Questi truffatori vogliono monopattini elettrici su strada, senza il rischio di multe

Questi truffatori vogliono monopattini elettrici su strada, senza il rischio di multe

Sabato, scooter elettrici, skateboard e monocicli hanno attraversato il centro di Breda. Davvero eccezionale, perché questi veicoli non sono ammessi sulle strade pubbliche nei Paesi Bassi. Puoi anche ricevere una multa salata per questo. Ma Paul Depla, sindaco di Breda, questa volta lo ha ignorato. Perché questo gruppo di 180 appassionati ha dimostrato di essere un mezzo di trasporto sicuro.

Foto del profilo di Lois VerkooijenFoto del profilo di Rik Claessen

Quasi tutti indossano il casco: passano i piloti di monopattini elettrici, skateboard e monocicli, detti anche monoruote. Questi sono tutti “veicoli elettrici leggeri” (LEV). Il gruppo d’azione percorre un percorso di dieci chilometri. “Cosa li rende così belli? È qualcosa di diverso”, afferma Hector Nieman del gruppo d’azione “Legal Driving”.

“Dopo l’incidente con la Stint, si è deciso che la sicurezza viene prima dell’innovazione”.

“Lo scooter elettrico è il più noto dei LEV. Ora vogliamo dimostrare che è possibile utilizzarli in sicurezza nel traffico”, afferma Tim Hartendorp, anche lui membro del gruppo di azione. “A volte il quadro è dipinto che non è sicuro, ma penso che sia ingiustificato.”

Nei Paesi Bassi, l’incidente con lo Stint nel 2018 gioca un ruolo importante, pensa Tim. Quattro bambini sono morti nel tragico incidente con il vagone elettrico sui binari della stazione di Oss-West.

“È stato drammatico per tutti, poi questa legislazione è stata bloccata. Successivamente, la ricerca ha dimostrato che lo Stint non era sicuro. Ecco perché ora è stato deciso che la sicurezza viene prima dell’innovazione”.

Hector concorda: “Spesso le persone del governo non conoscono nemmeno i LEV e pensano che siano pericolosi. Vogliamo dimostrare che è possibile su strada.

READ  Ristoro 5 per 32 miliardi durante la prima manovra di Draghi

“Soprattutto nei Paesi Bassi, sicuramente, con le nostre strade pianeggianti e buone piste ciclabili larghe”.

Gli uomini quindi non ritengono giustificata la multa di 400 euro per “veicoli pericolosi”. “Se lo gestisci in modo responsabile e indossi un casco, ad esempio, allora è possibile. Soprattutto nei Paesi Bassi con le nostre strade pianeggianti e buone piste ciclabili larghe.”

“Per me è anche il mezzo di trasporto più sicuro”, dice un anziano partecipante alla protesta. “Ho avuto un arresto cardiaco. Non posso più guidare un’auto e la bicicletta è meno sicura. È più facile scendere da un monociclo elettrico se succede qualcosa”.

Gli attivisti dicono che i benefici sono infiniti. “Sono anche puliti. Quindi mettiamoci in viaggio, aiutiamo a migliorare l’ambiente. Non risolverà il problema, ma aiuterà!”

(foto: Alain Heeren)
(foto: Alain Heeren)

(foto: Alain Heeren)
(foto: Alain Heeren)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *