Intel sta negoziando con l’Italia per un’ulteriore fabbrica di chip europea

Intel e il governo italiano sembrano vicini al raggiungimento di un accordo per una fabbrica di chip italiana. La creazione della fabbrica di chip costerebbe quasi 5 miliardi di dollari.

Intel sembra essere di buon umore per l’Europa, poiché il produttore di chip sembra essere in trattativa con il governo italiano per un’ulteriore fabbrica di chip europea. chi segnala Reuters. Il progetto ha un prezzo di circa 5 miliardi di dollari. Per finanziare il progetto, il governo italiano sta aiutando, è pronto a sostenere il 40 per cento dei costi.

L’Italia è da tempo interessata alla propria fabbrica di chip. Per questo, il paese sta cercando di attirare i giganti dei chip investendo. I piani dell’Italia risalgono all’inizio di quest’anno, quando Intel aveva già un punto d’appoggio in Europa. Non sorprende, quindi, che i piani mirassero principalmente ad attirare Intel e il gigante dei chip ora sembra essere interessato anche al montepremi italiano.

leggi anche

“Le fabbriche di chip sono i nuovi giacimenti petroliferi”: Von der Leyen e Gelsinger delineano le ambizioni dell’UE

fabbrica di processori

La fabbrica si concentrerebbe principalmente sulla produzione di processori, attraverso un processo basato sulla tecnologia dei chip. Un processore verrebbe quindi costituito da diversi wafer semiconduttori o “tessere”, che vengono assemblati.

Al momento non si parla di questa fusione, tutte le parti si trovano su un piatto comune. Le pratiche attuali che portano a tale elaboratore presentano quindi l’inconveniente che l’intero elaboratore deve essere ammortizzato in caso di guasto di una parte dell’elaboratore.

I piani per una fabbrica di chip italiana devono ancora essere confermati da Intel o da qualsiasi politico italiano.

READ  sarà davvero un'ESTATE CALDA? ANTICIPO VACANZE »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.