La frode della ricerca sul morbo di Alzheimer è costata miliardi di dollari e milioni di vite?

La frode della ricerca sul morbo di Alzheimer è costata miliardi di dollari e milioni di vite?

immagine a tema

immagine a tema © Shutterstock

La rivista scientifica Science afferma di aver trovato prove di frode in uno studio sul morbo di Alzheimer risalente al 2006. Questo studio, pubblicato all’epoca sulla rivista scientifica NaturaAd oggi, tuttavia, ha costituito la base di molti farmaci e del trattamento delle malattie. “È una notizia devastante che un collega abbia ingannato così tanto me e la comunità scientifica”, ha affermato la neurologa Karen Ashe, coautrice dell’articolo.

Laurence TorkFonte: Notizie NBC, Scienza

Science, una delle riviste scientifiche più rinomate al mondo, ha scoperto che negli ultimi 16 anni tutti hanno avuto un’idea sbagliata sulla causa del morbo di Alzheimer. Gli scienziati affermano che un importante studio del 2006 sulla malattia è stato manomesso.

Questo studio è opera di Sylvain Lesné, neuroscienziato e docente presso l’Università del Minnesota. La sua ricerca indica che un composto chimico specifico – Aβ*56, o “stella beta amiloide 56” – è la causa dell’amnesia nei ratti.

L’articolo fa quindi un collegamento diretto al morbo di Alzheimer negli esseri umani. Lo studio ha così confermato le numerose ipotesi che circolavano da anni. Il mondo scientifico si è quindi affidato a questo studio per perseguire la ricerca e lo sviluppo di farmaci.

La scienza ora afferma di aver trovato più di 20 articoli “sospetti” di Lesné e si ritiene che più di 70 immagini dello studio siano state falsificate, quindi la causa della malattia non è corretta. In effetti, uno studio di Harvard del 2008 mostra che Aβ*56 non è nemmeno presente nei tessuti umani.

READ  Previsioni del tempo, da alta pressione a FREDDO a est?

LEGGI ANCHE. Perché una vita sana non fa bene solo al cuore, ma anche al cervello (+)

“Scandaloso”

L’informatore Dr. Mathew Schrag, neuroscienziato della Vanderbilt University, è stato il primo a preoccuparsi l’anno scorso della possibile manipolazione delle immagini. “Scandaloso” ora suona nel mondo scientifico, perché lo studio è servito come base per molti ricercatori e per il trattamento della malattia per decenni.

Se l’inganno è vasto come appare a prima vista, le implicazioni sono di gran lunga maggiori del semplice inganno di decine di miliardi di dollari in finanziamenti e milioni di ore di ricerca negli ultimi due decenni. Perché dal 2006, molti pazienti sono stati trattati secondo lo studio, il che significa che i pazienti che sono morti a causa della malattia potrebbero essere stati diagnosticati erroneamente come pazienti con un’altra malattia. Coloro la cui demenza è stata causata da altre cause potrebbero essere stati male informati di avere il morbo di Alzheimer.

LEGGI ANCHE. Il comune ha un proprio gruppo familiare sulla demenza: “Il contatto con altre persone colpite dà un forte senso di appartenenza” (+)

ritirare lo studio

Karen Ashe, neuroscienziata e professoressa presso l’Università del Minnesota che è anche coautrice dello studio, vuole che lo studio sia ritirato nella sua interezza. “Dopo decenni di tentativi di comprendere la malattia in modo che i pazienti possano essere curati, è una notizia devastante che un collega abbia fuorviato me e la comunità scientifica modificando le immagini”, ha detto a WebMD. NBC.

L’università stessa ha affermato di essere consapevole che c’erano molte domande. “L’università farà tutto il possibile per trovare risposte alle numerose domande”, ha affermato in una nota. La rivista Nature ha anche risposto alle attuali preoccupazioni sullo studio: “Una risposta editoriale seguirà il prima possibile”.

READ  Gli agricoltori segnalano problemi di salute mentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *