La dislessia è un problema? Abbiamo davvero bisogno di persone dislessiche per la nostra sopravvivenza

La dislessia è ancora troppo spesso vissuta come qualcosa di difficile con cui devi imparare a convivere. I ricercatori ora affermano che anche la cecità alle parole ha molti vantaggi. Le persone dislessiche giocherebbero anche un ruolo importante nella nostra evoluzione come esseri umani.

Si dice che le persone nate con una qualche forma di dislessia siano naturalmente più brave a scoprire nuove informazioni, siano eccessivamente creative e più concentrate nell’inventare cose nuove. Questa “distrazione da scoprire” è stata una parte cruciale dello sviluppo umano e della sopravvivenza della specie, secondo i ricercatori dell’Università di Cambridge. La dislessia non è quindi necessariamente un disturbo dello sviluppo: c’è uno scambio di qualità cognitive.

Scienziati, il cui studio in una rivista scientifica Frontiere in psicologia comparso, argomentare per uno sguardo diverso alla dislessia. È più di un semplice disturbo neurologico, dicono. Secondo la ricercatrice Dr. Helen Taylor, specialista in ricerca archeologica a Cambridge, questo nuovo sguardo sui dislessici ha conseguenze per l’individuo, ma anche per la società nel suo insieme. “È troppo facile liquidare la dislessia solo come un disturbo dello sviluppo. La nostra ricerca rivela una visione diversa. In questo modo, vogliamo comprendere meglio le qualità cognitive delle persone con dislessia”, afferma Taylor.

Anche il grande fisico Albert Einstein era dislessico. Foto: ParentRap da Pixabay.

“Riteniamo che le difficoltà di lettura delle persone con dislessia siano causate da un compromesso evolutivo. Queste persone sono spesso creative al di sopra della media, interessate all’ignoto ed estremamente forti nello scoprire nuove informazioni”, ha detto Taylor. “Scuole, università e imprese stanno perdendo molte opportunità di apprendimento o scoperta esplorativa. È importante incoraggiare un altro modo di pensare. In questo modo, noi come umanità possiamo continuare ad adattarci al nostro ambiente e affrontare le grandi sfide del nostro tempo.

I nostri antenati
Le nuove scoperte sono spiegate nel contesto della “teoria della cognizione complementare”. I nostri antenati erano specializzati in diversi tipi di persone, che si completavano bene a vicenda. Questa collaborazione ha portato un significativo vantaggio evolutivo. Ciò ha creato una potente alleanza tra inventori creativi e persone altamente analitiche, che hanno analizzato le scoperte e le hanno sviluppate in un prodotto finale che ha rafforzato il gruppo nel suo insieme. La collaborazione di gruppi di persone con qualità diverse è un motivo importante per cui noi come specie possiamo adattarci così bene. “Un buon equilibrio tra la scoperta di nuove possibilità e il godimento dei benefici che portano è la chiave per adattarsi e sopravvivere. Questo processo è alla base di molte decisioni importanti che prendiamo nella vita di tutti i giorni”, ha affermato Taylor.

La scoperta consiste nel cercare l’ignoto, sperimentare, inventare e innovare. Applicare queste nuove esperienze e conoscenze significa selezionare, rendere efficiente e perfezionare. “Possiamo quindi vedere i problemi di lettura e scrittura di una persona dislessica come il contrario della specialità della creazione e della scoperta. Spiega anche la correlazione tra le persone con dislessia e il loro desiderio per i settori creativi, come l’architettura e l’arte, nonché la tecnologia e l’imprenditorialità”, afferma Taylor.

Approccio multidisciplinare
Questa ricerca utilizza con successo un approccio multidisciplinare. I risultati sono coerenti con i dati di diverse altre aree di ricerca. Ad esempio, l’idea di un’eccessiva “inclinazione a scoprire” si adatta bene alle teorie evoluzionistiche all’interno della paleoarcheologia. I paleoarcheologi sostengono che gli esseri umani si siano evoluti nel corso di centinaia di migliaia di anni in quello che sono oggi, sotto l’influenza di immensi cambiamenti climatici e ambientali. Ciò coincide con il vantaggio evolutivo che i “creativi” hanno durante i periodi di grande cambiamento e incertezza, come descritto dal Dr. Taylor.

Che cos’è esattamente la dislessia?
Nella dislessia, la lettura, la scrittura e l’ortografia sono molto lente. I bambini sono in ritardo rispetto ai loro coetanei, mentre l’intelligenza media è la stessa. Le lettere sono scritte in modo errato speculare o meno e l’ortografia corretta delle parole è molto difficile da imparare.

Le stime del numero di persone con dislessia variano ampiamente. Secondo gli scienziati, il 5-20% della popolazione mondiale soffre di qualche forma di dislessia. Viene spesso considerato come un disturbo cerebrale in cui l’attività nell’emisfero sinistro è ridotta o l’elaborazione delle informazioni non è abbastanza veloce, ma molto non è ancora chiaro sulla condizione.

La dislessia è fortemente determinata geneticamente. La diagnosi viene spesso fatta durante l’infanzia. Anche nell’età adulta, la persona è imbarazzata da questo. Non esiste un trattamento chiaro o un piano terapeutico noto per affrontare il problema della lettura.

READ  2021 KT1 è considerato "potenzialmente pericoloso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.