Jumbo cede alla minaccia del contadino Jos e rimuove l’annuncio

Jumbo cede alla minaccia del contadino Jos e rimuove l’annuncio

Il trambusto attorno all’annuncio è iniziato con un video su Facebook e si diffonde a macchia d’olio sui social media. “Sei completamente fuori strada ora?” ha twittato un Jos a Jumbo. “Dovremmo bloccare un altro centro di distribuzione, o cosa?

Non ci volle molto perché Jumbo rispondesse. “La pubblicità non sarà più mostrata nei nostri negozi”, ha promesso la catena di supermercati all’agricoltore Jos. Nella risposta che segue, Jumbo chiarisce di non essere formalmente responsabile degli schermi pubblicitari. “Gli annunci sono gestiti da terze parti. Non avevamo idea che sarebbero stati utilizzati.”

Non è la prima volta che gli agricoltori vengono minacciati. Invece di cancellare l’annuncio, Jumbo avrebbe anche potuto segnalare una minaccia, spesso descritta come intimidazione, afferma il professore di scienze giuridiche generali Jan Brouwer dell’Università di Groningen.

“Inchinarsi al terrore”

Assurdo, Wakker Dier chiama la decisione. Sembra che l’annuncio sia stato ritirato sotto la pressione di “attivisti influenti coinvolti nelle proteste degli agricoltori”, ha affermato l’organizzazione per il benessere degli animali. “Questo annuncio mostra una mucca che giace in una stalla, né più né meno. Apparentemente non è più consentito, mentre puoi pubblicizzare tutti i tipi di latticini e prodotti a base di carne in un unico posto”.

Anche altri utenti di Twitter trovano la decisione strana. “Un idiota ti minaccia e vieni licenziato immediatamente”, ha osservato un tweeter. “Inclinazione al terrorismo”, giudica un altro.

Jumbo dice poco

Jumbo in sé non dice molto sul trambusto. Il supermercato fa riferimento a Global Media, proprietaria degli schermi digitali. “Vendono spazi pubblicitari ad altre organizzazioni e gestiscono gli schermi”.

READ  Ricerca: Quarter vuole vendere criptovalute con un rendimento del 1000%.

Global Media afferma che non si tratta di “inchinarsi al terrore”. “Il posizionamento di un annuncio fornisce un contesto all’annuncio”, afferma il direttore marketing Guy Grimmelt. “Pensiamo sia positivo che Wakker Dier voglia proclamare questo messaggio, ma piuttosto non vicino a dove qualcuno vuole guadagnarsi da vivere. Pensiamo che l’invito a non usare i latticini in un supermercato sia troppo intenso. Questo messaggio dovrebbe invece appartenere a un luogo più pubblico, come lungo l’autostrada, in un centro commerciale tradizionale o in una pensilina dell’autobus.”

“Niente a che fare con gli agricoltori”

Né il gioco d’azzardo o l’alcol dovrebbero essere pubblicizzati vicino alle scuole, dice Grimmelt. “E se, per così dire, Bakkerij ‘t Stoepje vuole fare pubblicità intorno ai siti di Bakker Bart, non saremo d’accordo nemmeno su questo. In questo caso, le cose sono andate storte nella fase preliminare. Non ha nulla a che fare con il terrore degli agricoltori o altro …”

Speranza di vita delle vacche da latte olandesi

Molti allevatori contestano il messaggio di Wakker Dier: “molte vacche da latte vengono buttate via dopo 6 anni”. Wakker Dier basa le sue cifre sui dati del Cooperative Cattle Improvement (CRV). Fuori le cifre più recenti L’organizzazione di allevamento mostra che una vacca da latte olandese vive in media 2180 giorni, ovvero 5 anni e più di 11 mesi.

Queste cifre sono abbastanza coerenti con dati indipendenti dell’Università di Wageningen a partire dal 2013, che all’epoca stimava che l’aspettativa di vita fosse inferiore di sei mesi. L’università osserva che ci sono differenze abbastanza significative tra le aziende. Del 25% con la durata della vita più bassa, la durata della vita è di 4,9 anni, mentre del 25% con la durata della vita più alta è di 7,1 anni.

READ  l'occhio attento di banche e fisco non perdona

Il professor Brouwer in precedenza aveva espresso i suoi dubbi sulla protesta fuori dall’abitazione del ministro dell’azoto Christianne van der Wal. A differenza di molti colleghi, credeva che gli agricoltori in protesta stessero oltrepassando il limite.

“Ci sono state così tante minacce che si può seriamente dubitare della natura pacifica della manifestazione. Una delle caratteristiche di una manifestazione è che i presenti vogliono proporre un punto di vista comune in condizioni pacifiche. Entrando nel dominio privato con così tanti persone lì allo stesso tempo e di punto in bianco, sembrava che non fosse il caso in quel momento”. Guarda il filmato della visita a domicilio indesiderata qui:

A causa del suddetto tweet, Jumbo deve affrontare anche una minaccia di violenza, ovvero il blocco di un centro di distribuzione, spiega Brouwer. “Le azioni di blocco sono consentite in una certa misura se non incidono sull’intero funzionamento, ad esempio, di un supermercato. Se Jumbo è minacciato di paralisi dei centri di distribuzione, secondo me, ciò rientra nella violenza di cui all’articolo 284 del il codice penale Rimuovere i manifesti sarebbe stata una buona occasione per una denuncia.

Wakker Dier dice che “almeno” rivuole indietro i suoi soldi. “E vogliamo davvero sapere perché questo è stato deciso”, ha detto la portavoce. “Soprattutto perché ci sono altre strade per aumentare l’insoddisfazione per la pubblicità, come con il Comitato del codice pubblicitario”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *