Per la prima volta, gli esseri umani vedono colori che i nostri occhi non riescono a distinguere

Per la prima volta, gli esseri umani vedono colori che i nostri occhi non riescono a distinguere

Per la prima volta, gli esseri umani vedono colori che i nostri occhi non riescono a distinguere

Ci sono colori che noi umani non vedremo mai. Questi colori sono anche chiamati colori impossibili o proibiti. Solo sei persone hanno mai visto questi colori, specialmente durante un esperimento scientifico.

Quali sono questi colori misteriosi? Per quanto strano possa sembrare, da un punto di vista scientifico, ha senso che gli esseri umani non possano vedere tutti i colori. Insieme, i colori fanno parte della nostra luce visibile, che viaggia in onde. La lunghezza di tale onda è chiamata lunghezza d’onda. Percepiamo lunghezze d’onda diverse come colori diversi. Le lunghezze d’onda che vediamo con l’occhio sono chiamate spettro visibile.

Lo spettro visibile per gli esseri umani è compreso tra una lunghezza d’onda di circa 400 nanometri e 750 nanometri. Percepiamo 400 nanometri in viola e 750 nanometri in rosso. Nel mezzo ci sono le lunghezze d’onda che percepiamo come blu, verde, giallo e arancione.

La luce che noi umani percepiamo è una radiazione elettromagnetica. Anche i raggi X ei raggi gamma, ad esempio, appartengono allo spettro elettromagnetico, ma non sono visibili all’uomo e molto probabilmente nemmeno agli animali. Tuttavia, ci sono prove scientifiche che le anguille, alcune farfalle e gli gnu hanno recettori sensoriali che consentono loro di percepire la radiazione magnetica sulla superficie terrestre durante le migrazioni a lunga distanza.

coni

In ogni caso, tutti gli animali e gli esseri umani hanno bisogno di radiazioni specifiche a lunghezze d’onda specifiche per vedere i colori. Ma poi non ci siamo ancora. Abbiamo anche bisogno dell’attrezzatura giusta, vale a dire i nostri occhi e il nostro cervello. L’occhio umano è quindi dotato di recettori del colore, che chiamiamo anche coni. I coni si trovano sulla retina e sono sensibili alle lunghezze d’onda delle radiazioni, che associamo al blu, al rosso e al verde.

Tuttavia: ci sono radiazioni che possono essere osservate dagli animali, ma non dall’uomo. Questi sono colori invisibili agli umani. Il biologo Casper van der Kooi è affiliato all’Università di Groningen e si occupa, tra l’altro, dell’ottica di fiori e animali. “Ha una carica magica, colori che esistono e che non vediamo. Ma alcuni animali hanno recettori diversi che consentono loro di percepire diverse lunghezze d’onda. I serpenti, ad esempio, possono percepire la radiazione infrarossa. Le persone possono sentire questa radiazione, sotto forma di calore, ma non possono vederla. Per le api è vero il contrario: non hanno recettori rossi, ma hanno un recettore che permette loro di vedere il colore ultravioletto. È una radiazione UV ed è invisibile all’uomo. È molto più brillante del viola”.

Le farfalle possono anche vedere la luce UV grazie a uno speciale ricevitore. Dove gli umani hanno tre tipi di coni, la maggior parte delle farfalle ne ha quattro. Stiamo parlando della maggior parte delle farfalle, perché gli scienziati giapponesi hanno studiato una farfalla con non meno di quindici diversi recettori di colore. La farfalla si chiama Graphium sarpedon e quindi l’animale può vedere colori che non possiamo immaginare con i nostri miseri tre coni. “Probabilmente non si tratta solo di recettori UV, ma anche di diversi colori di blu e verde. Dove vedremmo a malapena una differenza tra due colori di blu quasi identici, il Graphium probabilmente vede due colori completamente diversi”, afferma Van der Kooi.

Il viola è un’invenzione del nostro cervello

L’infrarosso e l’ultravioletto possono essere un gioco da ragazzi per alcuni animali, ma per gli esseri umani sono colori impossibili. Ci mancano i ricevitori. Ma ci sono ancora più colori che causano problemi alle persone. Per questo, dobbiamo guardare quell’altra parte della nostra ricezione della luce: il cervello. La percezione dei colori avviene non solo con i coni dei nostri occhi, ma anche con l’interpretazione per la quale abbiamo bisogno del nostro cervello. I colori viola che le persone vedono non vengono rilevati dai coni delle nostre retine. Dopotutto, non abbiamo recettori UV, ma ne abbiamo di blu e rossi. Il nostro cervello lo fa diventare viola. Non è il viola che le farfalle e le api percepiscono con il loro recettore UV. In realtà è un’invenzione, una buona ipotesi del nostro cervello.

Un cosiddetto diagramma di cromaticità mostra chiaramente quali colori vengono prodotti dal cervello umano. Lungo la curva ci sono tutti i colori che i recettori umani percepiscono in modo puro. Tutti i colori lì dentro e lungo la linea retta tra viola e rosso sono combinati dal nostro cervello. E abbiamo fatto molta strada con questo.

Diagramma di cromaticità dello spettro visibile per l'uomo.  Immaginate Ted du Bois

Diagramma di cromaticità dello spettro visibile per l’uomo.Immaginate Ted du Bois

Il diagramma di cromaticità

In un diagramma di cromaticità, possiamo vedere chiaramente quali colori appartengono allo spettro visibile all’uomo. I colori lungo l’arco, a partire dal viola nell’angolo in basso a sinistra per poi passare attraverso il blu, il verde, il giallo, l’arancione e infine il rosso nell’angolo in basso a destra, sono i colori che i nostri ricevitori percepiscono in modo puro. L’intero campo di colore in mezzo sono i colori che il nostro cervello compone, seguendo i segnali di colore puro dai recettori sulla nostra retina. Questo vale anche per la linea retta che collega viola e rosso, vale a dire i colori viola. Al centro circola la luce bianca, che può variare da una luce bianca calda con toni rossi o gialli, a una luce fredda con toni blu.

Eppure ci mancano alcuni colori, affermano gli scienziati americani Brian Tsou e Vince Billock. Tsou e Billock stanno studiando i colori per l’aeronautica americana e hanno scoperto colori che i nostri cervelli semplicemente non riescono a combinare. Questi sono i colori che chiamano impossibili o proibiti. Gli scienziati affermano di essere riusciti a convincere i soggetti di prova a vedere questi colori negli esperimenti. Questi sono i colori blu-giallo e rosso-verde, che non sono assolutamente uguali rispettivamente al verde e al marrone. Il verde è il colore che ottieni mescolando il blu con il giallo. Alcuni verdi sono più tendenti al blu e altri verdi sono più giallastri, ma nessun verde è sia blu che giallo. Lo stesso principio si applica al rosso-verde. Il rosso-verde non è la stessa cosa del marrone, perché il marrone non sembra mai verde e rosso nella stessa misura. Il verde e il rosso scompaiono nel colore marrone, proprio come i colori giallo e blu scompaiono nel colore verde.

Il percorso nervoso è già pieno

Cosa rende il giallo-blu o il rosso-verde un colore proibito? Ha a che fare con il cervello. I coni trasferiscono i dati blu, verdi e rossi alle cellule nervose, che inviano segnali di colore al cervello. I nervi ne fanno quattro colori, vale a dire blu, giallo, verde e rosso. Il modo esatto in cui i nervi trasmettono il segnale al cervello dovrebbe spiegare la teoria dell’opposizione dei colori. Secondo questa teoria esistono due vie nervose: una per il blu e il giallo e una per il rosso e il verde, quindi questi colori sono opposti e non possono essere percepiti contemporaneamente. Un percorso nervoso conduce giallo o blu, ma non entrambi contemporaneamente. Lo stesso vale per l’altro percorso nervoso: diventa rosso o verde.

Questa è la teoria, ma può essere aggirata? Tsou e Billock sono sempre stati timidi riguardo ai dettagli dell’esperimento. I loro rapporti investigativi sono coperti da segreti della difesa degli Stati Uniti e non è stato possibile contattarli per un commento. Ma il neuroscienziato Jeroen Goossens del Donders Institute della Radboud University non pensa che il concetto di essere in grado di vedere colori impossibili sia così folle. Lui stesso ha fatto molte ricerche sul cervello per vedere la luce. “L’idea classica è che il blu e il giallo competono tra loro e uno di quei colori vince nella trasmissione del segnale. Se ti assicuri che il giallo e il blu siano ugualmente luminosi, fornisci un collegamento per i nervi.

Goossens sottolinea inoltre che è importante mantenere stabile la concentrazione. Il bulbo oculare fa sempre piccoli movimenti, proprio come la retina. È quindi difficile concentrarsi costantemente sulle aree di colore. Specchi che accompagnano questi piccoli movimenti fissano lo sguardo sulla superficie colorata, in modo che sia in qualche modo incollato alla retina.

In terzo luogo, non hanno selezionato casualmente i partecipanti all’esperimento, ma i partecipanti che hanno recettori con un’elevata somiglianza nella sensibilità. “Se il tuo recettore blu è molto più sensibile del tuo recettore verde, l’esperimento ovviamente non funzionerà. Allora il giallo è ancora represso. In queste condizioni, è davvero possibile che siano stati osservati nuovi colori.

Basta descriverlo

Secondo i ricercatori americani, l’esperimento è riuscito in sei dei sette partecipanti. Il settimo partecipante si è rivelato vedere solo grigio invece di giallo-blu o rosso-verde. Gli altri sei riuscivano a vedere i colori impossibili, ma avevano grande difficoltà a descriverli. Potevano visualizzare chiaramente i colori per ore dopo l’esperimento.

L’esperimento può anche essere simulato temporaneamente a casa. Hai bisogno di un’area di colore blu e giallo che sia ugualmente luminosa (o un’area di colore rosso e verde ovviamente). Una croce nel mezzo aiuta i tuoi occhi a mettere a fuoco. Con un po’ di pratica, dovrebbe essere possibile mescolare visivamente le aree di colore giallo e blu e vedere un colore giallo-blu.

Ora la domanda è cosa succede al blu-giallo, all’infrarosso o all’ultravioletto se non possiamo vederli. Questi colori rimangono invisibili o il nostro cervello lo interpreta come un colore diverso? Dipende da che colore è. Un dente di leone è uniformemente giallo all’occhio umano, ma agli occhi di una farfalla, i bordi esterni dei petali hanno un colore ultravioletto. L’ultravioletto è invisibile per noi, ma lo vediamo in giallo. Il blu-giallo passerà per una tinta verde e il rosso-verde per un marrone.

Che si tratti dei nostri coni o del nostro cervello, alcuni colori non saranno mai visti dalla maggior parte dei mortali. Ma nelle giuste circostanze, a pochi sembra un gioco da ragazzi.

Veggente gialloblu, punta di Jeroen Goossens

Posiziona l’immagine in basso sull’intero schermo e siediti con il naso e la fronte nella parte superiore dello schermo. Metti la punta del naso sulla linea di demarcazione tra giallo e blu in modo che sia così giallo solo nell’occhio sinistroe il blu solo nell’occhio destro autunno.

Rimanere guarda avantie osserva cosa succede ai colori sulla linea centrale. Sarai quindi in grado di vedere i colori variare dal giallo al giallo-blu al blu al blu-giallo e così via.

Blu, giallo e tutto il resto.Scultura Jeroen Goossens

Leggi anche:

Gli scienziati hanno riparato “spontaneamente” il nervo ottico danneggiato

Gli scienziati sono riusciti a riparare “spontaneamente” i nervi ottici danneggiati. Il loro metodo è al centro del processo di invecchiamento biologico; le possibilità si estendono oltre ciò che l’occhio può vedere.

READ  Il drone dell'elicottero dell'ingegno si è svegliato su Marte, con la perseveranza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *