La nuvola gigante nello spazio intergalattico

C’è qualcosa nello spazio profondo dell’Universo che cattura l’attenzione di molti astronomi. All’interno di un enorme ammasso di galassie si avvolge una vasta nube di gas caldo e debolmente luminoso, la cui origine sembra eludere le conoscenze attuali. In effetti, una nuvola del genere non si era mai vista prima e, insomma, non poteva essere dov’è.

Il primissimo. L’ipotesi che sembra avere più sostanza per spiegare la sua esistenza sostiene che la nube potrebbe essere stata spietatamente strappata da una galassia all’interno dell’ammasso stesso. Se così fosse, sarebbe la prima nuvola di gas mai identificata. Ciò che sorprende ancora di più gli astronomi è che la nuvola stessa non si è dissipata per centinaia di milioni di anni.

Gli ammassi di galassie sono, come suggerisce il nome, gruppi di galassie legate gravitazionalmente. L’ammasso di galassie in cui è stata trovata la nostra nube di gas “orfana” si chiama Abell 1367, o ammasso del leone, e dista da noi circa 300 milioni di anni luce. Contiene almeno 72 grandi galassie e fa parte di un complesso superammasso più ampio. Tali ambienti forniscono infinite informazioni agli astronomi, soprattutto perché possono fornirci informazioni su come il nostro Universo è interconnesso.

“È una scoperta emozionante e sorprendente. Questo dimostra come nuove sorprese arrivino sempre dall’astronomia, la più antica delle scienze naturali”, ha affermato. il fisico Ming Sun ha detto dell’Università dell’Alabama a Huntsville.

Telescopi. Tutto è iniziato nel 2017, quando un gruppo di astronomi utilizzando il Telescopio giapponese Subaru, ha individuato quella che sembrava essere una piccola nuvola calda nell’ammasso Abell 1367. Poiché la sua origine non era chiara, gli scienziati hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino con altri strumenti. come il telescopio a raggi X XMM-Newton dell’ESA e il Esploratore spettroscopico multi-unità del telescopio molto grande (MUSE).

READ  BLOOD SUPER MOON imminente, ma ci sarà anche un'ECLISSI TOTALE. Tutte le INFORMAZIONI »ILMETEO.it

Con loro sorpresa, hanno scoperto che la “nube” era molto più grande di quanto inizialmente pensato: era in realtà più grande della Via Lattea, con una massa circa 10 miliardi di volte quella del Sole. La misteriosa nube inoltre non sembrava essere associata a nessuna delle galassie conosciute nell’ammasso. Stava andando alla deriva, come una nave nell’oceano dell’Universo.

Milioni di gradi. L’enorme quantità di dati raccolti ha permesso ai ricercatori di rilevare la temperatura del gas, fornendo a sua volta indizi sulla sua origine. La temperatura della nube varia tra 10.000°C e 10.000.000°C, all’incirca la stessa di quella del gas che si trova all’interno delle galassie, noto come “mezzo interstellare”.

Ma cosa fa questo gas “in giro” tra le galassie invece di rimanere al loro interno? Secondo Sun, il cui lavoro è stato pubblicato su Avvisi mensili della Royal Astronomical Society, il gas è rimasto indietro rispetto alla galassia madre che lo conteneva, che, per ragioni sconosciute, ha subito un’accelerazione della velocità. “È come quando corri controvento e i tuoi capelli e i tuoi vestiti volano all’indietro”, ha spiegato Sun.

Un affascinante indovinello. Tuttavia, una volta rimossa dalla galassia ospite, la nube dovrebbe essere evaporata nel mezzo intergalattico, un po’ come il ghiaccio che si scioglie in estate: eppure ciò non è avvenuto… Tutto ciò è dunque affascinante, ma anche abbastanza strano. Soprattutto perché i ricercatori non sono riusciti a trovare galassie vicine alla nuvola che potrebbero spiegare cosa è stato emesso.

Per risolvere questo enigma, o per cercare di spiegare perché il gas non si è sciolto, il gruppo di astronomi guidato da Sun ha creato una serie di modelli attraverso i quali ha scoperto che un campo magnetico poteva tenere insieme la nube di gas, guadagnando così le instabilità che altrimenti l’ho strappato. Se questa ipotesi fosse confermata, potrebbe anche aiutare a identificare la galassia da cui è scappata la nube, ma sarà comunque un lavoro molto lungo…

READ  Scienza: perché i gatti hanno strisce e macchie sui loro cappotti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *