La natura oggi | Come gli squali mantengono sani i nostri oceani

Gli squali sono essenziali per la salute degli oceani: senza di loro, gli ecosistemi marini possono crollare. Ma le popolazioni di squali stanno diminuendo rapidamente. Gli esseri umani sono i principali colpevoli, uccidendo circa 100 milioni di squali all’anno a causa della pesca eccessiva. E questa massiccia perdita di squali sta danneggiando gli ecosistemi sottomarini, che dipendono fortemente dagli squali.

Molti squali sono predatori all’apice, governando gli oceani in cui vivono. Ma grazie a questo potente ruolo, la loro scomparsa potrebbe avere ripercussioni sull’intera catena alimentare e sbilanciare interi ecosistemi. Quando i grandi squali vengono sovrasfruttati, le popolazioni di mesopredatori – predatori più piccoli di cui si nutrono questi squali – vanno fuori controllo. Un aumento del numero di mesopredatori può quindi portare all’esaurimento di altre risorse, causando danni al loro ambiente. Ad esempio, se ci sono meno squali di barriera da mangiare dentici e cernie, quelle popolazioni diventeranno troppo grandi. Quindi consumano eccessivamente la loro fonte di cibo: il pesce che si nutre di alghe. E senza un numero sufficiente di specie di pesci che si nutrono di alghe nell’ecosistema, le alghe possono prendere il sopravvento, soffocare e uccidere il corallo.

Sposta i nutrienti

Gli squali aiutano anche gli ecosistemi oceanici fornendo loro importanti nutrienti. Nelle acque oceaniche poco profonde, di solito c’è una mancanza di nutrienti. Gli squali aiutano a nutrire queste aree immergendosi per mangiare organismi di acque profonde, nuotando in acque poco profonde e defecandoli. Facendo la spola tra acque profonde e poco profonde, gli squali arricchiscono le secche.

Ad esempio, gli squali grigi di barriera fungono da trasportatori di azoto, trasferendo questo importante nutriente attraverso le loro feci dall’oceano profondo dove si nutrono delle barriere coralline poco profonde e povere di nutrienti. L’azoto funge da fertilizzante per le migliaia di specie che vivono nell’ambiente della barriera corallina. Senza gli squali per trasportare l’azoto, la biodiversità degli ecosistemi della barriera corallina sarebbe in difficoltà.

READ  Questi modi per flirtare funzionano meglio, secondo la scienza

Uno squalo grigio della barriera corallina nuota sopra una barriera corallina

Lotta al cambiamento climatico

Sapevi che gli squali possono aiutare a combattere il riscaldamento globale? Gli scienziati hanno scoperto che assicurano che i gas serra rimangano negli oceani e non finiscano nell’atmosfera.

Gli squali tigre in Australia, ad esempio, tengono le tartarughe marine lontane dai letti di alghe. Ciò impedisce alle tartarughe di pascolare eccessivamente i letti di alghe. Le fanerogame marine sono un importante deposito di carbonio blu, carbonio che viene assorbito dagli oceani e dagli ecosistemi costieri. Le fanerogame marine formano densi prati sottomarini che contengono il gas serra anidride carbonica – CO2 – rimuovere dall’atmosfera. Il numero di squali in calo significa che più tartarughe marine stanno esaurendo i letti di alghe. Di conseguenza, il CO memorizzato2 libero, che contribuisce al riscaldamento globale.

Il corpo di uno squalo è un altro serbatoio di carbonio blu. Gli squali sono composti dal dieci al quindici percento di carbonio. Quando muoiono naturalmente, i loro corpi affondano nelle profondità dell’oceano. Agiscono quindi come serbatoi di carbonio per migliaia o addirittura milioni di anni. Ma la pesca eccessiva degli squali significa che il carbonio degli squali finisce nella nostra atmosfera.

Perché le iniziative di conservazione degli squali sono importanti?

La triste realtà è che gli squali ora hanno bisogno del nostro aiuto per continuare a svolgere il loro ruolo vitale nell’ecosistema. Il numero di squali sta diminuendo a un ritmo allarmante. Più di un terzo delle specie di squali sono attualmente minacciate di estinzione. Ci sono il 71% in meno di squali in mare aperto oggi rispetto a cinquant’anni fa.

La domanda globale di carne e pinne di squalo è il principale colpevole. Ma anche gli squali stanno perdendo rapidamente i loro habitat, specialmente nelle aree costiere sviluppate senza un’adeguata regolamentazione. Tutte le minacce che gli squali devono affrontare sono aggravate dal fatto che la maggior parte degli squali vive a un ritmo lento. Gli squali maturano lentamente e hanno pochi giovani. Gli esseri umani pescano molte specie più velocemente di quanto possano riprodursi.

READ  "Non sappiamo se i vaccini funzionano su nuove varianti"

Un numero maggiore di squali con le loro fondamentali funzioni ecosistemiche manterrà gli oceani sani e ridurrà l’impatto del cambiamento climatico globale. Ciò significa che gli sforzi per la conservazione degli squali non vanno solo a vantaggio degli squali stessi: aiutano l’intero pianeta.

Testo: IFAW
Foto: Vanessa Mignon; Aaron, Stock.adobe.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *