La cooperativa del Sud Italia mette in primo piano il limone di qualità

La cooperativa del Sud Italia mette in primo piano il limone di qualità

Fino a pochi anni fa era difficile trovare nei supermercati italiani il limone Rocca Imperiale ad Indicazione Geografica Protetta. Oggi questo frutto, noto per l’alto contenuto di succo e l’intenso profumo della buccia edibile, si trova sugli scaffali di decine di catene italiane, oltre che in molti paesi europei e non.

Questo è il merito di un gruppo di produttori che, di fronte alla mancanza di organizzazione per promuovere la resa delle proprie colture, ha creato a fine 2019 una cooperativa: l’associazione dei produttori di limoni Rocca Imperiale. Il successo non si è fatto attendere. Nonostante lo scoppio della pandemia, sono riusciti rapidamente a conferire a questo limone un’identità e un forte valore commerciale.

Alcuni soci della cooperativa. Da sinistra a destra: Oriolo Dario, Latronico Caterina, Arcuri Natalina, Buongiorno Pietro, Francesco Pace

“In meno di due anni e mezzo abbiamo costruito un’azienda con certificati GlobalGAP e GRASP, lanciato il nostro marchio Limoré, progettato diversi tipi di imballaggio, progettato un metodo di coltivazione con la minor quantità possibile di pesticidi e creato una struttura di vendite con vendite in Italia e per l’esportazione in altri paesi europei e negli Emirati Arabi Uniti”, afferma Pietro Buongiorno, presidente dell’associazione dei produttori.

“Attualmente abbiamo oltre 90 ettari di coltivazione e 15 aziende affiliate, la maggior parte delle quali sono gestite da donne e/o giovani. Numeri che raddoppieranno la prossima stagione grazie alla collaborazione con l’associazione dei produttori piemontesi OP Joinfruit. I nostri limoni vengono coltivati ​​da dicembre a e commercializzati nelle catene di supermercati italiane ed estere a giugno. Esportiamo circa il 60% in Germania, Inghilterra, Francia e Svizzera. Solo il 2% viene commercializzato tramite i mercati all’ingrosso. Su ogni confezione è presente un codice QR che fornisce informazioni sul giorno della raccolta e sul produttore. Lo facciamo perché siamo consapevoli dell’importanza della tracciabilità, sia per i nostri clienti che per il consumatore.

READ  Inter mercato: il sogno di Messi è ancora possibile

“Il nostro progetto imprenditoriale parte dal basso. Il nostro obiettivo è premiare la cultura. Per questo, i coltivatori devono unirsi. Solo così ci sono solide basi per vendite di successo. I coltivatori affiliati beneficiano di consulenza e follow-up in tutte le fasi della coltivazione grazie a speciali persone preparate Devono pagare solo una piccola cifra come abbonamento L’associazione organizza anche le vendite nei mercati e nei trasporti, tempo siamo riusciti a fermare la tendenza negativa che si era instaurata qui: i commercianti stranieri stavano acquistando raccogliendo i raccolti di alberi di limoni interi e poi venderli con un altro nome.C’è ancora molto da fare, ma siamo felicissimi di aver finalmente dato un volto al limone di Rocca Imperiale”, conclude Buongiorno.

Per maggiori informazioni:
Produttori di Limoni Associati di Rocca Imperiale – Soc. Contadino

Via Vibo Valentia, 26
87074 Rocca Imperiale (CS) – Italia
Telefono: +39 349 4694903
[email protected]
www.limore.it

OP Joinfruit Società Consortile arl
Via al Castello 13
12039 Verzuolo (CN) – Italia
Telefono: +39 (0)175 230807
[email protected]
[email protected]
www.joinfruit.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *