KLM butta fuori il pilota dopo anni di cattiva condotta

KLM butta fuori il pilota dopo anni di cattiva condotta

Lo stesso pilota nega tutte le accuse, affermando di essere stato vittima di una campagna diffamatoria.

Secondo il giudice della Corte distrettuale di Amsterdam, le accuse di cattiva condotta sessuale non sono state accertate, ma il suo altro comportamento è abbastanza grave da licenziare l’uomo. Riceverà però una liquidazione di quasi duecentomila euro. Questo emerge da una recente sentenza del tribunale di Amsterdam.

Crudo e intimidatorio

Il 57enne lavorava per KLM dal 1995 e volava come capitano sui Boeing 777 e 787. Adotta un atteggiamento discreto. Ecco perché l’uomo ha seguito un corso quell’anno per imparare a comunicare meglio.

Questo corso apparentemente non ha preso piede, poiché dal 2015 KLM riceve regolarmente lamentele sul comportamento rude, aggressivo e intimidatorio del capitano.

Grida al cliente

Quell’anno, il personale dell’hotel a Mosca si è lamentato del pilota dopo che è stato arrestato dalla polizia per comportamento scorretto in un ristorante. Lì, l’uomo avrebbe dato dei morsi alle torte in vetrina. Ha poi acceso gli addetti alla reception dell’hotel, apparendo ubriaco.

A Barcellona, ​​​​il capitano avrebbe urlato a un cliente con lo status di platino in sedia a rotelle perché la donna ha causato un ritardo. E a Tel Aviv, l’uomo avrebbe urlato e insultato gli addetti alla manutenzione.

Esagerato

Il capitano ha ammesso all’epoca che a volte poteva sembrare “intenso” e “travolgente” per gli altri, ma ha detto che le lamentele erano esagerate. All’uomo sono arrivate segnalazioni al momento di una sospensione e di un’ammonizione. Anche il capitano ha dovuto seguire un nuovo corso di comportamento.

Ciò non ha impedito al capitano di essere formalmente redarguito nel 2016 e nel 2017, dopo scontri con i colleghi del servizio sanitario di KLM (da lui definito, tra l’altro, “frocio di merda”) e un incontro urlante con una massaggiatrice nell’albergo dove KLM il personale soggiornava. rimanere.

READ  Vacanze "testate da Covid", voli in partenza anche da Verona

Nuovi reclami

Dopo diversi anni senza problemi, le lamentele sul comportamento del pilota sono tornate nel 2019, 2021 e 2022. Questa volta ci sono state lamentele per comportamenti “ruvidi e aggressivi” nei confronti dei colleghi, urla ai dipendenti dell’azienda che hanno effettuato i test corona e il denigrazione del personale del ristorante a Bonaire.

Quando il capitano è stato chiamato a rispondere internamente della sua cattiva condotta, ha negato e ha incolpato i denuncianti per gli incidenti.

Cattiva condotta sessuale

La scorsa estate le denunce contro il capitano hanno assunto un carattere diverso. A luglio, KLM ha ricevuto una segnalazione di cattiva condotta sessuale da un membro dell’equipaggio donna. Sarebbe stata costretta a compiere atti sessuali in un hotel a Città del Capo. Secondo il capitano, c’era un consenso reciproco.

All’inizio di agosto, KLM ha nuovamente rimproverato il capitano, avvertendolo che ulteriori reclami potrebbero portare al licenziamento. La denuncia della donna contro il pilota è stata archiviata dall’accusa a dicembre, in quanto non vi era alcun reato.

Nuovi reclami

Dopo il mese di agosto, ci sono state nuovamente tre segnalazioni, in parte anonime, di comportamenti trasgressivi (sessuali) da parte dell’uomo in passato. In uno di questi casi, il capitano si sarebbe comportato male anni fa nei confronti di un membro dell’equipaggio donna.

Secondo la donna, l’ha baciata inavvertitamente in una discoteca e le ha morso due volte la spalla. Quando poi lo ha spinto, è stata presumibilmente abusata verbalmente, minacciata e intimidita. “Vuoi combattere, cazzo?” Vengo dalla strada”, avrebbe detto, tra le altre cose.

Assurdità

Tornato in albergo, il capitano avrebbe tentato invano di entrare nella sua stanza. Nel periodo successivo, il capitano ha bombardato la donna con messaggi “cattivi”. Quando la donna ha dovuto volare con il capitano nel 2020 e si è rivolta al responsabile dell’equipaggio di cabina, le è stato detto che KLM non avrebbe fatto nulla con un reclamo perché l’uomo era un “pilota tecnicamente bravo”.

READ  In questo modo si lascia asciugare lo stucco nel modo giusto (e il più velocemente possibile).

Dopo aver ricevuto le tre nuove denunce, KLM ha sospeso il pilota a ottobre e lo ha convocato per un’udienza. Il capitano ha detto di non ricordare nulla dell’incidente e ha pensato che non avesse senso che fosse stato messo a terra per anni dopo il presunto incidente.

Licenziamento

Tuttavia, il limite per KLM era stato raggiunto con i nuovi rapporti. A novembre, il datore di lavoro ha avviato un’azione legale per la risoluzione del contratto di lavoro.

In tribunale, il capitano ha rivendicato la sua posizione. Secondo lui, non c’era alcuna cattiva condotta sessuale e il suo modo di comunicare non era un motivo per licenziarlo.

Richiesta danni 1,5 milioni

In caso di estromissione, ha anche chiesto un risarcimento per perdita di reddito e pensione per licenziamento illegittimo per oltre 1,5 milioni di euro oltre al consueto trattamento di fine rapporto.

Diventato pubblico da un venerdì pronuncia si scopre che KLM potrebbe sfrattare il capitano dal tribunale distrettuale di Amsterdam. Il giudice sottolinea che le denunce di comportamento sessualmente trasgressivo non sono state accertate, e quindi non hanno alcuna influenza sul verdetto.

Licenziamento giustificato

Tuttavia, il tribunale distrettuale rileva che negli altri casi il capitano ha agito in modo tanto colpevole da giustificare il licenziamento. Secondo il giudice, il lungo elenco di reclami ricevuti sul pilota mostra che il modo di comunicare aggressivo, autoritario e intimidatorio dell’uomo era “inaccettabile”.

Tuttavia, poiché il pilota non si è comportato in modo “gravemente colpevole”, KLM deve pagargli una regolare indennità di licenziamento. Questo compenso ammonta a quasi 190.000 euro, perché l’uomo ha lavorato a lungo per l’azienda e ha guadagnato uno stipendio solido.

READ  Gli olandesi sono infastiditi dalla polarizzazione e per lo più si circondano di persone che la pensano allo stesso modo

Non 1,5 milioni

Sebbene KLM abbia lasciato cadere alcuni punti durante le indagini sul caso, il giudice alla fine ha concluso che il datore di lavoro non ha agito in modo gravemente colpevole. Secondo il giudice, la compagnia aerea “ha avuto molta pazienza” con il pilota. Ciò significa che l’uomo può fischiare il risarcimento da lui preteso di 1,5 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *