Isolare i talebani sarà molto difficile

La scorsa settimana, giorni prima che i talebani entrassero a Kabul e il completamento della riconquista dell’Afghanistan, l’alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera, Josep Borrell, ha affermato che se il gruppo islamista radicale prendesse il potere con la forza dovrebbe affrontare “Isolamento e mancanza di sostegno internazionale”. Dopo la caduta di Kabul, l’amministrazione statunitense di Joe Biden iniziò a mettere in atto questo isolamento, blocco dei fondi del governo afghano che dipendono dalle banche americane e cercando di evitare l’invio di aiuti economici pianificati dal Fondo Monetario Internazionale prima della conquista.

Isolare diplomaticamente l’Afghanistan dominato dai talebani sarà sempre molto difficile, se non impossibile. Il gruppo è diventato più esperto politicamente di quando ha governato per la prima volta il paese oltre 20 anni fa, e in particolare molti altri governi, dalla Cina alla Russia, hanno sviluppato interessi di ogni tipo per stabilire una relazione o almeno per “aprire una catena “. comunicazione con il prossimo governo dell’Afghanistan.

Questo potrebbe consentire ai talebani di godere in futuro di un qualche riconoscimento e persino di un sostegno internazionale, ma non è ancora detto: anche i paesi che sono stati più aperti sono ancora molto sospettosi nei confronti del gruppo islamista radicale.

Quando i talebani governarono per la prima volta il paese, tra il 1996 e il 2001, l’Afghanistan era eccezionalmente isolato a livello internazionale: come ha ricordato ioEconomista, ha beneficiato solo del riconoscimento di tre stati, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Pakistan, che hanno subito tagliato tutti i legami dopo gli attentati di New York e Washington dell’11 settembre 2001, fatto da al-Qaeda ma organizzato in Afghanistan.

Mentre si preparavano a riconquistare il Paese, i talebani hanno lavorato duramente per evitare di ritrovarsi nello stesso stato di isolamento. Dal 2012 hanno un ufficio di rappresentanza politica a Doha, in Qatar, e nel corso degli anni hanno intrattenuto relazioni diplomatiche con diversi Paesi – tra cui gli Stati Uniti, durante i negoziati dell’Accordo di pace di Doha, ora considerato uno dei maggiori errori del governo degli Stati Uniti nella gestione della guerra in Afghanistan.

READ  terapia intensiva al collasso

Non è stato fino a luglio che i rappresentanti dei talebani hanno avuto incontri con il governo russo a Mosca e con quello del Turkmenistan ad Ashgabat, la capitale del paese. Li avevamo affittato da Iran avere un dialogo di pace con il governo afghano dell’epoca (non andò molto bene, a quanto pare) e soprattutto avevano un incontro di alto livello con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

Da tempo, e soprattutto dopo la conquista, anche i talebani hanno iniziato a presentarsi come una forza più moderata e ragionevole, pronta a governare il Paese in modo equo ea mantenere pacifiche relazioni internazionali, come hanno cercato di dimostrare. durante la loro prima conferenza stampa dopo la presa di Kabul.

Le promesse di pacificazione dei talebani in patria e all’estero devono essere mantenute con un po’ di scetticismo, ma nonostante ciò, diversi Paesi hanno mantenuto aperte le loro ambasciate a Kabul, e hanno espresso la loro disponibilità ad avviare un dialogo diplomatico con il nuovo governo, a determinate condizioni.

I più importanti sono Russia e Cina. Entrambi sono avversari strategici dell’Occidente, e hanno accolto con malcelata soddisfazione (soprattutto da parte cinese) l’umiliazione degli Stati Uniti, costretti ad abbandonare frettolosamente la loro ambasciata e ancora impegnati in un operazione di evacuazione complicata e caotica da Kabul. Nei giornali cinesi, il ritiro dall’Afghanistan è stato ampiamente citato negli ultimi giorni come prova del declino dell’America.

La Cina condivide un piccolo confine con l’Afghanistan, ed è particolarmente interessata ad acquisire maggiore influenza nel cosiddetto “Wakhan Corridor”, una lunga striscia di terra in Afghanistan che collega Cina, Afghanistan, Pakistan e Tagikistan, e che quindi ha un valore significativo. strategico. La Russia, invece, ha un interesse storico per le varie repubbliche ex sovietiche che si trovano ai suoi confini meridionali, e che confinano in gran parte con l’Afghanistan: il 17 agosto, due giorni dopo la conquista di Kabul, l’ambasciatore russo Dmitry Zhirnov era il primo diplomatico internazionale a incontrare i rappresentanti dei talebani nella capitale afghana.

I due Paesi hanno quindi buone ragioni per mantenere i rapporti con il governo afghano – soprattutto ora che si è liberato dall’influenza americana – e per includerlo, in una certa misura, nelle rispettive sfere di influenza. Ciò non significa necessariamente, come abbiamo letto nei giorni scorsi, che il “vuoto” lasciato dagli Stati Uniti consentirà alla Cina o alla Russia di dominare l’Afghanistan o di esercitare un’influenza eccezionale sul Paese. .

READ  Inter - Chiffi si confonde nel 2 ° T: su Lautaro un rigore. Marchizza-Lukaku, doppio errore

Questo sia perché, come abbiamo visto negli ultimi vent’anni di occupazione americana, dominare l’Afghanistan non è affatto facile, sia perché sia ​​la Cina che la Russia hanno motivo di guardarsi dai talebani. Entrambi i Paesi hanno seri problemi con il fondamentalismo islamico, di cui i talebani sono patrocinatori da decenni, e stentano a fidarsi delle rassicurazioni che gli sono state date di recente.

In particolare, la Cina, che detiene più di un milione di musulmani uiguri nei campi di prigionia nella regione occidentale dello Xinjiang, ha ottenuto assicurazioni dai talebani che diversi gruppi di insorti uiguri non utilizzeranno l’Afghanistan come base per lanciare attacchi (ma anche gli Stati Uniti avevano ricevuto assicurazioni simili poco prima dell’attacco alle Torri Gemelle nel 2001).

Un altro Paese che non ha mai veramente interrotto i rapporti con i talebani, e che quasi sicuramente li manterrà anche ora che hanno conquistato l’Afghanistan, è il Pakistan, il cui governo, e soprattutto l’esercito, che ha un’enorme influenza sulla gestione del Paese, ha sempre mantenuto un rapporto di doppiezza: pur essendo ufficialmente alleato degli Stati Uniti, il Pakistan non ha mai smesso di aiutare e dare rifugio ai talebani sul suo territorio durante gli anni dell’occupazione americana.

Dopo la caduta di Kabul, il primo ministro pakistano Imran Khan ha elogiato il popolo afghano per “aver spezzato le catene della schiavitù”. È quasi certo che il Pakistan manterrà uno stretto rapporto con il governo talebano, anche perché i militari considerano l’Afghanistan un territorio strategico in caso di conflitto con l’India, sulla base di una dottrina nota come “profondità strategica”.

Nonostante ciò, negli anni il Pakistan ha pagato a caro prezzo il suo sostegno ai talebani: tra il 2002 e il 2016, circa 20.000 civili pakistani sono morti in attacchi terroristici da parte dei talebani pakistani, il cui gruppo si chiama Tehrik-i-Taliban. e spesso in contrasto con quello dei talebani afghani, ha legami comuni con vari altri gruppi terroristici, ad esempio al-Qaeda.

READ  Minacce senza vax su Di Maio, Salvini e Meloni: "Traditori"

L’Iran ha anche salutato il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan, sebbene i talebani siano un gruppo fondamentalista sunnita, mentre l’iraniano sia un regime sciita. Ebrahim Raisi, il nuovo presidente, ha celebrato la “sconfitta” degli Stati Uniti, ma secondo ilEconomista Paese è in pericolo dal regime talebano: il governo teme che, come accaduto 20 anni fa, l’Afghanistan riprenda ad esportare illegalmente eroina a buon mercato, e che i talebani inizino a perseguitare la minoranza sciita Hazara, cosa che potrebbe causare un’ondata di profughi in Iran.

Diversi altri paesi, come la Turchia e alcune ex repubbliche sovietiche, hanno accolto con favore le promesse di ragionevolezza dei talebani e potrebbero avviare relazioni diplomatiche con i loro regimi in futuro. Anche l’India, che in quanto nemica del Pakistan si oppone ferocemente ai talebani, questo aprirebbe un canale di comunicazione informale con loro, almeno secondo i media locali.

L’Occidente è abbastanza unito da rifiutare qualsiasi contatto formale con il nuovo regime afghano, ma molto dipenderà dalla capacità dei talebani di rafforzarsi al potere. Se i talebani possono restare al governo – come sembra probabile, vista l’assenza, almeno per ora, di una forza che potrebbe minacciare il loro dominio – mantenere il completo isolamento rischia di diventare sempre più difficile. Nel Regno Unito, ad esempio, sebbene il primo ministro Boris Johnson abbia affermato che “non vogliamo che nessuno riconosca i talebani bilateralmente”, il ministro degli Esteri Dominic Raab riconosciuto che “dobbiamo essere pragmatici” perché i talebani “ora sono al potere e dobbiamo fare i conti con questa realtà”.

Anche Borrell, nonostante abbia minacciato l’isolamento e nonostante sia scettico sulle promesse di moderazione dei talebani (“Si somigliano ancora, ma parlano meglio l’inglese”), Egli ha detto dopo la conquista bisognerà trovare un modo per aprire un dialogo con loro: “Dobbiamo metterci in contatto con le autorità di Kabul… chiunque esse siano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *