridurre il bullismo nelle scuole elementari. Laddove le nostre conoscenze e linee di intervento nell’area del divorzio e del bullismo sono già estremamente solide, cerchiamo di ampliare e indagare quali componenti efficaci possano essere utilizzate anche in altre situazioni “, afferma Fekkes .

Connettiti agli eventi attuali

Lo stress tra gli studenti è un argomento che fa sempre più notizia. “La pressione sugli studenti sta aumentando, il che è preoccupante. Presto inizieremo il programma Lezioni di mentoring sullo stress valutazione con 6.000 studenti. Molte scuole hanno voluto partecipare, il che la dice lunga anche sull’urgenza di questo tema. Inoltre, abbiamo sviluppato competenze sociali e formazione sulla resilienza, chiamata psicoeducazione, per i bambini che possono usare una mano amica, ma possono anche essere usati con un’intera classe. Anche qui abbiamo studiato attentamente in anticipo cosa funziona e cosa no.

READ  Nel Limburgo: Mental Health Limburg collega 18.000 Limburger con uno psicologo delle cure primarie (22 giugno 2022)

La formazione mirata con esercizi pratici e il lavoro con esercizi incentrati sulla cognizione si sono dimostrati efficaci. Tuttavia, le tecniche psicofisiche, in cui la fiducia negli altri viene praticata durante gli esercizi fisici, ad esempio, hanno mostrato scarso effetto”, afferma Fekkes.

In collaborazione con le parti interessate

“Siamo il coordinatore e partner importante nella ripresa Workshop Regionale Giovani Insieme Conoscenza, in cui professionisti del settore, della politica, della ricerca e dell’istruzione, nonché genitori e giovani esperti affrontano i problemi sociali regionali. Con l’obiettivo di contribuire alla crescita sana, sicura e promettente di bambini e giovani. Questo è esattamente ciò che facciamo in tutte le nostre ricerche; riunire le parti interessate pertinenti per arrivare a soluzioni basate sulla scienza e orientate alla pratica”, afferma Klein Velderman.

vicino e lontano

I primi 1000 giorni di un bambino sono cruciali per il suo sviluppo, la sua salute e il suo benessere per tutta la vita. All’interno del più ampio programma di Centering, particolare attenzione è riservata anche alla salute mentale. “Inoltre, non stiamo guardando solo ai Paesi Bassi. Ad esempio, il programma Build your own Buddy (BoB) sviluppato da TNO è stato utilizzato per sviluppare la resilienza e la regolazione delle emozioni nei bambini del Sud Sudan. Per tutti gli argomenti e gruppi target, esaminiamo la forma e l’intensità più adatte. Ad esempio, a volte una forma di gruppo può funzionare meglio, in altri casi il supporto individuale”, afferma Klein Velderman.

Sfida

“Sembra esserci un aumento dei problemi mentali tra i bambini. Dovremo anche cercare le cause. Continueremo inoltre a fare del nostro meglio per identificare cosa funziona e per chi. È importante assicurarsi che il supporto disponibile corrisponda al gruppo target pertinente e che ogni gruppo target venga raggiunto, ci sono sempre vantaggi da ottenere lì, ritiene Klein Velderman.

READ  I temporali stanno arrivando, le temperature scenderanno bruscamente a metà della prossima settimana

“Fortunatamente ci sono anche sviluppi positivi. Il bullismo è diminuito in tutto il paese. È quindi utile utilizzare la formazione antibullismo. Continuiamo a investire in esso e concentriamoci su un sostegno efficace per i bambini, in tutti i settori”, conclude Fekkes.

Sei interessato a saperne di più sul nostro lavoro nella salute mentale dei bambini e/o a lavorare con noi? Quindi per favore contattaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *