La NASA colpirà una luna a settembre

La NASA colpirà una luna a settembre

La NASA colpirà una luna a settembre

L’agenzia spaziale statunitense prevede di creare un piccolo cratere, ma una nuova ricerca suggerisce che cambierà la luna in modo irriconoscibile.

La navicella DART è stata lanciata lo scorso novembre. E questa missione ha uno scopo particolare. Il veicolo spaziale seguirà l’asteroide Didymos e si schianterà sulla sua luna, nel tentativo di cambiare la sua orbita. La NASA sperava di dare alla luna solo “un piccolo impulso”. Ma nuove simulazioni mostrano che DART potrebbe colpire la luna molto più duramente del previsto.

Giornata internazionale degli asteroidi
Oggi è la Giornata Internazionale degli Asteroidi; una giornata di azione annuale, creata per sensibilizzare sul pericolo e sui rischi degli asteroidi. Non per niente il 30 giugno si celebra la Giornata internazionale degli asteroidi. Il 30 giugno 1908, l’esplosione di Tunguska ebbe luogo vicino al fiume Stony Tunguska in Siberia. A seguito dell’esplosione, alberi entro un raggio da 30 a 40 chilometri si sono staccati alla base del tronco. La causa dell’esplosione è ancora oggetto di molte speculazioni, anche se si sospetta fortemente che sia il risultato di un asteroide.

La sonda spaziale DART (Test di reindirizzamento a doppio asteroide) è in viaggio verso l’asteroide Didymos da circa sette mesi. Didymos (in greco per gemelli) è un sistema binario composto da due parti. Didymos A ha un diametro di 780 metri. Intorno a Didymos A, orbita un corpo celeste più piccolo di circa 160 metri. Questa luna, chiamata Dimorphos, orbita ogni 11 ore e 55 minuti.

per cambiare lavoro
L’intenzione è che la navicella DART entri in collisione deliberatamente con la piccola luna, alterando l’orbita di Dimorphos. E poiché Dimorphos fa parte di un sistema binario, è relativamente facile calcolare la traiettoria modificata dopo che DART l’ha colpita. Gli scienziati sperano di saperne di più sul fatto che una tale tecnica, in cui la direzione di una roccia spaziale viene deviata da un impatto, sia una strategia funzionante. In questo modo, le rocce spaziali in rotta di collisione con la Terra potrebbero essere potenzialmente evitate in futuro. In breve, la missione ci aiuterà a capire meglio come proteggere il nostro prezioso pianeta da un futuro prossimo potenzialmente pericoloso.

READ  La NASA condivide un'immagine della galassia creata dai telescopi Webb e Hubble | Tecnologia

piccolo cratere
Quindi l’idea è che la navicella DART si schianterà sulla luna Dimorphos. E a più di 6 km/sec (circa nove volte più veloce di un proiettile). Per inciso, Dimorphos non è pensato per essere completamente fatto saltare in aria; l’agenzia spaziale statunitense prevede solo di creare un piccolo cratere. I ricercatori sperano che l’impatto alteri solo leggermente l’orbita della luna.

Nuova sim
Nuove simulazioni, pubblicate in Il giornale di scienze planetarie, tuttavia, ora suggeriscono che le conseguenze potrebbero essere molto maggiori. “Contrariamente a quanto si potrebbe immaginare per un asteroide, le prove dirette della missione spaziale giapponese Hayabusa2, tra le altre, mostrano che gli asteroidi hanno una struttura interna molto ampia”, ha affermato Sabina Raducan, leader dello studio. “Questi ‘detriti’ sciolti sono tenuti insieme dalla gravità, tra le altre cose.”

Più solido dentro
Tuttavia, le precedenti simulazioni di impatto della missione DART presupponevano un interno Dimorphos molto più solido. E forse era sbagliato. Se in seguito si scopre che anche Dimorphos è costituito principalmente da materiali sciolti, DART lo colpirà molto più duramente del previsto. “Quindi potrebbe cambiare radicalmente l’esito della collisione”, sottolinea Raducan.

Effetti
Piuttosto che lasciare un piccolo cratere sull’asteroide largo 160 metri, l’impatto del DART a 24.000 chilometri orari potrebbe deformare completamente Dimorphos e persino cambiarlo irriconoscibile, affermano i ricercatori. Ciò significa che l’asteroide viene deviato molto più fortemente. Inoltre, l’impatto espellerà molto più materiale del previsto.

Niente più da fare
Per il momento, però, non c’è più niente da fare. Didymos dovrebbe attraversare la Terra il prossimo autunno. E i ricercatori lo hanno progettato in modo che DART colpisse la luna Dimorphos esattamente in quel momento. Poiché accade relativamente vicino alla Terra, gli scienziati possono studiare l’impatto fatale di DART e le sue conseguenze immediate con telescopi da terra e nello spazio.

READ  La Terra è più vicina al buco nero supermassiccio al centro della galassia

ERA
Successivamente, nel 2024 verrà lanciato il CubeSat HERA, che indagherà ulteriormente sulle conseguenze dell’attacco. Il satellite si avvicinerà alla superficie della luna fino a 200 metri. Ciò consente a Hera di produrre immagini ad alta risoluzione – 2 cm per pixel. E poi scopriremo anche quanto sia grave Dimorphos dopo la collisione.

“Per ottenere il massimo dalla missione HERA, dobbiamo comprendere il potenziale impatto della collisione”, ha affermato il ricercatore Martin Jutzi. “Quindi il nostro lavoro aggiunge un importante scenario potenziale che ci richiede di ampliare le nostre aspettative al riguardo. Questo non è solo rilevante nel contesto della difesa planetaria, ma amplia anche la nostra comprensione degli asteroidi in generale.

Saperne di più…
… sull’entusiasmante missione DART? leggilo Questo articolo apparso in precedenza su Scientias.nl, tutto su!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *