La carne coltivata può essere 335 volte peggiore per il clima della carne di maiale |  Pigbusiness.nl

La carne coltivata può essere 335 volte peggiore per il clima della carne di maiale | Pigbusiness.nl

L’analisi dell’Università della California mostra che l’impronta di carbonio della carne coltivata sarà probabilmente superiore a quella del manzo e molto più elevata per il maiale e il pollo se gli attuali metodi di produzione vengono aumentati su scala, perché sono ancora molto energivori. I ricercatori si chiedono persino se la carne coltivata possa essere un’alternativa alla carne veramente conveniente ed ecologica. Tuttavia, la ricerca deve ancora essere rivista o valutata da altri scienziati.

La carne coltivata viene prodotta facendo crescere il tessuto muscolare dalle cellule staminali. Questo viene fatto nei bioreattori utilizzando più o meno la stessa tecnica e procedura utilizzata per produrre i vaccini. Ma questo processo richiede molta energia. Le cellule staminali crescono in questi bioreattori in un brodo ricco di sostanze nutritive. È pubblicizzato come un’alternativa più rispettosa degli animali e più verde alla carne tradizionale in quanto utilizza meno terra, mangime, acqua e antibiotici rispetto al bestiame ed elimina la necessità di allevare e macellare animali.

Ma i ricercatori di L’Università della California ha studiato la carne coltivata è davvero un’alternativa più verde. La loro conclusione: la carne prodotta da cellule coltivate potrebbe essere fino a 25 volte peggiore per il clima rispetto alla normale carne bovina, a meno che gli scienziati che sviluppano carne coltivata non trovino modi per alterare il processo di consumo energetico.

Da 4 a 25 volte più grande del manzo

I ricercatori hanno esaminato la cosiddetta impronta di carbonio basata sull’analisi del ciclo di vita (LCA) di vari metodi di carne coltivata (sulla base di test di laboratorio) e hanno ottenuto una larghezza di banda da 19,2 a 1.508 chilogrammi di CO2 equivalente per la carne coltivata. Questo è molto più dell’impronta minima dichiarata per la carne bovina di 9,6 chilogrammi di CO2 equivalente. Ma questo sulla base del fatto che le cellule in coltura non sono state ancora purificate.

READ  Simone Bettin si è scusato per il suo comportamento al Collegio

L’impronta di tutta la carne coltivata purificata variava addirittura da 246 a 1.508 chilogrammi di CO2 equivalente per chilogrammo di carne coltivata, che è da 4 a 25 volte maggiore dell’impronta di CO2 media globale di 60 chilogrammi di manzo CO2 equivalente. Per il pollo, è da 100 a 750 volte di più (il pollo è in media 2 kg di CO2 equivalente per kg di pollo). Per la carne di maiale (4,5 chilogrammi di CO2 equivalente per chilogrammo di carne di maiale), questa cifra è compresa tra 55 e 335 volte.

I ricercatori affermano: “Dati i severi requisiti di purezza dei componenti del terreno per la coltura di cellule animali, gli scenari con un’elevata purificazione come mezzo di crescita rappresentano probabilmente l’impatto ambientale più accurato della produzione di carne bovina.

Perdite di produzione non incluse

Inoltre, i ricercatori hanno interrotto il calcolo dell’analisi del ciclo di vita al gate e non hanno incluso le perdite di produzione. Questa perdita potrebbe anche essere considerevole, poiché qualsiasi contaminazione porta immediatamente al guasto dell’intero bioreattore riempito di cellule in coltura. In pratica, ciò significherebbe che il contenuto di bioreattori superiori a 100.000 litri può essere semplicemente scartato se impuro. L’intero processo richiede quindi condizioni estremamente igieniche e controllate.

L’impronta della carne coltivata non include lo stoccaggio, il trasporto e altri impatti ambientali. Secondo i ricercatori, l’inclusione di questi processi di post-produzione potrebbe aumentare ulteriormente l’impronta della carne coltivata. Inoltre, ritengono che la carne coltivata richieda probabilmente più risorse rispetto alla maggior parte dei sistemi di produzione di carne.

Produzione commerciale non possibile

L’elaborazione delle cellule staminali da utilizzare nella coltura di cellule animali è un processo in 18 fasi che richiede molto lavoro a causa del livello di sofisticazione richiesto per la coltura di cellule animali. I ricercatori ritengono pertanto che la produzione commerciale di prodotti a base di carne coltivata con cellule staminali o qualsiasi altro prodotto animale sia altamente improbabile, dato questo alto livello di sofisticazione. A meno che non escogitiamo nuove tecniche, che lo sono meno.

READ  verso l'HOT Apex, poi una SVOLTA IMPORTANTE. Ci sono NOVITA', vi diciamo QUANDO »ILMETEO.it

Scarica il rapporto qui (la traduzione è possibile tramite Google translate)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *