Perché le elezioni italiane sono così importanti per il resto d’Europa

Nello speciale radiofonico unico, Eveline Rethmeier parla con la consulente italiana del CDA Miriam Frosi, lo storico ed esperto italiano Arthur Weststeijn e l’ex corrispondente in Italia Jarl van der Ploeg. Alla vigilia di una delle elezioni italiane più importanti degli ultimi decenni, gli esperti analizzano il successo di Giorgia Meloni ed esprimono le loro aspettative per il giorno delle elezioni a venire.

vittoria a destra

Se i sondaggi saranno buoni, ci sarà una grande vittoria della destra in queste elezioni italiane. Un italiano su quattro dovrebbe votare Giorgia Meloni. “Non sorprende che vinca la destra”, afferma lo storico Weststeijn. «Perché in Italia prevale da trent’anni la destra. Ma ciò che sorprende è che Meloni abbia scavalcato gli altri grandi partiti di destra. E mi sorprende che Meloni abbia tanto successo.

Secondo Frosi, Meloni fornisce un’inclinazione intelligente nella sua performance. “Lei è la leader di un partito di estrema destra. Ma si è leggermente ammorbidito durante le elezioni. Penso che sia molto intelligente.

Meloni è un lupo

Anche gli altri esperti italiani al tavolo di Eveline vedono il passaggio a un approccio più soft di Meloni. “Sospetto che stia imbiancando le sue idee marroni. Se vuoi sembrare degno di un primo ministro, è importante che cerchi di fare appello a quante più persone possibile e che i tuoi potenziali partner in Europa ascoltino un suono moderato”, afferma il giornalista Van der Ploeg. «Ma faccio fatica a giudicare se sta dicendo la verità o se è un lupo travestito da pecora, che finge di andare d’accordo con altri politici italiani, e si toglie il cappotto quando è al potere e mostra i suoi veri colori. . “

READ  Trionfo in Nazionale, Mancini e Vialli contro l'Inghilterra: lacrime incontenibili

Weststeijn: “Ora per Meloni è particolarmente importante mantenere buoni rapporti con l’Unione Europea. Ha molto da guadagnare dalle buone relazioni con Bruxelles, Parigi e Berlino, a causa dei miliardi che si riversano per il fondo di stimolo della corona. Penso che questo spieghi anche perché ora adotta un atteggiamento molto moderato, soprattutto nei confronti del mondo esterno: capisce benissimo che è nell’interesse dei suoi sostenitori portare questo denaro e distribuirlo alla popolazione. Il secchione conclude: “Lei è opportunista e astuta e in una certa misura un lupo, e nemmeno travestito da pecora, ma penso solo un lupo travestito da lupo. Quando anche Jaar lo sente, noti che è molto feroce e mostra il dorso della lingua, ma non credo che guadagnerebbe affatto forzando una pausa in Europa”.

Futuro

Frosi non teme una vittoria della destra in patria: “Non dobbiamo dimenticare che la Chiesa cattolica in Italia ha molta influenza. Le questioni etiche sono quindi percepite in modo diverso dall’elettore italiano. Quindi sono molto felice che il papa accetti gli omosessuali e pensi che le persone possano essere se stesse. Conclude Frosi: “Ma allo stesso tempo temi come l’aborto e l’eutanasia sono trattati in modo molto conservativo da Meloni”.

E secondo Weststeijn non bisogna dimenticare: “Ogni cinque o dieci anni hai un nuovo flautista che fischia una melodia allegra e che gli italiani seguono. È stato lo stesso con Berlusconi, la gente credeva nelle sue promesse. Ma il problema è che queste promesse non vengono mai realmente mantenute. Era vero per il governo Berlusconi, era vero per il Movimento Cinque Stelle, e senza dubbio sarà vero anche per il governo Meloni. Ma questo provoca frustrazione nell’elettore: “Sono ingannati ogni volta”.

READ  Tonali, capolavoro milanese per un centrocampista mozzafiato. Strategie dell'Inter

Ed è qui che sta il successo di Meloni, vede Van der Ploeg: “Quando vedi Meloni in azione, vedi che ha un talento enorme nell’esprimere quel dispiacere e penso che sia questo il motivo del suo successo. . Se sei in grado di esprimere al meglio il tuo dispiacere, puoi vincere le elezioni del 2022 con numeri enormi.

Corona

Il nuovo governo deve affrontare diverse sfide. Ad esempio, l’Italia ha ancora cicatrici significative dalla crisi della corona. “Meloni vorrebbe rinegoziare le riforme che l’Italia deve attuare. Ma non credo che la sua politica significherà una rottura importante con la politica di Draghi”, ha detto Weststeijn.

Un altro problema che deve affrontare l’Italia è la cosiddetta “fuga di cervelli”; un gran numero di giovani studiosi italiani ha lasciato l’Italia per lavorare in un altro paese. Frosi: “Circa 50mila ‘cervelli’ lasciano l’Italia ogni anno. E il 40% di questi 50.000 ha tra i 18 ei 34 anni. È un fatto molto triste, ma le persone se ne vanno perché non trovano un lavoro adatto in Italia. Ad esempio, dietro al banco in Italia ci sono persone altamente qualificate, non c’è collegamento tra università e aziende e, ultimo ma non meno importante, negli altri paesi europei percepiscono uno stipendio più alto del 55%”, spiega Frosi.

giorno delle elezioni

In attesa delle votazioni italiane, Frosi prevede che: “Il 25% andrà sicuramente alla Meloni e chissà sarà la nostra prima Presidente del Consiglio donna. Ma la festa più grande resta quella delle persone che stanno a casa. Persone che non hanno fiducia nella politica e che preferiscono non votare perché non sanno più cosa scegliere.

READ  Iraq: la coalizione lancia razzi a Erbil, un imprenditore deceduto - Ultima Ora

“E penso che la durata del periodo in cui il governo siederà sarà particolarmente eccitante. È sempre la questione delle elezioni italiane. Se questo è il primo governo in Europa con radici neofasciste, quanto dureranno? si chiede Van der Ploeg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.