“La lettera Máxima abbassa la soglia per i giovani per parlare di salute mentale”

“La lettera Máxima abbassa la soglia per i giovani per parlare di salute mentale”

PAPÀ

Notizie ONS

“Parla, parla, parla. Aiuta davvero.” La regina Máxima si stabilì con queste parole una lettera aperta alla gioventù olandese. Numerosi studi dimostrano che la salute mentale di questo gruppo è peggiorata negli ultimi anni diminuiscesoprattutto tra ragazze e giovane donna.

Con la sua lettera, intitolata Non sei solo, la regina richiama l’attenzione su questo. Invita i giovani e gli adulti a discutere tra loro di sentimenti come lo stress o la tristezza. I giovani meritano “sostegno incondizionato e aiuto per rimanere mentalmente sani”, scrive Máxima. “Inizia molto semplicemente con un orecchio che ascolta e una conversazione onesta”.

Questa conversazione non avviene da sola. ricercare di 3Chiedi (parte del panel di opinione di EenVandaag) mostra che almeno la metà dei giovani vede la salute mentale come un argomento tabù. Tre quarti dei giovani si ritirano quando non si sentono bene.

Dossi di velocità

Riconoscibile, afferma la psicologa della salute Najla Edriouch. “I giovani nella mia stanza di trattamento spesso hanno difficoltà a parlare della loro salute mentale. Qui entra in gioco la vergogna, ma anche il fatto che non vogliono gravare sugli altri. E se lo dicono, le persone del vicinato non lo fanno t. non sempre sanno come dovrebbero rispondere ad esso.”

Tali ostacoli sono stati osservati anche dalla ricercatrice Sophie Leijdesdorff, che ha conseguito il dottorato all’Università di Maastricht sulla salute mentale dei giovani. “I giovani pensano che i loro problemi non siano abbastanza seri. Oppure pensano che i loro sentimenti non siano giustificati, ad esempio perché sono cresciuti in un ambiente piacevole”.

La ricerca ha dimostrato già prima indica che i problemi mentali tra i giovani sono aumentati notevolmente, soprattutto tra le ragazze:

ILLUMINATO

Aumento dei problemi mentali tra i giovani

Leijdesdorff ed Edriouch si impegnano a portare avanti la conversazione sui problemi di salute mentale, anche al di fuori della stanza di trattamento. Ecco come colloca Edriouch Youtube e sui suoi consigli e approfondimenti su Instagram sulla salute mentale. Leijdesdorff è uno psicologo presso la @ease Foundation, un luogo in cui i giovani con problemi di salute mentale possono recarsi in forma anonima per un’ora di consulenza o chat online con colleghi esperti a loro volta.

READ  Meteo SARDEGNA, bolla d'aria tropicale pazzesca

Secondo gli esperti, è importante abbattere le barriere per i giovani che vogliono parlare dei loro problemi. “Non appena parli, può essere un enorme sollievo. Non sei più solo”, dice Edriouch. “Può essere un primo passo verso l’aiuto del proprio ambiente, ma anche un passo verso un aiuto professionale.”

Questo aiuto è particolarmente importante per i giovani, ha affermato il ricercatore Gonneke Stevens dell’Università di Utrecht NOS Radio 1 Notizie su NPO Radio 1. “I giovani che sviluppano problemi mentali nell’adolescenza molto spesso li mantengono più tardi nella vita. È molto importante intervenire, sostenerli, parlare con loro e vedere cosa succede in questo periodo che sta accadendo”.

L’appello di Maxima contribuisce a questo. “Máxima mostra che va bene parlarne”, afferma il ricercatore Leijdesdorff. Lo psicologo della salute Edriouch pensa che la lettera rompa un tabù. “È bello vedere che persone come la regina si preoccupano di questo. Máxima lo fa non solo con questa lettera, ma anche condividendo esperienze personali sull’argomento, come il suicidio della sorella minore”.

La sorella di Máxima, Inés, si è suicidata nel 2018, dopo anni di problemi psicologici e sentimenti depressivi. La regina è coinvolta anche in altri modi con il tema della salute mentale. Le sue figlie Amalia e Alexia hanno ricevuto entrambe un aiuto psicologico. Ne ha parlato la regina al lancio di Mind US, fondazione impegnata per la salute mentale dei giovani, di cui è presidente onorario.

Ma serve di più, dice. Edriouch: “In pratica, vedi, ad esempio, le lunghe liste di attesa e i giovani che lottano con l’apertura quando cercano assistenza. Non è qualcosa che si risolverà rapidamente. Ma attenzione a questo, come chiede Máxima nella sua lettera, è anzi il primo passo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *